Unione Europea: in vigore i dazi sulle moto importate dagli Stati Uniti

La tariffa, pari al 25%, colpirà soprattutto Harley-Davidson che, lo scorso anno, ha venduto circa 40.000 moto in Europa.

harley-davidson.jpg
Lo scorso 20 giugno, sono entrati in vigore i dazi dell'Unione Europea sull'importazione delle moto prodotte negli Stati Uniti. La tariffa, pari al 25%, colpisce le moto da 500cc di cilindrata in su e rappresenta la risposta dell'Unione Europea ai dazi che l'amministrazione statunitense del presidente Donald Trump ha imposto sull'importazione ai acciaio e alluminio dall'Europa.

Questo provvedimento colpirà le vendite europee di Harley-Davidson e Indian, ma non Zero Motorcycles perché i dazi non riguardano le moto a propulsione elettrica. Infatti, l'Unione Europea ha introdotto i dazi del 25% sulle moto con i codici HS87114000 (con cilindrata maggiore di 500cc e minore di 800cc) ed HS87115000 (con cilindrata maggiore di 800cc).

L'introduzione dei dazi sulle moto importate dagli Stati Uniti non influenzeranno molto le vendite europee di Indian, perché più gettonato oltreoceano. Il provvedimento, invece, è stato emanato soprattutto per colpire Harley-Davidson che, lo scorso anno, ha venduto solo 150.000 moto negli Stati Uniti e ben 40.000 unità in Europa. Dato che le vendite sul mercato interno sono in continuo calo da anni, il costruttore motociclistico statunitense ha puntato fortemente sull'export, soprattutto verso il mercato europeo.

  • shares
  • Mail