Caricasulo in SBK nel 2020 con GRT Yamaha

Il 23enne italiano debutterà in Superbike con la YZF-R1 lasciata libera da Melandri e con l'americano Garrett Gerloff come nuovo compagno di box

Il 23enne ravennate Federico Caricasulo, al momento in lizza per il titolo mondiale della Supersport 2019 con il team Bardhal Evan Bros Yamaha, effettuerà l'anno prossimo il sospirato "salto di categoria" per debuttare nel Mondiale Superbike con il team GRT Yamaha, con cui ha già corso nella sua attuale categoria nelle stagioni 2017 e 2018.

Insieme al "Carica", il team "semi-ufficiale" di casa Yamaha ha ufficializzato oggi anche l'ingaggio del 24enne statunitense Garrett Gerloff, rivelazione della MotoAmerica 2019. Idealmente, Caricasulo va quindi a rimpiazzare nel team GRT un illustre concittadino, il 37enne Marco Melandri che ha già annunciato tempo fa il ritiro dalle corse, mentre rimane per il momento "a piedi" l'iridato uscente della Supersport, il 29enne tedesco Sandro Cortese.


Le 2 vittorie e gli altri 7 podi conquistati in questa stagione da Caricasulo hanno evidentemente convinto i vertici di GRT Yamaha a "lanciarlo" nella classe regina, una chance che l'italiano aspettava da tempo:

"Per me è un sogno che diventa realtà! Avere la possibilità di approdare nel Mondiale Superbike è già di per sé una cosa fantastica per me, ma avere l’opportunità di farlo con Yamaha e in un team che conosco già bene è un qualcosa di incredibile."

"Sono cresciuto molto come pilota nel team GRT Yamaha, con loro sono riuscito a capire il mio vero potenziale sul palcoscenico internazionale e adesso sono davvero entusiasta all'idea di iniziare questa nuova avventura insieme a loro."

Prima di saltare in sella alla sua nuova YZF-R1, Caricasulo vuole però giocarsi tutte le sue carte per conquistare il titolo iridato della WSS, che si risolverà questo weekend con il round finale di Losail e nel quale è chiamato a sopravanzare il compagno di box Randy Krummenacher:

"In questo momento, però, devo mettere tutto questo da parte e di concentrarmi solo sulla gara conclusiva del Mondiale Supersport. Sono secondo in campionato, a solo otto punti dalla vetta, e tutto può ancora accadere nell'ultima gara."

Nulla potrebbe rendermi più felice del fatto di passare in Superbike con il titolo di Campione del Mondo della Supersport fresco di conquista, ed è esattamente per questo che darò tutto me stesso la prossima settimana in Qatar".

  • shares
  • Mail