Filo interdentale come “trappola per motociclisti”: la FMI condanna lo spot

Il filo interdentale, nello spot, viene teso fra due alberi da due guardaboschi, con l’intento di fermare gli enduristi. È polemica.

Uno spot sicuramente di impatto, ma poco riuscito, se guardato con gli occhi di un motociclista. Nello spot si vede il filo interdentale utilizzato come “trappola per motociclisti“.

Il prodotto pubblicizzato, abitualmente utilizzato per l’igiene orale, infatti, viene teso fra due alberi, in un bosco, da due guardaboschi, con l’intento di fermare gli enduristi.

Magari l’ideatore dello spot non ha mai provato ad immedesimarsi in un endurista. Magari non ha mai pensato che possa trattarsi di una pratica barbara e pericolosa. In ogni caso, è polemica sullo spot, visto che nessuno è riuscito a coglierne l’ironia.

La Federazione Motociclistica Italiana, in primis, si è espressa sull’argomento, rilasciando un comunicato:

“In seguito ad uno spot pubblicitario che gira su Youtube e che si annuncia di più larga diffusione anche su altri canali e piattaforme televisive, la Federazione Motociclistica Italiana protesta energicamente per il messaggio contenuto nello spot.

Nel video infatti si vede come l’oggetto reclamizzato, un filo interdentale, venga steso attraverso un percorso sul quale stanno arrivando due motociclisti. Sulla creatività di dubbio gusto ci sarebbe già da discutere ma il fatto grave ed inaccettabile è che, purtroppo, molti motociclisti sono stati vittime di comportamenti analoghi con cavi e filo spinato, messi come trappole per impedire il libero accesso con conseguenze gravi ed anche mortali.

Per questo motivo e per il messaggio deprecabile e fortemente diseducativo che viene trasmesso, la FMI intende diffidare la società che ha realizzato lo spot e la stessa ditta produttrice del prodotto che lo ha approvato, riservandosi di intervenire presso le Autorità competenti con le modalità previste dalla legge.”

Nel frattempo, il video è stato rimosso da YouTube.

Ultime notizie su Enduro

Moto enduro: novità, prove, competizioni e anteprime.

Tutto su Enduro →