WMX: nel diluvio vince la Van de Ven. Sfortuna Fontanesi

Il maltempo sta mettendo in ginocchio la seconda tappa del campionato MXGP. Nel campionato femminile, vince la portacolori Yamaha, sfortunata invece l'italiana

van-de-ven.jpg

Il campionato MXGP sta vivendo un week end problematico nell'esotica Indonesia. I problemi accusati nella giornata di oggi hanno fatto slittare a domani tutti gli appuntamenti. Tutti, tranne uno, quello del mondiale femminile che ha girato in una sessione unica di prove libere-cronometrate di 40 minuti e dopo, alle ore 16 locali, ha disputato la corsa.

Chiaro che i valori sono stati caratterizzati dal maltempo, ma come si suol dire - le variabiabili erano identiche per tutti. Così, a scattare dal palo è stata Cortney Duncan, davanti dalla Van De Ven e da Livia Lancelot, la campionessa in carica, a precedere la nostra Kiara Fontanesi. La partenza vede subito il primo colpo di scena: la Duncan viene coinvolta in una caduta e riparte ultima staccata dal resto del plotone. A prendere il comando quindi è stata la Van De Ven, davanti alla Lancelot con Kiara Fontanesi che, dopo una brutta partenza, si era ritrovata settima, ma con tanta voglia di recuperare.

Proprio l'italiana, si riprende immediatamente addirittura la seconda piazza nel secondo passaggio. Ulteriori tre giri ed ecco l'ulteriore imprevisto: Livia Lancelot cade per un problema alla moto ed è costretta al ritiro. Purtroppo per l'Italia però i colpi di scena non finiscono qui: quando oramai la seconda piazza era consolidata, per evitare due ragazze ferme sul circuito, la Fontanesi ha deciso di prendere una linea, un canalone differente, con la moto che purtroppo sprofonda nel fango.

La prima manche del mondiale femminile va quindi alla Van De Ven, davanti alla Van Wordragen. Quinta la Duncan mentre la Fontanesi viene classificata 13°.

Questo il commento a fine gara di Kiara Fontanesi:

”Il feeling con la moto è ottimo, ho belle sensazioni in pista e tutto va bene. Ci sarà da divertirsi. Sono soddisfatta della seconda manche perché sono riuscita a ottenere il secondo posto senza strafare. La pista era molto difficile e dopo la sfortuna di ieri, meglio portare a casa punti da questa trasferta. Tra fango, pioggia e ritardi è stato un weekend molto difficile. Comunque abbiamo ottenuto un buon risultato quest’oggi e non vedo l’ora arrivi il prossimo Gp per esprimere tutto il nostro potenziale”.

WMX Indonesia


1a Manche

1. Van De Ven (Yamaha) 11 giri 26’31”788;
2. Van Wrondragen (Yamaha) a 1’24”993;
3. Borches (Suzuki) a 1 lap;
4. Van Der Vlist (Ktm) a 1 lap;
5. Duncan (Yamaha);
13. Fontanesi ( Yamaha) a 4 lap

2a Manche
1. Duncan (Yamaha) 12 giri in 26’20”636;
2. Fontanesi (Yamaha) a 19”658;
3. Lancelot (Kawasaki) a 3’47”043;
4. Van Wrodragen (Yamaha) a 1 lap;
5. Vaag Genette (Ktm) a 1 lap

simpson.jpg

Quel pasticciaccio brutto che sta accadendo in Indonesia. E non a caso parliamo di pasticcio, vedendo il mare di poltiglia che si è creata. Cosa sta accadendo? Quello che accade spesse volte in posti tropicali del genere, ovvero violenti nubrifragi che hanno creato una situazione veramente complicata in questo secondo round MXGP.

La pista è stata pura vittima delle intemperie, diventando un vero e proprio pantano, tanto che il promotore della gara qui a Pangkal Pinang ha dovuto modificare profondamente il programma dell'evento. Già perchè dopo le prove libere, sono state annullate sia le fasi cronometrate che le manche di qualifica. Come saranno schierati i piloti domani è un mistero.

In base a quale concetto idem. In tutto questo marasma, solo qualche giro per i piloti della MX1 con Shaun Simpson davanti a tutti davanti a Jeffrey Herlings, Romain Febvre e Antonio Cairoli.

Tempi e condizioni che però non hanno alcun significato per il momento. A questo punto la speranza è che il maltempo possa dare tregua e che qualifiche e gare si possano svolgere la domenica.

cairoli.jpg

  • shares
  • Mail