Foto del giorno: Gita ad Asiago

Foto del giorno: Gita ad Asiago

Ringraziamo Andrea per la foto del giorno di oggi e per il corposo racconto della sua Gita ad Asiago che vi riportiamo integralmente:

Telefonata con un mio amico:
Io: "Uff, domani voglio fare un giro in moto, ma non ho ancora deciso dove"
Lui: "Guarda, io domani sono tutto il giorno da solo in aeroporto ad Asiago"
Io: "Eh dai, allora vengo a farti compagnia!"

Detto fatto, studiata la cartina ho trovato una bella strada piena di curve che arriva ad Asiago: usciti a Brescia si costeggia il lago di Garda sul lato Ovest, si sale si sale, poi Rovereto, Folgaria, Lavarone e si arriva ad Asiago. Poi penso: "pare che l'aeroporto si vedrà una volta fuori dalla valle, facile".
Parto all'avventura con la mia moto, come di consueto nessun navigatore super tecnologico, ma solo una cartina nel baule da guardare ogni tanto.

Foto del giorno: Gita ad Asiago
Foto del giorno: Gita ad Asiago

Il viaggio di andata scorre liscio a parte la strada trafficatissima che costeggia il lago di Garda, le indicazioni ci sono tutte e anche giuste! Inizia la strada a curve, vai vai e arrivo senza neanche accorgermi al passo. A quel punto una telefonata al mio amico per dirgli che son vivo e sto arrivando, chiedo una dritta sulla strada e mi consiglia di fare un passo che secondo lui è una delle strade più belle d'Europa da fare in moto: il passo Vezzena. Mentre parla mi guardo intorno e a 2 metri c'era il tipico cartello di legno... "passo Vezzena"! Rispondo "sì sì, ci ho azzeccato, arrivo!"

Infilo il casco e mi metto in moto emozionato da cosa incontrerò. Infatti la strada appena dopo il passo esce da un fantastico bosco che in lombardia ci sognamo, e si addentra in un paesaggio ancora più da sogno, soprattutto per un motociclista. Una strada in mezzo a colline di erba verdissima, tra pascoli e baite di montagna. Purtroppo non mi son fermato a fare qualche foto per ricordo... va beh, ci ritornerò.
A un certo punto la strada ritorna nel bosco in curve fantastiche un pò larghe e un pò strette, ce n'è di tutti i gusti. In un attimo la valle si apre su un paesaggio prealpino con tutte le colline sempre colorate di varie tonalità di verde.

Mi riprendo un attimo dallo spettacolo, e mi guardo in giro cercando la pista, non si può non vedere. Mi alzo in piedi sulla moto e scorgo degli hangar e una specie di torre, penso "E' LEI!". Un attimo dopo e sparisce dietro una collina; va beh, un pò di orientamento e ci arrivo. Aeroporto in mezzo a un panorama fantastico. A questo punto dico "devo assolutamente fare qualche foto alla moto dentro l'aeroporto", ed eccone qua 2: una con la manica a vento e la testata pista e l'altra con il mezzo anti-incendio che magari dalla foto non si capisce, ma è lunghissimo!

Il ritorno è stato un po' più avventuroso, l'amico mi ha consigliato di fare i 2 laghetti Idro e Ledro: e così sarà! Via di nuovo verso Riva del Garda, poi prua sempre ovest verso Ledro. L'avventura è stata sul lago d'Idro dopo aver imboccato non so per che strano motivo, una stradina che ha incominciato a salire, ma ho subito pensato "divertente!". E' stato meno divertente dopo mezz'ora di stradina sempre più stretta, sempre più ripida e sempre meno pulita con tratti non asfaltati sui tornati ripidissimi, quando sono arrivato davanti a dei cartelli da sentieri di montagna... avete presente quelli bianchi e rossi con le indicazioni dei sentieri? Ecco... Uno indicava "Alpo 1500m".

Per fortuna è passato un bravuomo su un pickup toyota scassatissimo che mi ha dato la brutta notizia: "eh no ragazzo, sei arrivato in cima, qui c'è solo il rifugio!". Ok, torniamo sui nostri passi (tornati, ripidi e anche sterrati), per fortuna con un panorama fantastico sul lago che ne è valsa la pena. A quel punto l'avventura è finita, direzione sud verso l'autostrada poi casa sperando di non prendere acqua a condire questa giornata.

Partenza: 8:00
Arrivo: 22:30
Km totali: 700

Inviateci le vostre “Foto del giorno”, foto bizzarre, che avete scattato voi o un amico oppure che avete semplicemente trovato su internet, che riguardi ovviamente il mondo motociclistico, all’indirizzo fotodelgiorno@motoblog.it. Titolo preferenziale avranno le foto scattate durante una gita domenicale o una vacanza a patto che siano corredate da un racconto adeguato. Se fate un viaggio, ad esempio, descriveteci l'itinerario, i km percorsi, quanto avete speso in carburante, deve avete mangiato e/o pernottato e quali strade avete percorso. Le più interessanti, particolari, simpatiche o curiose, saranno pubblicate a vostro nome.

  • shares
  • Mail