SBK 2017: Jakub Smrz a Laguna Seca con Guandalini

"Non sarà qualcosa di facile adattarmi ad una moto diversa da quella con cui di solito corro, ma farò del mio meglio per imparare velocemente la pista e aiutare il team nello sviluppo della Yamaha R1"

smrz.jpg


La domenica di Misano Adriatico ha visto Riccardo Russo decretare "de facto" la fine del rapporto con Guandalini Racing, non avendo preso il via alla seconda manche del week end. Tra il pilota campano e la compagine italiana è giunto dunque il divorzio "consensuale", con anche qualche parola e accusa reciproca di troppo. Il pilota accusava squadra e moto per una situazione tecnica volubile e poco competitiva, mentre di contro la compagine Yamaha parlava di una moto in realtà competitiva come quella degli avversari privati.

A seguito di un test effettuato con Massimo Roccoli e Jakub Smrz, il team ha valutato evidentemente proprio quest'ultimo pilota come la soluzione ideale per sostituire Russo dopo la fine del rapporto tra le parti.

Dunque Smrz torna nel mondiale. Il forte Kuba, vecchia conoscenza del World Superbike, ha corso per sei stagioni tra il 2007 ed il 2012 con Ducati ed Aprilia, e vana due secondi e tre terzi posti nel proprio palmares. Poi, il passaggio nel BSB dove quest'anno corre con il team BMW Lloyd & Jones.

"Sono davvero felice ed onorato di poter correre con Guandalini Racing a Laguna Seca. Ovviamente devo ringraziare PR Racing per avermi permesso di correre nel mondiale, approfittando del fine settimana di sosta del British Superbike. Non sarà qualcosa di facile adattarmi ad una moto diversa da quella con cui di solito corro, ma farò del mio meglio per imparare velocemente la pista e aiutare il team nello sviluppo della Yamaha R1".

  • shares
  • +1
  • Mail