Moto2: Romano Fenati e l'errore dei 20 bar

In diversi commenti sul "caso Fenati" si è parlato tanto della pressione esercitata sulla leva di Manzi, ma con qualche imprecisione...

Nelle copiose polemiche che hanno seguito l'ormai famigerato caso Fenati, in molti hanno tirato in ballo la questione dell'effettiva pressione esercitata dall'ascolano sulla leva freno di Stefano Manzi, episodio di assoluta gravità verificatosi nel GP di San Marino della classe Moto2 che - dopo la bandiera nera e i 2 turni di squalifica decisi dalla Race Direction a Misano - ha in ultima istanza portato al licenziamento in tronco del pilota da parte del team Marinelli Snipers (oltre che da MV Agusta, che lo aveva già messo sotto contratto per il 2019).

Diversi commentatori, anche blasonati, si sono soffermati sulla presunta entità della forza applicata da Romano Fenati nel suo folle gesto, individuando in 20 bar il suo valore effettivo - un "numero" citato tra l'altro dallo stesso Stefano Manzi nel post-gara - come a voler evidenziare una particolare cattiveria nella condotta del pilota marchigiano. Ma forse le cose non stanno esattamente così...

La questione è stata portata alla nostra attenzione dall'amico Nicola Bragagnolo, progettista di nota fama in ambito motociclistico, che in un apposito video ha puntualmente provveduto a confutare questa teoria per puro "amor di precisione". Con questa osservazione non vogliamo affatto cercare attenuanti, ma solo sottolineare che forse, in questa specifica istanza, "il diavolo non è così brutto come lo si dipinge".

Chiaramente, il dato della reale intensità della forza applicata da Fenati nel suo atto sconsiderato non cambia di una virgola la sua inconfutabile gravità, ma questo non giustifica certo un esagerato accanimento nei suoi confronti. Fenati ha sbagliato e lo ha fatto alla grande, e nelle ultime 48 ore è stato comunque oggetto di un furibondo linciaggio mediatico e "sbattuto in prima" pagina anche da chi di solito non si occupa di moto (e magari non ha dedicato neanche mezza riga al trionfo di Dovizioso in MotoGP).

  • shares
  • Mail