Michael Rutter 3° al TT Lightweight 2015 : Team Paton, "grande equilibrio e professionalità"

Successo Paton con la S1 all’ultimo TT svoltosi sul mitico circuito del Mountain dell’Isola di Man.

L’ultimo TT svoltosi sul mitico circuito del Mountain dell’Isola di Man dal 30 maggio al 12 giugno si è rivelato un successo per la Paton S1 guidata da Michael Rutter nella categoria Lightweight. La moto prodotta dalla storica azienda milanese ha infatti guadagnato il podio con un brillante terzo posto alla media di 117,657 mph, prestazione che gli sarebbe valsa la vittoria nell’edizione 2014. Sul gradino più alto è salito invece Ivan Lintin alla guida di una Kawasaki della scuderia RC Express Racing, secondo James Hillier, sempre su Kawasaki.

paton-podio-isola-di-man-tt-esterno.jpg

Per il 2015 la S1 si è presentata al TT con alcune modifiche a partire dalle ruote, che il regolamento ha imposto di cambiare e che nella nuova versione sono della OZ Racing, forgiate in alluminio anziché in magnesio. A seguire anche la carena derivata dall’ultima versione del modello stradale, l’airbox, evoluto rispetto alla versione del 2014 e dotato di nuovi condotti; gli scarichi, realizzati su specifiche Paton da SC Project, più corti e funzionali rispetto ai precedenti.

paton-podio-isola-di-man-tt-moto.jpg

Anche quest’anno la Paton S1 ha riscosso grande interesse fra il pubblico del TT e gli addetti ai lavori. Il 43enne l’inglese Michael Rutter è un esperto pilota di gare su strada, ha vinto 13 volte alla North West 200 in Irlanda, 4 volte al TT dell’Isola di Man e si è conquistato il soprannome di “Re di Macao” grazie alle otto vittorie da lui ottenute sul difficile ed insidioso circuito cinese.

paton-podio-isola-di-man-tt.jpg

Michael, con il quale siamo stati messi in contatto dal pilota e team manager Ian Lougher", commenta il team Paton, "ha dimostrato grande equilibrio e professionalità, svolgendo insieme ai meccanici Paton un ottimo lavoro di messa a punto in vista della gara”. Paton ha esordito nella classe Lightweight del TT nel 1964 col pilota Alberto Pagani, classificatosi anche allora al 3° posto: 51 anni ben portati.

  • shares
  • Mail