MotoGP Giappone 2013: rischio tifone su Motegi. Rossi scherza: "Moriremo tutti"

Il tifone sta attualmende spazzando il Pacifico nei pressi dell'isola di Guam, con venti fino a 200 chilometro orari e potrebbe investire anche la costa orientale del Giappone.

Che il tempo in questa stagione a Motegi sia sempre un'incognita si sapeva, ma il rischio tifone non se l'aspettava nessuno, perlomeno i piloti. La tempesta tropicale Lekima, che ieri è stata "promossa" alla categoria tifone, oggi sta massacrando di vento e pioggia la sperduta isola di Guam, ma si sta velocemente spostando verso nord e non è escluso che possa investire la costa orientale del Giappone (tra cui anche Motegi, ovviamente) con raffiche di vento molto violente e piogge torrenziali, perlomeno fino a sabato compreso.

La prende con filosofia Valentino Rossi, ieri a Kyoto in visita al suo amico ex boss in Yamaha Racing, Masao Furusawa, in attesa del Gran Premio del Giappone. Il campione, ritratto nella foto assieme ai suoi ospiti giapponesi, ha commentato il rischio tifone con la solita ironia, citando anche la centrale di Fukushima, che si trova a poco più di 100 chilometri dal tracciato:

"Moriremo tutti. Per il tifone o per le radiazioni... Se pioverà per l'intero fine settimana tutto sarà possibile. Sia che Marquez riesca a vincere il titolo, sia che la sua rincorsa al campionato possa complicarsi ulteriormente."

Nel frattempo il meteo a Motegi ha iniziato a peggiorare sensibilmente, con temperature tra i 15 e i 20 gradi e pioggia prevista per i prossimi tre giorni.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: