Superbike: Rea, Sykes e Davies i più veloci nei test di Jerez [Foto]

Giornata di test a Jerez per i piloti del Mondiale SBK. Tempi e classifica

E' stato un lunedì di straordinari per buona parte dei piloti e squadre della Superbike che, dopo le due manche del week-end, si sono fermati sul circuito andaluso di Jerez per una giornata di test in ottica 2017. Aiutate dal meteo particolarmente benevolo, con sole e temperatura mite sul tracciato spagnolo, quindici moto hanno girato in pista dalle 10 alle 18, utilizzando le nuove coperture Pirelli, che ha portato due soluzioni per l'anteriore e tre al posteriore.

test-jerez-17-10-2016-sykes.jpg

Il più veloce è stato di Johnny Rea (Kawasaki), che ha fermato il cronometro sul tempo di 1'40.815, un tempo di circa sette decimi più rapido del best-lap del vincitore sia della manche di sabato che di quella di domenica, Chaz Davies (Ducati), che è rimasto sugli stessi crono segnati in gara (1'41.563 ieri), terzo dietro anche all'altro pilota Kawasaki, Tom Sykes (1'41,056). Quarto posto per Sylvain Guintoli (Yamaha), davanti a Nicky Hayden (Honda).

Per le squadre è stata l'occasione per provare soluzioni in vista del prossimo campionato, secondo le nuove e più restrittive regole che avvicinano maggiormente le moto ai modelli di serie. Divieto di utilizzo quindi di corpi farfallati divisi come invece avviene quest'anno.

test-jerez-17-10-2016-davies.jpg

Kawasaki, sotto questo aspetto, ha portato in pista la Ninja già in configurazione 2017 facendo, con Sykes, un confronto back-to-back tra due diverse geometrie di telaio, oltre che test di elettronica, mentre Rea ha provato nuove forcelle anteriori ed un diverso ammortizzatore posteriore, cercando il feeling anche a gomme usurate.

In casa Ducati il lavoro si è invece concentrato sulla prova di nuove componenti, specialmente per quanto riguarda elettronica e reparto sospensioni. Lavoro in previsione prossima stagione, ma anche focalizzato sull'appuntamento finale del 2016 a Losail per Yamaha, mentre il team Honda si è concentrato su nuove forcelle anteriori e pinze freno, oltre che su diversi settaggi per frizione ed ammortizzatore di sterzo, con VdMark che, con 94 giri, è risultato il pilota autore di più tornate a referto.

test-jerez-17-10-2016-guintoli.jpg

Anche il team BMW Althea ha lavorato su nuove forcelle anteriori, mentre il team Toth (Yamaha) ha eseguito una confronto tra le nuove specifiche di motore e l'unità che ha permesso a Sebestyen di conquistare il primo punto iridato dell'anno nella gara di sabato.

test-jerez-17-10-2016-hayden.jpg

Grande movimento nel box del Team Pedercini Racing, con Al Sulaiti che ha portato in pista la Ninja in configurazione WSBK, mentre Suchet e Mychalchyk si sono alternati sulla Superstock 1000. Assenti Barni Racing Team, Grillini Racing Team, IodaRacing Team, Milwaukee BMW, VFT Racing Team e GOELEVEN, che avevano già pianificato di non partecipare alla giornata di test.

test-jerez-17-10-2016-vd-mark.jpg

Nel corso della giornata ci sono state alcune cadute e fuori pista, fortunatamente senza conseguenze per vari piloti, tra cui Mykhalchyk, Al Sulaiti, Davide Giugliano, Jordi Torres e Markus Reiterberger. Nel corso dell'ultima ora di prove, Tom Sykes è stato fermato da un problema tecnico alla prima curva.

test-jerez-17-10-2016-jordi-torres.jpg

Le moto riaccenderanno i motori la prossima settimana, per l'ultimo appuntamento della stagione, che andrà in scena sulla pista di Losail, in Qatar, dove Sykes proverà il tutto per tutto per tentare di strappare il titolo 2016 al compagno di squadra Rea, che guida la classifica con 48 punti di vantaggio sui 50 disponibili, mentre Davies, ormai fuori dalla lotta mondiale, cercherà di sopravanzare l'inglese della Kawasaki attualmente secondo in classifica.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail