WSBK, Van Der Mark: "Contento di questo podio"

Il talento olandese della Honda conquista un inaspettato terzo posto nella Gara-1 di Phillip Island. Problemi di grip per Hayden

honda-vd-mark.jpg

La vera sorpresa della Gara-1 di Phillip Island, round di apertura del Mondiale Superbike 2016 e prima di sempre a disputarsi al sabato (secondo il nuovo format introdotto quest'anno, clicca qui per gli orari TV) è stato certamente l'olandese Michael Van Der Mark, che con la CBR1000RR Fireblade del team Honda Racing ha strappato un ottimo e inaspettato terzo posto a Davide Giugliano (Aruba Ducati SBK). Per l'olandese, ex-iridato WSS, si è trattato del quarto podio in carriera alla sua seconda stagione in WSBK.

"Sono davvero contento di questo podio! Questa mattina siamo stati costantemente veloci e mi sono sentito molto bene sulla moto. Ho avuto davvero un buon inizio di gara, sono riuscito a stare con i migliori e tenere il loro passo abbastanza facilmente. Fondamentalmente, stavo cercando di risparmiare la gomma posteriore. E 'stata una bella lotta così con i piloti Ducati, una gran bella gara. Io ero più veloce in alcune curve ma loro erano meglio in altre, e questo ha portato a un gran numero di sorpassi."

"Alla fine avrei voluto spingere di più ma mi mancava il grip sull’anteriore, o per lo meno non ne avevo tanto quanto mi sarebbe piaciuto. Ho faticato un po' ma ho fatto del mio meglio per stare con Johnny e Chaz mentre il divario con la quarta posizione è rimasto lo stesso, quindi sono riuscito a portare a casa questo podio. Per domani dobbiamo migliorare solo un po' di più, poi vedremo come andrà."

honda.jpg

Nono posto invece per il suo compagno di box Nicky Hayden, ex-iridato della MotoGP che oggi ha corso la sua prima gara nel massimo campionato per derivate dalla serie. E proprio a questo si deve l'atteggiamento inizialmente cauto del fuoriclasse americano:

"La Superpole non è andata troppo male, abbiamo fatto un buon tempo sul giro e speravo di arrivare almeno in seconda fila. Ho avuto un ottimo inizio di gara e ho cercato di rimanere tranquillo per capire bene la situazione: dove ero veloce, dove non lo ero, e come guidavano i miei avversar. Purtroppo, a metà gara ho iniziato a perdere aderenza all’ anteriore e da quel momento in poi tutto quello che ho potuto fare era cercare di rimanere in sella e finire la gara."

"Abbiamo bisogno di capire se è successo per via della gomma, del set-up o del mio stile di guida. E' stato frustrante perché all'inizio della gara mi sentivo bene e mi stavo divertendo. Congratulazioni a Michael e alla squadra, hanno fatto una grande gara. Speriamo di poter migliorare domani mattina per fare una gara più consistente."

honda-hayden.jpg

  • shares
  • Mail