Mugello: Jason Dupasquier non ce l’ha fatta

Il 19enne pilota svizzero del team Prustel GP soccombe alle ferite riportate nelle qualifiche del GP d’Italia al Mugello

La notizia che nessuno avrebbe voluto sentire è arrivata al termine del GP d’Italia della Moto3: a causa delle ferite riportate nel brutto incidente occorso ieri durante le qualifiche della classe cadetta al Mugello, è scomparso il 19enne pilota svizzero Jason Dupasquier.

Secondo quanto ricostruito, il giovane asso del team Prustel GP avrebbe perso il controllo della propria KTM all’altezza dell’Arrabbiata-2, venendo poi investito dalle moto di Jeremy Alcoba e Ayumu Sasaki e riportando lesioni molto serie alla testa e al torace.

L’episodio, apparso subito gravissimo, aveva portato all’immediata esposizione delle bandiere rosse, con i primi soccorsi apportati a Dupasquier direttamente sul tracciato prima del trasferimento, via elicottero, presso l’Ospedale Careggi di Firenze. Durante la notte, alla luce di un quadro neurologico particolarmente critico, il giovane elvetico è stato poi sottoposto a operazione chirurgica, ma purtroppo, alla fine, non ce l’ha fatta.

Figlio di un ex-pilota di motocross, Dupasquier era alla sua seconda stagione nella classe cadetta del Motomondiale. Dopo essersi “fatto le ossa” nei campionati nazionali Swiss Supermoto, nel 2016 era passato alle corse su asfalto gareggiando nella classe Moto3 del CEV prima e nella Red Bull Rookies Cup poi.

 

I Video di Motoblog

Ultime notizie su Moto3

Tutto su Moto3 →