Adventuriders verso Elefantentreffen 2009: day by day

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Eccovi il racconto day by day del mitico viaggi degli Adventuriders verso Elefantentreffen 2009.

Giovedì 29 gennaio
Primo giorno di avvicinamento ala mitica "buca" dell'Elefante, percorsi in circa dieci ore circa 350km tutti rigorosamente attraverso strade provinciali data la cilindrata limitata dei mezzi e l'impossibilità di accedere all'autostrada. In compenso abbiamo incontrato scorci e paesaggi fantastici e un tempo piuttosto clemente con un cielo quasi sempre soleggiato.

La neve ai bordi delle strade ha però accompagnato in costantemente la allegra carovana di scooter che ha proceduto ad andatura limitata (circa 50km/h) ma costante e senza alcun intoppo. Gli stop programmati hanno riguardato esclusivamente i rifornimenti per la benzina e olio per il miscelatore, i ragazzi non si sono fermati neanche a pranzo utilizzando la sosta di rifornimento benzina per mangiare barrette energetiche e qualche merendina in modo da non perdere le ore calde per percorrere il maggior numero di chilometri possibili.

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Al termine della giornata il gruppo ha raggiunto il paesino di Walchsee nella località di Durchholzen posto al confine tra Austria e Germania domani mattina passato il confine si procederà in direzione Salisbrugo per poi spostarsi a nord in direzione Passau verso il confine con la Cecoslovacchia nella speranza di raggiungere la “buca” entro la notte di venerdì.

Oggi gli Adventurideres hanno percorso oltre 350km senza sosta e con i piccoli Free che non hanno mostrato il minimo problema, unico neo una innocua caduta di Boltz (190cm per 90kg di peso) durante la discesa dal passo del Brennero, quì dopo aver perso l’anteriore su una lastra di neve circa 20km ha fortunatamente terminato la scivolata impattando con il gomito contro un mucchio di neve fresca riuscendo solo a bucare il giubbotto Tucano prontamente riparato con del nastro americano.

La neve coprotagonista della giornata è stata presente in modo evidente soprattutto sul passo del Brennero dove oltre alla neve anche la temperatura si è dimostrata particolarmente rigida ma con l’aiuto dei famosi “scaldini chimici” e numerosi protezioni pluristrato anche questo ostacolo è stato superato. Anche domani sveglia alle 6.30 per lasciare l’Austria prima delle ore 8 e provare con soli due giorni di viaggio a raggiungere il luogo del raduno.

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Venerdì 30 gennaio
La mattina sveglia molto presto con la speranza di riuscire ad avviare la carovana per le ore 7.30 ma qualche motorino dopo la notte al freddo e nella neve stenta a partire con temperature sull’ordine dei meno 10 gradi, i ragazzi dormono in un hotel al confine tra germania e austria proprio sulle piste da sci di un piccolo paesino austriaco.

Una volta avviati tutti gli scooter si parte oggi ci aspettano circa 300km su piccole strade provinciali attraversando oltre 20 piccoli paesi della zona a sud est di Monaco. Durante la giornata tutto va avanti in modo corretto. Unico neo alcuni errori di navigazione legati alla scarsa segnaletica stradale che inducono più volte a dover correggere la rotta non riuscendo a seguire la strada prefissata.

Questo causa qualche km in più ai piccoli scooter e ogni tanto è necessario anche tornare indietro. Attraversando le pianure tedesche capita di non trovare un distributore aperto per numerosi chilometri così che la bassa autonomia degli scooter che riescono a contenere solo quattro litri di benzina nel serbatoio crea qualche piccolo problema ad alcuni ragazzi che si trovano così ad un tratto senza benzina.

Fortunatamente ognuno di loro ha a disposizione nel sottosella una piccola bottiglia da un litro con altra benzina, le percorrenze medie degli scooter sono state sempre superiori ai 30km litro, così anche l’unico litro portato di scorta diventa una risorsa importante. Verso le 17 del pomeriggio finalmente si raggiunge la cittadina di Solla le cui campagne ospitano il famoso raduno. L’ultimo tratto è piuttosto impegnativo con freddo neve e soprattutto una salta che si arrampica sulla montagna con una pendenza di circa il 15%.

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Qui si avanza lentamente a circa 20km/h e qualcuno deve cerca anche di aiutarsi spingendo con i piedi. Ma sulla collina scoppia la felicità tutti e 11 gli scooter sono arrivati alla meta tra lo stupore generale. Qui scattano i festeggiamenti tra i numerosi motociclisti che osservano increduli la piccola flotta di scooter giunti dall’Italia fino quasi al confine con la Cecoslovacchia.

Unico problema una volta nella valle scopriamo che non c’è quasi più posto gli unici spazi sono molto disagiati e posti sui lati della collina in posizioni molto scoscese e scomode per montare la tenda. Inoltre le balle di fieno fornite a tutti i campeggiatori dall’organizzazione sono terminate quindi scatta un giro nelle campagne limitrofe per poter acquistare qualche piccola balla di paglia dai contadini disponibili.

Dopo una lunga e fortunata ricerca trovano una balla da acquistare a circa 25km dal luogo del raduno. Purtroppo è una balla di fieno di quelle enormi e cilindriche quindi si va a caricare con il carrello, dove cmq fatica a stare ma almeno l’isolamento dalla neve sarà garantito. Per il posto invece si preferisce stare a circa un km dall’accampamento grande sfruttando il grosso parcheggio per le auto che è sulla collina qui si riesce ad ottenere un largo spazio dove montare le tre tende vicine tra loro e su un terreno ben pianeggiante a ridosso di un albergo e ristorante che torna utile per il pranzo e la colazione.

