Quartararo sicuro: "Forte fin dalle FP1 a Misano"

Il fenomenale talento francese affila le armi vista del GP di San Marino della MotoGP: "Abbiamo già un ottimo passo e siamo forti in qualifica"

L'enfant prodige Fabio Quartararo (Petronas SRT Yamaha) è certamente uno degli uomini più attesi dal pubblico italiano all'ormai imminente GP di San Marino e della Riviera di Rimini, 13a tappa stagionale del Mondiale MotoGP 2019 (clicca qui per orari e copertura televisiva del weekend).

Il 20enne rookie francese, che quest'anno ha già strabiliato tutto il paddock con la sua velocità e i suoi risultati, ha infatti dato ennesima dimostrazione del suo grande talento dominando la recente "due-giorni" di test proprio al Misano World Circuit, da lui chiusa con un clamoroso 1:31.639 che ha sbaragliato la concorrenza per arrivare a soli 10 millesimi dalla pole 2018 firmata da Jorge Lorenzo su Ducati, record assoluto del tracciato romagnolo.

Avendo rifilato quasi mezzo secondo a tutti gli avversari solo un paio di settimane fa, "El Diablo" arriva inevitabilmente molto "carico" a Misano Adriatico e con la voglia di mettersi subito alle spalle il disastro dell'ultimo British GP, quando uscì subito di scena alla prima curva del tracciato di Silverstone abbattendo anche l'incolpevole Andrea Dovizioso (Mission Winnow Ducati).

L'obiettivo dell'asso della Yamaha per il weekend di Misano sarà quello di conquistare il suo quarto podio stagionale - magari centrando per la prima volta il gradino più alto - ma anche quello dare la caccia alla sua quarta pole position del 2019, risultato del tutto abbordabile per lui alla luce delle premesse del test.

Lo stesso Quartararò, infatti, è ancora euforico per l'ottimo lavoro svolto insieme al team Petronas SRT Yamaha nell'ultima tornata di collaudi:

"Dopo aver completato più di 150 giri nell'ultimo test di Misano, penso di aver trovato un buon set-up con la moto e quindi sono piuttosto ottimista sul fatto che possiamo essere forti fin dalle FP1."

"È stato davvero utile fare quella "due-giorni" di test prima della gara, per me è stata una delle prime occasioni in cui ho avuto la possibilità di fare qualcosa del genere a metà stagione."

Tempi alla mano, il fenomeno transalpino non ha mancato di ribadire la fiducia nel potenziale suo e della sua Yamaha YZR-M1 sul variegato tracciato romagnolo:

"Abbiamo già trovato un ottimo passo e sappiamo di essere molto forti anche in qualifica. Per questo, se riusciremo a migliorare anche solo un poco il nostro passo-gara, sono convinto che potremo essere in una buona posizione per giocarcela fino agli ultimi giri della corsa."

"Il circuito di Misano Adriatico è abbastanza corto, ma nel suo layout c'è dentro un po' di tutto e questa è una buona cosa per noi e per la nostra moto".

  • shares
  • Mail