SBK, Ducati alla caccia delle verdone ad Aragon

Il Campionato Mondiale Superbike rientra in Europa: prima tappa Aragon per il team Aruba.it Racing - Ducati

ducati-sbk-tailandia-gara-2-1.jpg

Superbike Aragon 2017 - Le derivate dalla serie tornano in Europa per il Gran Premio di Aragona che si corre il prossimo week-end al MotorLand da dove la Ducati è intenzionata a iniziare la rimonta. Il tracciato alle porte di Alcañiz evoca dolci ricordi per la squadra, che con Chaz Davies vi ha vinto tre volte (con altrettanti giri veloci in gara) ed un secondo posto nelle scorse due stagioni. Anche Marco Melandri ad Aragon ha ottenuto due vittorie e tre podi in SBK.



Per entrambi i compagni di squadra, che hanno raccolto complessivamente cinque podi nei primi due round, l’obiettivo è quello di mettersi alle spalle il difficile round di Buriram e puntare alla vittoria per rilanciare la scalata alla vetta della classifica iridata, infatti, Davies (70 punti) e Melandri (45 punti) sono rispettivamente 2° e 5° nel campionato dominato dal campione del mondo Jonathan Rea (Kawasaki) che ha già vinto 4 gare su 4.

2017-superbike-ducati-phillip-island-6.jpg

“Sono pronto ad affrontare le prime gare in Europa. - ha detto Chaz Davies - I primi due round sono sempre un po’ atipici. In un certo senso si ripartirà da zero, e la stagione entrerà nel vivo. Ad Aragon sono sempre stato veloce, per un motivo o per l’altro, ma c’è sempre margine per migliorare e fare passi avanti. In Spagna proveremo a definire la nostra base per il prosieguo della stagione e capire meglio il nostro livello. Ad ogni modo, siamo in una posizione migliore rispetto ad un anno fa, in termini di punti. Peccato per la caduta in Gara 2 in Tailandia, è stata un po' strana ma siamo anche stati fortunati con le bandiere rosse. Siamo secondi in classifica, ma naturalmente puntiamo a raccogliere risultati migliori”.

2017-superbike-ducati-phillip-island-13.jpg

“Sono contento di tornare a correre in Europa, su piste a noi più familiari. - ha dichiarato invece Marco Melandri prima di partire alla volta della Spagna - Le prime due gare sono state difficili, ma sicuramente positive. Aragon è una pista dove la squadra ha fatto molto bene negli ultimi anni, quindi è un appuntamento importante per noi. Anche io ho vinto due volte lì, ma nella vecchia configurazione, con il tornantino finale. Nei test invernali abbiamo fatto un buon lavoro, anche se da allora il nostro assetto di base è leggermente cambiato. Mi aspettavo di essere più competitivo con gomme usate in Tailandia invece i nostri avversari diretti avevano qualcosa in più, quindi Aragon rappresenterà una bella prova del nove. Comunque sarà difficile andare in fuga, mi aspetto un arrivo in volata. Fisicamente sto bene e sento di poter dire la mia”.

  • shares
  • Mail