Yamaha RD 350 YPVS: il "restyling" grafico di Kardesign

La mitica RD 350 non tornerà mai, almeno con quel furioso tremmezzo a due tempi con cui l'abbiamo conosciuta. Ma sognare non costa nulla...

Capita abbastanza spesso di sentir parlare di una possibile, ipotetica erede della mitica Yamaha RD 350, la sportiva a due tempi che per più di 20 anni ha fatto sognare i giovani di tutto il Mondo con il suo profumo di olio bruciato e le sue brillanti prestazioni.

La tremmezzo sportiva dei Tre Diapason è stata, effettivamente, uno dei modelli più significativi nella storia del marchio di Iwata: agile, scattante e soprattutto guidabile a 18 anni, la erreddì è entrata nel cuore di molti di quegli "ex giovani" che ormai hanno in testa più di qualche capello bianco.

Un progetto nato bene ed evolutosi nel corso di 21 lunghi anni, dal 1973 al 1994: partita con "soli" 39 cv e un look classico all'inizio degli anni '70, la bicilindrica a miscela di casa Yamaha si trasformò in senso sempre più sportivo nella tecnica e nell'estetica, arrivando ai 63 cavalli della mitica versione YPVS: ancora oggi questo propulsore raffreddato a liquido viene utilizzato, elaborato e "pompato", nella costruzione di special e prototipi da corsa (come la "The Falcon" di Moto Essence)

Sono in molti gli appassionati che sognano a un ritorno del leggendario nome RD, a patto che lo spirito sia quello di un tempo: il graphic designer Kardesign ha provato a immaginare una naked odierna motorizzata con il parallel-twin a due tempi della RD 350 YPVS. Purtroppo un'operazione del genere da parte di Yamaha è praticamente impossibile, ma visto che sognare non costa nulla... perché non liberare un po' la fantasia?

Kardesign è anche l'ideatore della Suzuki GSX-R 1100 Remix e della Kawasaki Z 1300 Remix che vi abbiamo già mostrato su queste pagine. Ha gusto, il ragazzo!

yamaha_rd_350_ypvs_special_kardesign-2.jpg

  • shares
  • Mail