Eicma 2020, ANCMA lavora ad un "piano B"

EICMA si, EICMA no? Se non fosse possibile allestire la fiera nei padiglioni di Rho, quali sarebbero gli scenari? Proviamo a fare qualche ipotesi

La conferenza stampa a cui abbiamo assistito nel pomeriggio, istituita da ANMCA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) ed EICMA, l’Esposizione internazionale del ciclo e motociclo, è stata l'occasione per promuovere l'iniziativa UsaLeDueRuote (di cui parliamo qui), ma non solo.

Alcune domande, hanno spinto il presidente di ANCMA Paolo Magri, il vicepresidente Diego Sgorbati e Fabrizio Corsi, consigliere del CdA di EICMA Spa, a virare per qualche minuto sul tema EICMA. Si farà o non si farà?

Sappiamo già che BMW e KTM hanno annunciato di non partecipare. Scelta coraggiosa dei due brand, definita "prematura" da Paolo Magri. Fino ad ora, nessun altro brand si è tirato fuori, ma di certo non c'è ancora nulla. Per cui, se non fosse possibile allestire la fiera nei padiglioni di Rho, quali sarebbero gli scenari?

Ce lo chiediamo da tempo, considerando anche che diversi Saloni dell'automobile, ma non solo, previsti per il prossimo autunno, sono già stati cancellati. Il presidente di ANCMA, che non ha voluto sbilanciarsi, ha confermato, però, che si sta lavorando ad un "piano B". A noi non resta che ipotizzare degli scenari plausibili.

Il primo scenario potrebbe essere quello di un salone diffuso, un po' come quello di Parigi: eventi sparsi per il territorio, utili anche a svecchiare le fiere dell'automobile che, negli ultimi anni, registrano un drastico calo dei visitatori. Un secondo scenario, potrebbe essere, invece, quello di un salone all'aperto, meno pericoloso dal punto di vista della diffusione del virus. In questo caso, però, il problema sarebbe il meteo: novembre è uno dei mesi meno "ospitali".

Altro scenario potrebbe essere quello che prevede la presentazione online dei nuovi modelli: sistema già adottato da Ducati con la World Premiere e da altri brand negli ultimi tempi, tempi di lockdown.

Insomma, le alternative, come possiamo vedere, esistono e sono anche valide. Le associazioni sono già al lavoro, attendiamo news.

  • shares
  • Mail