Qui i ragazzi si organizzano con tende brandine letti e tanta paglia mentre un bel fuoco viene acceso di fronte alla tenda. Nel tardo pomeriggio un bel giro in buca come si usa dire da queste parti. Si perché per chi non lo sapesse il raduno è fatto una conca dove alla case della conca già nella fossa c’è un ovale tutto innevato lungo circa 60m e largo 30.

Questa è la buca, luogo sacro e punto centrale e nevralgico dell’Elefantentreffen, qui si arriva con unna ripida discesa dove è facile perdere il controllo della moto per questo moltissimi utilizzano sidecar o moto con le catene. Qui c’è un anello esterno che va percorso almeno una volta girando in moto per celebrare la propria presenza all’Elefante. Tutto intorno alla buca nelle colline ai lati si snodano queste sterminate distese di tende accampate in qualche modo tra neve paglia e prati.

La presenza anche quest’anno è di quelle importanti, circa 5.000 moto partecipanti al raduno che hanno pagato l’ingresso nella “buca” più visitatori organizzazione (un po’ carente) e ospiti. Una volta nel centro del raduno i piccoli scooter vengono osservati con divertimento da tutti tra lo stupore generale nell’apprendere la loro avventura.

Che ricordiamo essere nata dall’idea di questo gruppo di motociclisti (molti appartenenti al gruppo bandit.it e ad altri gruppi), ragazzi quasi tutti over 40 che passano spesso i loro week end praticando mototurismo, ma che all’Elefante sono voluti arrivare su dei piccoli scooter acquistati in blocco su E-Bay da un comune toscano che dismetteva i mezzi utilizzati dai postini ma ormai diventati vecchi. Tanto lavoro per ricondizionare gli scooter, sostituzione d’ufficio del reparto trasmissione (cindia variatore molla e pesetti), sostituzione di tutti i pneumatici e di tutti i comandi del gas.

Poi tanto lavoro su ogni scooter a seconda delle necessità, dalla sostituzione dei cuscinetti di banco alla pulizia o sostituzione delle marmitte a tanti altri piccoli lavorini di manutenzione. Pochi gli aiuti e gli sponsor, che hanno provveduto con sconti sul materiale, mentre Tucano ha inviato 11 kit di abbigliamento protettivo per il freddo. Bello ricevere oltre ai complimenti e agli apprezzamenti di molti motociclisti anche un po’ di notorietà di quanti avevano appreso dell’avventura proprio dalle pagine di Motoblog.

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Sabato 31 gennaio
La prima vera giornata di relax, un giorno quasi senza andare in motorino, cercando un po’ di riposo e trascorrendo parte del tempo nella vita autentica da Elefante immergendosi in quei colori ed in quell’ambiente apparentemente tanto lontano dal viaggio in scooter sostenuto per giungere fin qui. Il clima è mediamente ospitale e ricchissimo di presenze italiane con motociclisti e gruppi da ogni regione d’Italia.

Gli stranieri sono mediamente conviviali e ospitali a parte qualche “local” in po’ sopra le righe e qualche tedesco poco educato per il resto grande rispetto e spirito di amicizia tra tutti. Nella tarda mattinata i ragazzi organizzano anche una piccola gara tra gli 11 scooter all’interno del tracciato ovale e innevato della buca, con partenza stile endurance e 4 giri della buca che divertono tutti i presenti e aumentano il gradimento e l’ammirazione da parte di tutti i presenti verso questo insolito gruppetto di mezzi “alternativi”.

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Bellissimo girare nell’accampamento per scoprire moto decisamente insolite e spesso rarissime e di grande valore. Sorprendente il numero di mezzi della seconda guerra mondiale presenti al raduno, e una quantità di sidecar pari circa al 30% del totale presenti.

Domenica 1 febbraio
Sveglia prestissimo smontaggio tende per il viaggio di ritorno che si annuncia difficile poiché alla stanchezza dei ragazzi si aggiunge un inasprimento del clima ed un certo affaticamento dei mezzi. Così molti scooter stentano a partire e diventa necessario sostituire un paio di candele nel massimo della fretta.

Dopo poco dalla partenza uno dei Free buca una gomma ma il Fast auto riparante non funziona e viene caricato lo scooter sul carrello fino alla prima area di servizio nel frattempo uno scooter resta senza benzina ma si risolve il problema utilizzando alcuni litri di scorta trasportati sotto la sella. Si riparte dall’area di servizio dopo aver riparato la gomma dello scooter e controllato il tutto ma dopo poco uno scooter ha problemi a uno scarico ma si risolve il tutto con una riparazione volante nella zona del collettore.

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Così nonostante le disavventure rallentano la tabella di marcia verso cena giungono tutti con le “loro ruote” all’Hotel già utilizzato nel viaggio di andata e posto nel paesino austriaco subito a ridosso del confine con la Germania. Per ora gli 11 scooter sembrato tutti funzionanti, Bisogna solo aspettare domani sera nella speranza che tutti giungano in Italia nella base di Londrone nelle vicinanze di Brescia.

Ricordiamo che l’equipaggio completo è composto da 12 mezzi poiché oltre agli 11 Free è presente anche una Laverda 125cc del 1980 motorizzata Zundap che durante tutto il viaggio ha scortato gli scooter dimostrando un livello di efficienza veramente disarmante nonostante l’età e la tipologia del mezzo!

Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day
Adventuriders verso Elefantentreffen 2009 - day by day

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
9 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO