Moto2, Marini in Qatar: "Sensazioni positive"

Smaltito l'intervento chirurgico alla spalla, l'asso italiano è pronto iniziare una stagione 2019 che lo vede tra i favoriti per il titolo.

Dopo aver catapultato Francesco Bagnaia verso il titolo Mondiale Moto2 dello scorso anno (prima di vederlo emigrare in MotoGP verso Ducati Pramac), lo Sky Racing Team VR46 si appresta ad iniziare la stagione 2019 nella piena consapevolezza dei suoi grandi mezzi e con una "prima guida" più o meno dichiarata con la quale punta a ripetere il trionfo della scorsa stagione: Luca Marini.

Archiviato un 2018 in cui è riuscito a conquistare la prima pole (a Brno) e la prima vittoria (a Sepang) nella "classe cadetta" del Motomondiale, Marini sembra infatti aver raggiunto la maturità necessaria per puntare quest'anno al "bersaglio grosso", forte di un team "di peso" con il quale è già ben affiatato e di una grande fiducia nelle proprie potenzialità.

Il 21enne marchigiano, dopo essersi sottoposto ad un intervento chirurgico alla spalla in dicembre, è tornato già in pista nei test invernali per "saggiare" le qualità della sua nuova Kalex - da quest'anno equipaggiata con il tricilindrico Triumph - e si è dichiarato pronto per la nuova stagione che inizierà questo weekend con il GP del Qatar (clicca qui per orari e copertura TV):

"È stata una lunga pre-season, che ha compreso il primo approccio alla nuova moto con il nuovo motore e l'operazione alla spalla. Le sensazioni comunque sono positive, sia dal punto di di vista fisico che alla guida, e c'è tanta voglia di iniziare la nuova stagione."

"Abbiamo fatto un gran lavoro nel box, ma la strada davanti a noi è ancora lunga: dobbiamo continuare a rimanere concentrati e a non lasciare nulla al caso, per essere competitivi e veloci fin dalla prima sessione."

Il nuovo "dirimpettaio di box" di Marini nel box Sky sarà il "compagno di corso" nella VR46 Riders Academy Nicolò Bulega, finalmente approdato nella classe intermedia dopo un 'triennio di passione' in Moto3, una categoria forse troppo "leggera" per un pilota della sua stazza. Il 19enne romagnolo punta a riscattarsi già dal round inaugurale di Losail:

"Da rookie, è stata una buona pre-season per me: sono stato veloce nel test di Jerez, ma anche qui a Losail sono riuscito a fare un gran lavoro sul passo e a girare bene, anche con la gomma usata."

"Ci siamo concentrati principalmente sul passo, per essere in grado di affrontare al meglio l'intera distanza di gara, e adesso non vedo davvero l'ora che arrivi il venerdì!"

  • shares
  • Mail