BMW S 1000 RR 2019: ecco come sarà

La BMW S 1000 RR 2019 è un progetto completamente nuovo: debutterà all'EICMA di Milano a Novembre

Esattamente 10 anni fa BMW metteva in produzione la sua prima vera Superbike, l'ormai celeberrima S 1000 RR: la supersportiva bavarese, equipaggiata con un inedito quattro cilindri in linea da un litro di cilindrata, rompeva nettamente con la tradizione del marchio teutonico, mettendo sul piatto un layout "classico" in luogo di grossi bicilindrici boxer ed eccentriche soluzioni ciclistiche.

Una moto nata esplicitamente per rinvigorire l'appeal sportivo dell'Elica e mettere in mostra i muscoli nel Mondiale SBK, iride che però la "millona" di Monaco non è mai riuscita a vincere nonostante i molti successi in gara: diventata un vero e proprio riferimento per la categoria, la hypersport tedesca ha spostato in alto l'asticella del segmento Superbike portandosi a casa ben cinque titoli nell'appena defunta Superstock 1000 (compreso quello 2018, con Marcus Reiterberger ai semi-manubri).

Nonostante gli ancora ottimi risultati messi in mostra, a un decennio esatto dal suo lancio sul mercato è tempo di rinnovamento per la quadricilindrica di casa BMW: non parliamo di un semplice restyling, ma di una completa riprogettazione che cambia totalmente faccia alla S 1000 RR, che debutterà nelle sue nuove vesti tra qualche settimana all' EICMA di Milano (6-11 Novembre).

Quando diciamo che "cambia totalmente faccia", intendiamo anche nel senso letterale dell'espressione: la novità esteticamente più evidente, infatti, sta proprio nel frontale, che sino ad ora si era caratterizzato per un'asimmetria dei gruppi ottici diventata un vero e proprio marchio di fabbrica. La S 1000 RR 2019, al contrario della versione odierna, adotta un nuovo disegno del cupolino e della fanaleria, sempre con la presa d'aria verticale in posizione centrale ma con i due proiettori che diventano "convenzionalmente" simmetrici.

Sotto il vestito - completamente rinnovato, dall'avantreno al codino - troviamo però i cambiamenti più importanti: il propulsore, come si nota dalla forma inedita dei carter motore, è un progetto del tutto nuovo, da cui possiamo ragionevolmente aspettarci una potenza che supera di slancio i 200 cv. Lo scarico, ridisegnato e riprogettato per rispettare le nuove norme Euro5 in vigore dal 2020, appare più piccolo e gradevole di quello odierno, nonostante una regolamentazione sempre più stringente in quanto a emissioni inquinanti.

Anche il telaio è radicalmente diverso da quello della moto attuale, e dai disegni si può evincere come gli ingegneri di Monaco si siano posti come obbiettivo primario quello di ridurre le dimensioni e donare maggior compattezza alla nuova nata.

Se i disegni non vi bastano, potete dare uno sguardo anche alla foto qui sopra, pubblicata sull'account Instagram del concessionario catalano Control 94: l'immagine mostra alcuni collaudatori del brand tedesco intenti a rifornire le loro S 1000 RR 2019 - rigorosamente in livrea total black - nei pressi del circuito spagnolo di Cartagena.

La stessa casa bavarese, inoltre, ha stuzzicato la curiosità dei suoi fans pubblicando su Twitter un brevissimo filmato (che trovate qui sotto) in cui si sente urlare il nuovissimo quattro cilindri, e per una frazione di secondo si può vedere sfrecciare la Esse a tutta velocità.

  • shares
  • Mail