Special: Custom Chrome Sportster BOAR Speedfreak by TGS Motorcycles

Speedfreak è una delle ultime BOAR Bike di Custom Chrome Europe. È realizzata da TGS Motorcycles su base Harley-Davidson Sportster 883R.

A Verona durante l’ultimo Motor Bike Expo la filiale europea di uno dei più grandi distributori di parti after market per Harley-Davidson e custom ha presentato la sua ultima BOAR Bike su base Victory Hammer. In attesa di avere più informazioni tecniche su questa moto scopriamo una delle tante altre BOAR Bike costruite, o meglio fatte costruire da Custom Chrome Europe ai più celebri customizzatori europei.

La sigla BOAR sta per Bolt On And Ride, ossia monta e guida, a significare che queste moto sono state realizzate impiegando un gran numero di accessori CCE ma che le modifiche sono totalmente reversibili. Nel 2015 Custom Chrome Europe ha commissionato ben sei BOAR Bikes, tutte su basi Harley-Davidson ed equamente distribuite per famiglia: una Touring, un Softail, un Dyna, un V-Rod e due Sportster.

A mettere le mani su questo Sportster XL 883R del 2006, ribattezzato Speedfreak, è toccato al campione europeo Tobias Guckel di TGS Motorcycles, che ha creato un cafe racer con prestazioni ben diverse da quelle del modello di serie, grazie anche a un kit Big Bore di S&S da 1200 cc. Nonostante il look sportivo infatti, la 883R non si può definire tale, se non dopo accurate modifiche.

08_sportster_speed_freak.jpg

Il bicilindrico ora monta pistoni larghi 88,9 mm, contro un alesaggio originale di 76,2 mm, mantenendo la corsa di 96,8 mm. Viene infine arricchito con coperchi teste Xzotic Pan Style, per un look più vintage e ulteriormente potenziato con carburatore Keihin CV, filtro aria Joker Machine e scarico BSL Drager Drag.

Tutta la componentistica proviene ovviamente dal catalogo CCE. Tobias ha focalizzato i lavori per ottenere un mezzo sportivo dalle linee pulite. In particolare ha semplificato l’impianto elettrico grazie alla centralina CCE Black Box 2, montando successivamente interruttori K-Tech, faro CCE da 5-3/4” su supporti Daytona Velona, strumentazione Motogadget, frecce e fanale posteriore Kellermann, luce targa Cult Werk. Il motore si avvia tramite un piccolo pulsante riposizionato vicino alla leva dell’aria e di fianco al tachimetro.

Pur utilizzando solo componenti after market, Tobias li ha modificati. Il parafango anteriore CCE è stato completamente risagomato, il serbatoio originale tagliato per aggiungere un tunnel alto 7 cm in modo da poterlo alloggiare più in basso sul telaio.

13_sportster_speed_freak.jpg

Cerchi e freni sono i Velocity marchiati RevTech. L’anteriore misura 3.00 x 19‘‘ e il posteriore 5.5 x 18‘‘, entrambi con pneumatici Dunlop Sportmax da 120/70-19 e 180/55-18. Entrambi i dischi freno da 292 mm adottano pinze a 4 pistoncini e sono azionati da pompe Beringer.

La sella monoposto inserita nel codone Burly Café Racer, insieme ai semimanubri Clubman Bar rende la guida più sportiva. La verniciatura viene infine applicata dall’austriaco Michael Starzengruber di STM Design con colori che ricordano quelli della Castrol.

Foto Horst Rösler

  • shares
  • Mail