Marco Melandri: "una giornata positiva per noi"

Il ravennate: "Dobbiamo mettere insieme tutti i pezzi del puzzle e trovare un buon compromesso per domani"

melandri.jpg
Da sempre Donington Park è un circuito da croce e delizia, con le sue due parti estremamente differenti tra loro. Il circuito inglese, famoso per la sua prima parte da toboga, per poi chiudere con i suoi allunghi e le staccate perentorie, è un tracciato complicato per l'assetto di una moto. Ne è convinto anche Marco Melandri, tutto sommato soddisfatto del venerdi di prove sul tracciato inglese, nonostante una quarta posizione generale che vede davanti a se sia Chaz Davies, che sopratutto il duo Kawasaki con un Rea già molto forte in termini di passo gara.

Melandri deve cercare di dare una sterzata, un colpo di reni ad un campionato che lo sta comunque vedendo ottimo protagonista al rientro. Servirebbe l'alloro, la vittoria a sugello per cambiare marcia. E qui a Donington il ravennate mostrò per la prima volta tutta la sua forza all'esordio in Superbike con la Yamaha....

Marco Melandri (Aruba.it Racing - Ducati #33) – 1’28.153 (4º)

“È stata una giornata positiva per noi. Siamo partiti con il piede giusto questa mattina e la Panigale R ha funzionato bene da subito. Al pomeriggio abbiamo provato alcune modifiche; alcune hanno dato buoni riscontri, altre meno. Dobbiamo mettere insieme tutti i pezzi del puzzle e trovare un buon compromesso per domani, perché è difficile essere al 100% sia nella parte veloce che in quella lenta e la pista è piuttosto accidentata nonostante i lavori di riasfaltatura. Sarà una gara combattuta, con tanti piloti veloci e l’aggiunta dell’incognita meteo. Dobbiamo farci trovare pronti”.

  • shares
  • Mail