Alessandro Botturi pilota ufficiale Yamaha per la Dakar 2015

Il pilota bresciano ingaggiato dalla casa dei tre diapason per la prossima stagione al posto di Cyril Despres: "E' un sogno che si avvera."


Il 39enne pilota Alessandro Botturi, tra i maggiori specialisti nostrani dei rally-raid motociclistici, è stato scelto dal team ufficiale Yamaha Factory Racing Yamalube per sostituire il leggendario Cyril Despres - passato alle competizioni su quattro ruote - per l'attesa Dakar 2015.

L’accordo, della durata di un anno e siglato negli uffici parigini di Yamaha Motor France, sarebbe la conclusione di una trattativa iniziata tra le parti al termine del Sardegna Rally Race, prova del del Mondiale Cross-Country vinta dallo stesso Botturi. Il pilota di Lumezzane andrà così a completare una line-up decisamente competitiva che comprende già i francesi Olivier Pain e Michael Metge.

L'obiettivo principale di questa nuova partnership è ovviamente la Dakar 2015, che ancora una volta si snoderà tra Argentina, Bolivia e Cile, mentre i programmi per il Mondiale 2015 sarebbero ancora in via di definizione. Il pilota di Lumezzane parteciperà sicuramente alla Maratona di ASO e all’intera pianificazione di test pre-Dakar della sua nuova squadra, che comprende il Rallye du Maroc (3-9 Ottobre) e il successivo Merzouga Rally.

La moto di Botturi per la prossima stagione sarà quindi la nuovissima Yamaha WR450F Rally, che farà la sua prima apparizione al Rally del Marocco. Si tratta di una moto completamente nuova, realizzata anche per adeguarsi alle nuove imposizioni regolamentari: estremamente compatta e leggera, dotata di un propulsore di nuova generazione progettato per ottenere la massima affidabilità con valori di potenza e di coppia all'altezza della situazione.

Alessandro Botturi, anche ex-rugbista di belle speranze, ha partecipato per la prima volta alla Dakar nel 2012, chiudendo ottavo assoluto e con la palma di miglior debuttante dell'anno. Questo il suo commento all'annuncio:

"Sono davvero felice di entrare a far parte del Yamaha Factory Racing Team, un'occasione che ho aspettato per lungo tempo. Questa squadra è come una grande famiglia ed io farò ciò che è necessario per dare il massimo. E' un team che ha vinto molte gare, ne parlavo spesso con Peterhansel quando entrambi correvamo nel Mondiale Enduro. Il mio obiettivo è sicuramente quello di vincere delle gare, ma servirà del tempo per questo. Molti grandi piloti italiani hanno guidato per Yamaha, e per me continuare questa tradizione è come un sogno che si avvera".


  • shares
  • Mail