Mercato due ruote ancora in calo, ma di appena -2,6%. Sono i primi segnali di ripresa

In calo per l’ennesima volta il mercato, ma i dati incoraggiano con appena -2,6% rispetto al 2010

Sull’ennesimo risultato negativo del mercato due ruote non c’è da gioire, ma attorno ai dati mensili aleggia un’aura di positività. Per la prima volta quest’anno la cifra negativa non è doppia, e considerando il -30% del maggio 2010, l’attuale -2,6% sembra una vera e propria conquista. Come annuncia Confindustria Ancma, non siamo ancora usciti dal tunnel, ma si vede uno spiraglio di luce.

37.657 immatricolazioni a maggio, con un segmento scooter ancora una volta più convincente di quello moto, rispettivamente a 26.092 (-1,9%) e 11.565 unità vendute (-4,1%). I cinquantini veleggiano a largo, con – 13%. Corrado Capelli, Presidente di Confindustria Ancma, commenta così i tabulati: “La ripresa del mercato non è come avremmo sperato, ma almeno si è interrotta un’emorragia di volumi a doppia cifra. Ci avviciniamo ad una relativa stabilità delle immatricolazioni, nonostante lo scenario di fondo non aiuti le vendite: carburanti e assicurazioni alle stelle, nuove imposte annunciate, scarso reddito disponibile associato alle difficoltà del credito al consumo, tutti elementi che remano contro lo sviluppo del mercato”.

Se consideriamo i dati dall’inizio dell’anno, i veicoli a due ruote venduti sono 132.490, con una media calcolata in -14,8% rispetto ai primi 5 mesi del 2010, quando il mercato è stato spinto dagli incentivi. Rispetto al 2010 hanno sofferto più gli scooter, che si fermano a -18,2%, mentre le moto hanno registrato un -7,9%. Entrando ancora più nel dettaglio, fra gli scooter i più venduti sono i 300/500cc con 33.182 pezzi, mentre fra i tanti segmenti moto soffrono meno le custom e le turistiche, rispettivamente a +7,7% e +8,1%.

Sportive in profonda crisi, -24,1%, in calo assieme alle naked (-11%) e alle enduro stradali (-3,4%). Lo scenario del mercato sta mutando nuovamente, le nuove mode sono rivolte verso la parte meno prestazionale nel listino e si valorizzano le lunghe percorrenze. Gli scooter fanno da padroni come al solito, ma il divario diminuisce. Speriamo di vedere qualche punto positivo in più nel prossimo report, dopo le incoraggianti cifre di questo mese.

I Video di Motoblog

Ultime notizie su Varie

Varie

Tutto su Varie →