Moto2: Corsi e Pasini in pista con la Forward KLX nel 2014

Il Team NGM Forward Racing svelerà il suo progetto Moto2 per la stagione 2014 in occasione dei test ufficiali Moto2/Moto3 a Jerez, in programma a partire dal 18 Febbraio.

1384293_719861271374326_444640983_n

Dopo aver saltato l'appuntamento con il primo test ufficiale IRTA della stagione, conclusosi proprio ieri a Valencia, il team italiano NGM Forward Racing ha annunciato che svelerà il proprio progetto Moto2 per il Motomondiale 2014 in occasione della prossima tornata di test ufficiali Moto2/Moto3, che avrà luogo sull'altro tracciato spagnolo di Jerez de La Frontera a partire dal prossimo 18 Febbraio.

La scuderia guidata da Giovanni Cuzari scenderà infatti in pista con un’inedita soluzione tecnica, la Forward KLX, che andrà a rimpiazzare le Speed Up con cui il team ha corso nella classe di mezzo del mondiale fino alla scorsa stagione. La moto nasce dall’esperienza maturata negli anni dal team tramite la collaborazione con tutti i migliori produttori di telai per Moto2, e si basa sul telaio Kalex Campione del Mondo 2013 con Pol Espargarò ed il team Tuenti HP 40 di Sito Pons. Il progetto ha preso vita dopo i test post-gara di Valencia dello scorso Novembre ed ha già accumulato diverse prove in circuito ad Almeria in collaborazione con il telaista britannico FTR. Diversi partner tecnici del team NGM Forward Racing MotoGP - Ohlins, Brembo, Akrapovic, 2D e, naturalmente, FTR stessa - sono comunque coinvolti nel progetto.

I piloti della squadra italiana in Moto2 saranno i riconfermati Simone Corsi e Mattia Pasini, che nel 2014 saranno chiamati ad un ulteriore progresso prestazionale per dare subito lustro al nuovo progetto 'interno' del team in Moto2. Marco Curioni, Managing Director del team, ha così commentato la 'svolta' tecnica che ha portato alla nascita della Forward KLX:

“Ancora una volta il nostro Team fa onore al suo nome e anche in questa stagione Moto2 ci presentiamo con un progetto innovativo. Abbiamo esteso alla Moto2 la nostra visione della filosofia Open della MotoGP, scegliendo di non legarci a formule di partnership che non ci diano la libertà di azione che desideriamo. Crediamo che il telaio Kalex 2013 rappresenti ancora la miglior base in Moto2 e così abbiamo deciso di acquistarlo per completarlo in quelle aree tecniche in cui abbiamo visto possibilità di miglioramento. Stiamo lavorando su vari aspetti quali ad esempio il forcellone, l’aerodinamica e l’impianto elettrico scegliendo il meglio di ogni nostro partner. Da qui nasce il progetto Forward KLX… più Open di così.”

Simone Corsi l'anno scorso ha chiuso all'undicesimo posto nel Mondiale con 105 punti, con un secondo posto al Sachsenring quale unico piazzamento a podio in stagione e una sola partenza in prima fila, nell'ultimo round di Valencia. L'obiettivo 2014 per il 26enne pilota romano non può che essere quello di migliorare questi risultati:

“Sono contento della scelta fatta dal team di correre con un telaio Kalex 2013. Credo che sia una moto competitiva considerando che è Campione del Mondo 2013. Abbiamo preferito continuare a sviluppare questo progetto, decidendo di saltare il test di Valencia, per essere pronti per Jerez. Non vedo l’ora di scendere in pista.”

Discorso simile per il 28enne riminese Mattia Pasini, il cui score dello scorso anno è stato ben più 'magro' di quello del compagno con il 16° posto in classifica a quota 55 punti e zero piazzamenti nella Top 5. Anche lui si dichiara comunque ottimista in vista della nuova avventura:

“Sono molto contento di intraprendere questa nuova strada per il 2014. Sono motivato a dare il massimo in sella a questa moto per riuscire a raggiungere buoni risultati. Non vedo l’ora di continuare a lavorare a Jerez in preparazione del campionato."

  • shares
  • Mail