Manutenzione moto: il lavaggio

La manutenzione della nostra amata moto parte dal lavaggio: ecco come effettuare la pulizia in maniera accurata

Ci stiamo preparando un po’ tutti per le ferie estive e, sicuramente, fra i lettori c’è anche chi ha in programma di fare un bel viaggio in moto. Sappiamo già che è fondamentale dedicarsi alla manutenzione del mezzo prima di iniziare a macinare chilometri. Ma da dove partiamo?

Naturalmente, dal lavaggio. Chi si sognerebbe di fare manutenzione ad una moto sporca? Rimuovere le incrostazioni, il grasso superfluo, è d’obbligo per avere sempre una moto efficiente e per scoprire eventuali perdite di liquido o crepe nel tubi.

Protezione e prodotti adeguati

Dunque, armatevi di pazienza e di prodotti adatti, tappate lo scarico della moto e via con il lavaggio. Non dimenticate, inoltre, di proteggere le parti elettriche e le prese d’aria.

Vi serve uno shampoo per moto, che non rovini le carenature, il metallo e la gomma, una spugna per il forcellone e per i cerchi, un pennello per rimuovere lo sporco più ostinato, una pezza di pelle sintetica e della carta assorbente. Niente idropulitrici per le nostre amate, solo il classico tubo di gomma.

Il lavaggio

Con il tubo di gomma e una spugna insaponata, diamo la prima passata alla moto. Se lo sporco non dovesse andare subito via, bisognerà passare e ripassare la spugna, o il pennello, nel caso di spazi ristretti.

L’asciugatura con la pezza di pelle sintetica deve essere immediata, altrimenti le goccioline d’acqua resteranno (fastidiosamente) sulle parti verniciate e sul telaio. La carta assorbente potete utilizzarla per asciugare il forcellone e i freni.

Dopo questa fase, è il momento di liberare lo scarico, le prese d’aria e le parti elettriche e mettere in moto. In questo modo, il calore del motore farà asciugare tutti i componenti nascosti e ancora umidi.

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →