Yamaha TMax 560 2020: ecco le differenze con il precedente

Per il 2020, la casa dei Tre Diapason, ha deciso di presentare una versione ancora più spinta di TMax, alzando ulteriormente l'asticella delle prestazioni con un rinnovato propulsore, cresciuto nella cilindrata, e con un nuovo design, più aggressivo e dinamico.

yamaha-tmax-560-2020

Quasi 20 anni di storia per lo scooter di Yamaha, divenuto, ormai un'icona. Yamaha TMax, fin dall'esordio, ha fatto storcere il naso ai motociclisti vecchio stampo, ma la praticità d'uso tipica di uno scooter e la sportività ereditata dagli altri modelli di Iwata, hanno fatto di TMax lo scooter di maggior successo di sempre.

Dal 2001, anno di lancio, ad oggi, ha visto un costante aggiornamento tecnologico ed estetico. Trattamento riservato, solitamente, solo alle moto premium che, però, ha portato i suoi frutti: Yamaha TMax è stato venduto in più 275.000 unità in tutta Europa. Per il 2020, la casa dei Tre Diapason, ha deciso di presentare una versione ancora più spinta, alzando ulteriormente l'asticella delle prestazioni con un rinnovato propulsore, cresciuto nella cilindrata, e con un nuovo design, più aggressivo e dinamico.

Ma vediamo come cambia Yamaha TMax in vista del 2020. Quello che salta all'occhio è sicuramente il design. Più snello e assottigliato rispetto al passato, migliora l'ergonomia e l'accesso al suolo, senza mai perdere il family feeling con gli altri modelli di casa Yamaha e, soprattutto, con il DNA TMax: rivisto lo scudo dal caratteristico boomerang che, insieme ai fianchetti e alle nuove frecce LED, regala un look ancora più sportivo, mentre il codone si fa tagliente e adotta un nuovo faro full-LED dal profilo a "T".

La sesta generazione di TMax porta novità anche attraverso il nome, TMax 560. Lo scooter di Yamaha non è cambiato solamente fuori, ma è cresciuto nel propulsore: arriva l'omologazione Euro 5 e si passa dai 530 cc del precedente modello, si passa ai 560 cc. Nuovi pistoni forgiati in alluminio per il bicilindrico orizzontale, solo l'1% del peso in più, ma maggiore coppia e potenza, che si traducono in una accelerazione migliore.

yamaha-tmax-560-2020

Parte dell'esperienza di guida è data sicuramente dal sound allo scarico e Yamaha TMax 560 non vuole, di certo, perdere il treno. Aspirazione e scarico sono stati perfezionati affinché la voce emessa sia gradevole e armonica, merito della fasatura a 360° e dei test sensoriali sull'uomo effettuati grazie al sistema proprietario Yamaha Kanno Hyoka.

Punto forte dell'intera generazione di TMax è stata la guida, poco da scooter, molto più da due ruote sportiva e in Yamaha Tmax 560 è stato dato un peso anche a questo fattore. Una nuova cinghia CVT riesce ad incrementare l'efficienza della trasmissione e le nuove caratteristiche del cambio automatico e dei rapporti di riduzione riescono a garantire una guida più fluida viaggiando a velocità di crociera, offrendo l'equivalente di una marcia più alta ad un certo numero di giri. Rivisto anche il reparto ingranaggi con l'obiettivo di esaltare l'accelerazione dello scooter.

tmax-560-2020-yamaha

Per adeguarsi alle prestazioni superiori del modello 2020, Yamaha ha rivisto le sospensioni di TMax 560. La guida risulta agile e leggera, adatta quindi alla città, ma in grado di offrire stabilità durante i viaggi e sicurezza in accelerazione.

C'è poi la gestione elettronica Yamaha D-Mode che permette la regolazione della risposta del motore, ottimizzando le prestazioni in base alle diverse situazioni. Il sistema risponde a due riding mode: uno predilige l'erogazione docile da città, l'altra esalta le prestazioni del nuovo propulsore da 560 cc, offrendo accelerazioni al top della categoria.

Due le versioni in arrivo: TMax e TMax Tech Max. Quest'ultimo si arricchisce con un parabrezza regolabile elettronicamente, una sospensione posteriore regolabile, sella riscaldata, Cruise Control, il sistema My TMax Connect e, a distinguerlo esteticamente, una forcella color oro e una livrea dedicata, Tech Kamo.

Entrambi i modelli saranno disponibili già da dicembre 2019 al prezzo di 11.999 euro per la versione standard e di 13.799 euro per la versione Tech Max.

  • shares
  • Mail