Guy Martin indagato sull'Isola di Man per eccesso di velocità

Il popolare pilota inglese, specialista del Road Racing, sarebbe indagato dalla Polizia di Manx per aver dichiarato di aver guidato a 290 km/h con la nuova Aston Martin Vanquish dove il limite era di 65.

Cemetery Circuit Motorcycle Racing

Guy Martin, popolare specialista britannico delle corse stradali, sarebbe stato messo sotto inchiesta dalla Polizia dell'Isola di Man dopo aver dichiarato, in una recensione della nuova Aston Martin Vanquish Carbon Edition, di aver raggiunto la velocità di 180 miglia orarie (circa 290 km/h) in una zona dove il limite è 40 miglia all'ora.

Lo scanzonato 33enne inglese ha scritto il suo pezzo per l'inserto motoristico del Sunday Times, raccontando il suo test con la vettura effettuato proprio a Manx alle 6 di mattina.

Guy Martin - Galleria Fotografica

Il passo 'incriminato' sarebbe il seguente:

"Ho toccato le 180 miglia all'ora sul Sulby Straight [rettilineo di Sulby], una delle sezioni più veloci del tracciato [il Mountain Course del Tourist Trophy], e la macchina non era nemmeno nella sua marcia più alta."

Tuttavia, dopo la pubblicazione della recensione di Martin all'inizio di questo mese, la Polizia dell'Isola di Man ha confermato ufficialmente di aver messo sotto esame il caso, che avrebbe visto il pilota superare di oltre quattro volte il limite di velocità consentito in quella zona, quella del piccolo villaggio di Sulby. Almeno per il momento, Martin non ha rilasciato nessun commento sulla vicenda.

01-guy-martin-620x413

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: