MotoGP: 100 volte Valentino Rossi Gallery


Valentino Rossi ha scritto un altro capitolo della propria straordinaria carriera oggi, in Olanda nel GP di Assen, divenendo il secondo pilota nella storia ad aver toccato quota 100 GP vinti. Tredici anni dopo la sua prima vittoria in 125, l'italiano ha realizzato pole position, giro veloce e vittoria di fronte al folto pubblico della Cattedrale del motociclismo.

Quella di ieri è la 40a vittoria con la Yamaha! Ciò significa che oltre la metà delle sue vittorie nella categoria regina sono state conseguite con la Casa Giapponese. L'otto volte campione del mondo è partito benissimo, scattando dalla pole e transitando secondo al termine del primo giro. Poco dopo ha superato Stoner e ha conquistato la leadership, che non ha più ceduto fino alla fine.

Con Stoner al terzo posto, la classifica generale è comunque strettissima: Rossi conduce con 131 punti, Lorenzo è secondo a 126 e Stoner li tallona a 122. Ora la carovana del Motomondiale si trasferisce in California, a Laguna Seca, dove, tra una settimana, si terrà l'ottavo appuntamento della stagione. A seguire le dichiarazioni del pilota di Tavullia.





“E' un momento emozionante. Lo ricorderò per il resto della mia vita. Quando ho raggiunto la settantesima vittoria, mi pareva che quota cento fosse molto lontana. Invece, eccomi qui. E divertendomi parecchio. E' merito di tante persone; di Jeremy e dei ragazzi, che sono con me da dieci anni. E di tutto il team, che lavora sempre al massimo per darmi la miglior moto possibile. Un ringraziamento speciale agli amici di una vita e a mio padre Graziano, che qui ha vinto trent'anni fa, quando ero bambino, e a mia madre Stefania: mi hanno sempre dato tutto il loro appoggio. E' bello avere ottenuto questo risultato qui ad Assen, considerata la “Cattedrale” del motociclismo, nonché uno dei tracciati storici in cui si articola il campionato. Oggi la gara è stata perfetta, sono partito molto bene e la moto era perfetta. Penso sia stato meglio per il cuore, e per tutti, non aver prodotto un'altra gara all'ultimo respiro come a Barcellona. In alcune parti del tracciato accumulavo un buon vantaggio su Lorenzo, e la gara è stata grande. Con cento vittorie, sono appena il secondo pilota ad avercela fatta. Agostini, comunque, ne conta 22 in più e per me lui è ancora il più grande. Cento è un gran bel risultato, ma l'atmosfera nel team e la motivazione sono ancora alte: abbiamo sempre sete di vittorie...”











  • shares
  • +1
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: