Motocross: Cairoli domina il GP di Lombardia

Motocross GP Lombardia 2010

A Mantova, vittoria della seconda prova mondiale di Tony Cairoli nella classe MX1 e di Marvin Musquin nella MX2. Cairoli si porta così in testa al mondiale. E, con questa nuova doppietta, continua il dominio KTM nel motocross.

Cairoli ha dominato sulla sabbia del circuito Tazio Nuvolari andando così a conquistare la prima posizione in classifica dopo la prima prova iridata della Bulgaria che lo aveva visto chiudere secondo.

Parzialmente fortunata la prova del toscano David Philippaerts (Yamaha), miglior tempo nelle qualifiche e poi costretto ad arrendersi nella manche di avvio prima per una caduta e poi per una rottura terminando così 19mo. Si è rifatto nella ripresa chiudendo secondo.

Motocross GP Lombardia 2010
Motocross GP Lombardia 2010
Motocross GP Lombardia 2010
Motocross GP Lombardia 2010

Gara-1 MX1
Holeshot per il nostro azzurro David Philippaerts (YAM) che al terzo giro è costretto a fare i conti con la rottura del telaietto di sostegno dello scarico della moto. Un problema tecnico che lo fa scendere in 12esima posizione. Ne approfitta alle sue spalle il belga specialista della sabbia Clement Desalle (SUZ), conquistando la testa di gara, che manterrà fino alla fine. Dopo una partenza non molto buona, Tony Cairoli (KTM) cerca il recupero e a metà gara è secondo, la posizione con cui riuscirà a chiudere la manche. Il terzo contendente è il tedesco Maximilian Nagl (KTM), che lascia il posto a Cairoli e termina terzo. Il toscano Philippaerts è protagonista di una grande rimonta, dalla 12esima alla 5a posizione ma a tre giri dalla fine è di nuovo 11esimo e va a chiudere in 15esima piazza con un minuto di penalità a causa del controllo fonometrico. Di tutto rispetto i risultati del pilota delle Fiamme Oro, Manuel Monni (YAM), 11esimo e il bresciano Davide Guarneri (HON), 13esimo.

Gara-2 MX1
Non c’è stato spazio per nessuno all’infuori di Tony Cairoli in gara-2 MX1. La caduta in partenza di Sebastien Pourcel (KAW), Manuel Monni (YAM), Tanel Leok (HON) e Martin Michek (TM) ha contribuito a spianare la strada al nostro fuoriclasse, che vola via a 10 secondi dall’altro azzurro David Philippaerts (YAM), in seconda posizione per tutta la gara. Il tedesco Maximilian Nagl (KTM) è terzo, anch’egli per gran parte della frazione. Davide Guarneri (HON), subito decimo, perde posizioni nel corso della gara tanto da chiudere 17esimo. Meglio Manuel Monni (YAM), 15esimo. La chiusura è tutta tricolore, con Cairoli primo, Philippaerts secondo e Nagl terzo. Al Campione del Mondo in carica Tony Cairoli anche la tabella rossa di leader di campionato.

Gara-1 MX2
Il francese Marvin Musquin (KTM) è subito primo nella frazione d’avvio di questo GP della Lombardia di Motocross, seguito dall’olandese Jeffrey Herlings (KTM) e il francese Steven Frossard (KAW), con il tedesco Ken Roczen (SUZ) a inseguire il terzetto di testa. Buona partenza anche per il tricolore viterbese Alessandro Lupino (YAM). Al settimo giro una caduta fa perdere due posizioni ad Herlings, con Frossard che passa secondo e Musquin che aumenta il suo distacco. Una nuova scivolata di Herlings al 15esimo giro lo porterà in sesta posizione, con la quale chiuderà. A due giri dalla fine Roczen si avvicina a Musquin ma non tanto da riuscire a superarlo. La prima manche si chiude con la vittoria di Musquin con soli tre decimi di vantaggio su Roczen. Il nostro Lupino chiude dodicesimo.

Gara-2 MX2
Seconda manche della MX2 contesa (in quest’ordine) dai tre alfieri del Team Red Bull KTM Factory Racing Jeffrey Herlings, Marvin Musquin e Shaun Simpson, con il tedesco Ken Roczen (SUZ) ad insediare la pole già dal secondo giro. Herlings è riuscito a mantenere il suo predominio fino all’ultima curva del giro finale, sulla quale il compagno Marvin Musquin ha avuto la meglio, aggiudicandosi la frazione e con essa anche il GP della Lombardia. Herlings chiude così secondo, seguito da Roczen a ben 23 secondi. Per trovare un italiano bisogna scendere alla 17esima posizione, centrata da Alessandro Lupino (YAM) e la 20esima dal toscano Deny Philippaerts (SUZ).

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: