24 Ore di Le Mans 2014: vittoria per Suzuki SERT, titolo mondiale Endurance a Yamaha GMT-94

Lo squadrone di Hamamatsu conquista la vittoria nella storica gara di durata francese, ma il titolo iridato va ai rivali del team francese. Out SRC Kawasaki: report classifiche e foto.


La 37a edizione della 24 Heures Moto di Le Mans, prestigiosa gara motociclistica di durata e ultimo appuntamento stagionale del Mondiale Endurance (EWC) rimarrà una di quelle edizioni da ricordare a lungo, sia per i suoi esiti finali che per i numerosi colpi di scena che ne hanno caratterizzato lo svolgimento.

Dopo la lunga battaglia in pista davanti a oltre 70.000 spettatori, ad uscire vincitore dalla massacrante corsa transalpina è stato lo squadrone Suzuki SERT (Phillipe – Delhalle – Nigon), che ha così posto fine alla serie positiva di vittorie Kawasaki, ma a festeggiare il bersaglio grosso è stato il team francese Yamaha GMT-94 (Checa – Foray – Gines), che con il secondo posto si è aggiudicato il titolo mondiale EWC a 6 anni dal precedente titolo conquistato dai tre diapason.

Guarda le foto della 24 Ore di Le Mans 2014

Il terzo gradino del podio è andato al team Monster Energy Yamaha YART (Parkes – Laverty – Morais), ma una grande sorpresa di giornata la troviamo alla quarta posizione assoluta, dove si è classificata la Kawasaki ZX-10R del team vincitore della classe Superstock, il Qatar Endurance Racing Team (West – Cudlin – Al Naimi), risultato che 'fa il paio' con l'altrettanto sorprendente settimo posto assoluto dei vincitori della sub-classe 'Open', il team Penz 13 Racing Team BMW (Pridmore – Barrier – Allerton).

La partenza della gara, iniziata sabato 20 Settembre, è stata contraddistinta da alcune collisioni e cadute già nelle primissime battute, e tra le vittime di queste concitate fasi c'è stato proprio il team Yamaha GMT-94, già leader del mondiale, costretto subito ad un veloce pit stop per qualche rapida riparazione rientrando poi al 48° posto. Il grande protagonista della prima parte di gara è stato il francese Sylvain Barrier, pilota BMW del Mondiale SBK, che ha preso il comando con la sua S1000RR 'Open' del team Penz 13.com aprendo un gap di oltre 50 secondi sugli inseguitori per la gioia del pubblico di casa.

Guarda le foto della 24 Ore di Le Mans 2014

Alla fine dello stint di Barrier (che ha anche firmato il giro più veloce della corsa) è stata la Ninja 1000 Superstock del team Qatar Endurance Racing Team a prendere il comando grazie ad Anthony West, pilota australiano impegnato nello stesso team nel Mondiale Moto2, andando così a creare una classifica provvisoria per la 24 Ore di Le Mans. Questa situazione però non era destinata a durare molto: dopo il primo giro di rifornimenti, era infatti il 'solito' team SRC Kawasaki (Leblanc - Lagrive - K.Foret) a prendere il comando ristabilendo una situazione più 'convenzionale', con il team SERT lanciato all'inseguimento.

La situazione nelle prime posizioni è rimasta pressochè stabile fino a circa le 22:00 di sabato, quando Kenny Foret incappava in una caduta che in pratica lasciava via libera ai rivali, poi bravi a mantenere la leadership fino alla 24a ora completando 812 tornate. Honda Racing (Gimbert - Da Costa - F.Foray) era l'inseguitore più vicino, arrivando anche a 2 giri di distacco, ma dei problemi di motore alla loro CBR1000RR li costringeva al ritiro lasciando il secondo posto a Yamaha GMT-94, con l'altro equipaggio Yamaha Yart al terzo posto.

Guarda le foto della 24 Ore di Le Mans 2014

Nonostante i vari inconvenienti tecnici e le mutevoli condizioni atmosferiche, le prime tre posizioni rimanevano invariate per le ultime 12 ore di gara. Il team SERT comunque ha provato a complicarsi la vita con un clamoroso errore del suo pilota Vincent Philippe, che credendo di avere un problema ha fatto un'inversione a U sul rettilineo dei box ricevendo una penalità nella forma di uno stop-and-go di 30 secondi, dopo della quale ha anche fatto un'imprevista sosta ai box per cambiare la gomma anteriore.

Questa serie di inconvenienti ha ovviamente dato coraggio agli inseguitori, ma i piloti SERT sono stati in grado di mantenere le distanze fino al traguardo, chiudendo con due giri di vantaggio sul team a cui hanno comunque dovuto cedere il titolo iridato conquistato l'anno scorso. Per Suzuki si è trattato comunque della 11a vittoria a Le Mans. Per il team Yamaha GMT-94 si tratta invece del secondo titolo mondiale EWC a 10 anni di distanza dal primo, terzo complessivo per Yamaha.

Guarda le foto della 24 Ore di Le Mans 2014

24 Ore di Le Mans 2014 - Classifica Finale


1. Suzuki Endurance Racing Team | Phillipe – Delhalle – Nigon | 812 laps
2. Yamaha Racing GMT 94 Michelin | Checa – Foray – Gines | 2 laps
3. Monster Energy Yamaha YART | Parkes – Laverty – Morais | 8 laps
4. Qatar Endurance Racing Team | West – Cudlin – Al Naimi | 10 laps (Superstock*)
5. Junior Team LMS Suzuki | Guittet – Masson – Black | 12 laps
6. National Motos | Junod – Tizon – Four | 18 laps
7. Penz 13 Racing Team BMW | Pridmore – Barrier – Allerton | 20 laps (Open*)
8. R2CL Suzuki | Jones – Martin – Giabbani | 22 laps

Guarda le foto della 24 Ore di Le Mans 2014

Mondiale Endurance EWC 2014 - Classifica Finale


1. Yamaha Racing - GMT 94 - Michelin | 141 points
2. Suzuki Endurance Racing Team | 104
3. Team Bolliger Switzerland #8 | 100
4. National Motos | 80
5. SRC Kawasaki | 72
6. Monster Energy Yamaha - YART | 70
7. Honda Racing | 63
8. Team Motors Events April Moto | 60

Guarda le foto della 24 Ore di Le Mans 2014

  • shares
  • Mail