Moto3, doppietta “tricolore”! Il Bez non perdona! Bastianini super. “Miracolo” Martin

Doppietta italiana da incorniciare, con Bezzecchi partito in pole al suo secondo trionfo stagionale davanti a un ritrovato stratosferico rimontante Bastianini e a un Martin a un soffio dal miracolo...

Moto3, doppietta “tricolore”! Il Bez non perdona! Bastianini super. “Miracolo” Martin

Sieti vivi? Cuore a posto? Gara coi fiocchi, ed è dire poco, di questa Moto3 allo Spielberg, pregevole sul piano tecnico e senza aggettivi sul piano agonistico. Podio eccellente. Doppietta italiana da incorniciare, con Bezzecchi partito in pole, lepre dall’inizio alla fine, da favola, al suo secondo trionfo stagionale davanti a un ritrovato stratosferico rimontante Bastianini e a un Martin a un soffio dal miracolo, “corsaro” col polso fratturato a Brno la settimana scorsa, tutti e tre nel fazzoletto di una volata da infarto, nel boato degli applausi dei 100 mila presenti.

Il Bez conferma di essere oggi il number one dei nostri giovani leoni, ragazzo umile e concreto, avanti con l’olio di gomito e il sudore: ha dimostrato grande maturità tattica e freddezza agonistica, una guida pulita e redditizia, con passo da granatiere, al limite della perfezione, senza una sbavatura, interpretando al massimo la KTM, moto migliorata di telaio e di motore, qui superiori alle Honda. Nello sport vince uno solo. Ma dopo una gara così il gradino più alto del podio dovrebbe contenere, oltre al Bez, anche l’altro italiano e lo spagnolo del Team Gresini perché Enea è stato autore di un inseguimento straordinario piombando sui fuggitivi come un uragano e perché Jorge, nella morsa fra Marco in fuga e i due indiavolati “guastatori” quali Arenas (alla fine quarto) e Masia (alla fine sesto dopo un errore) ha sopperito con classe e determinazione – che staccate e che percorrenza di curva!) alla minor competitività (in accelerazione e in velocità di punta) della sua Honda stringendo soprattutto i denti, più forte del dolore per i 18 punti di sutura e l’intervento chirurgico dei giorni scorsi.

Moto3 Austria 2018: trionfo di Bezzecchi, Bastianini secondo

Grandi! Campionato apertissimo, in testa, con Bezzecchi che allunga (di poco: ah, quel non eccelso sesto posto di Brno con Martin out!) sul rientrante Martin (158 punti contro 146, solo 12 lunghezze di differenza!) il quale adesso ha due settimane per recuperare la piena efficienza fisica e affrontare i prossimi appuntamenti con il dente avvelenato. Terzo resta Di Giannantonio (121 punti – 37 dal Bez), oggi sfilatosi dalla lotta nel tris con Bastianini e Dalla Porta, sul traguardo 11esimo (+8.822), in bagarre con Saski (7°), Rodrigo (8°), Arbolino (9°, solita gran gara iniziale…), Canet (10°) e MCPHee (12°).

bastianini-montmelo.jpg

Anche Bastianini resta quinto (dietro il quarto Canet 118 punti) a quota 117 (gap di 41 punti…). Di fatto fuori dai giochi per il titolo gli altri italiani: 9° Dalla Porta (guadagna due posizioni, 63 punti) oggi protagonista di una bella corsa con ciliegina del miglior tempo sul giro (1’36.617), frenata però da uno svarione finale. Migno è 10° (60 punti), out per caduta. Tutti gli altri seguono con distacchi abissali. Tornando alla gara, per ritrovare i nostri si va oltre il ventesimo posto, con Antonelli 22° (+19.981), Bulega 23° (+23.419), Foggia 26° (+27.741), Nepa 27° (+35.931). Questo passa il convento. Davanti si fa festa. E dietro? Meglio pregare.

martin-austria.jpg

  • shares
  • Mail