Nuove H-D "Cafe Racer" e "Flat Tracker" in arrivo?

La casa di Milwaukee si prepara ad aggiungere due nuovi modelli alla sua gamma per "allargare" la sua presenza in nuovi segmenti di mercato

Nonostante l'emergenza Coronavirus ne abbia accentuato la crisi societaria - iniziata con la recente estromissione dell'ex-CEO Matt Levatich - sembra che Harley-Davidson sia intenzionata a perseguire l'attuazione delle strategie di mercato delineate dal suo programma "More Roads To Harley-Davidson", andando quindi sempre più ad attaccare certi segmenti in cui le motociclette europee e giapponesi l'hanno fatta per anni "da padrone".

Con tale programma, come noto, la casa di Milwaukee punta a "ringiovanire e rafforzare" il suo marchio offrendo una serie di modelli non esattamente attinenti alla sua tradizione, scelta che - si spera - le permetterà di rilanciarsi dopo anni di indebolimento sul mercato globale.

A questa nuova "filosofia" si devono l'arrivo della recente elettrica LiveWire (che dovrebbe fungere da apripista per altri modelli "zero emission") e dell'ormai imminente Adventure Touring Pan America, oltre che il possibile lancio di modelli di cilindrata medio-piccola per i mercati asiatici.

Ora però ci sono due nuovi modelli che sembrano destinati ad approdare presto nei listini H-D: un'atletica café-racer, in grado di rivaleggiare con le controparti europee, e una muscolosa flat-tracker, che punterà a rinverdire i fasti della mitica XR750 (moto che ha scritto la storia del campionato American Flat Track).

Il prossimo avvento dei due modelli sarebbe stato recentemente confermato da alcuni sketches allegati a delle richieste di omologazione per l'Europa e da un paio di foto apparse in rete, probabilmente raffiguranti gli attuali concepts.

Entrambi saranno basati sulla nuova piattaforma con telaio tubolare e motore come elemento portante - altro elemento inedito per la casa del "Bar & Shield" - e saranno equipaggiati con il nuovo V-twin "Revolution Max" da 1.200 cc DOHC raffreddato a liquido, presentato alla fine dello scorso anno (lo stesso propulsore della Pan America). Salvo imprevisti - tutt'altro che improbabili visto l'attuale situazione planetaria - le versioni definitive dovrebbero essere pronte per il 2022.

Esteticamente, la café-racer si ispira alla Harley-Davidson XLCR di fine anni '70, con una carenatura sinuosa, un elegante serbatoio arrotondato, faro anteriore rettangolare a LED, doppio ammortizzatore al posteriore e forcellone scatolato. La flat-tracker invece sfoggia un proiettore anteriore di forma ovale, una piastra paramotore, ruote da 19", mono posteriore, forcellone tubolare e un intrigante scarico laterale "a doppia canna".

  • shares
  • Mail