Test conclusi per Max Biaggi sull'Aprilia RSV4

Max Biaggi su Aprilia RSV4Si sono conclusi ieri sulla pista di Valencia i due giorni di test di Max Biaggi sull'Aprilia RSV4.

La squadra di Noale non ha diffuso informazioni sull’esito del test, tenendo fede all’impegno assunto con il Team Ducati Sterilgarda di Marco Borciani, alla quale il fuoriclasse romano è legato fino al conclusivo GP del Portogallo (2 novembre). Il pilota romano ha intervallato brevi uscite in pista a lunghe soste nel box, tipico lavoro che viene compiuto all’inizio dello sviluppo.

Obbiettivo del test acquisire il giudizio di Biaggi sul progetto in generale: motore, telaio, componentistica. Il test team, sotto la supervisione del direttore tecnico Aprilia Luigi Dall’Igna, ha cominciato ad adattare la moto alle specifiche esigenze di Max, concentrando il lavoro soprattutto sul propulsore quattro cilindri a V con bancate inclinate di 65°.

Nelle successive tappe di sviluppo il Team Aprilia lavorerà sulla ciclistica. In questo senso il test di Valencia ha detto poco, perché l’Aprilia non disponeva delle coperture Pirelli (fornitore unico della SBK) di ultima generazione. Quindi il lavoro sulla geometria della moto, sull’assetto e sulle sospensioni entrerà nel vivo dalla prossima uscita, programmata il 4-5 novembre sull’inedito tracciato di Portimao, due giorni dopo la conclusione del Mondiale.

A Portimao Biaggi, per la prima volta, avrà intorno a se gli stessi tecnici che lo seguiranno durante il campionato; a guidarli Giovanni Sandi, storico capomeccanico che già era in Aprilia (e con Max) ai tempi del triplice Mondiale 250 1994-96. In Portogallo saranno in pista anche Yamaha ufficiale e alcune formazioni satellite Ducati, quindi per Biaggi sarà il primo, vero esame.

via | Gazzetta.it
foto | vallespi

  • shares
  • Mail
65 commenti Aggiorna
Ordina: