Pikes Peak 2016: vittoria di Langlois su Kawasaki Z1000. A podio due elettriche

La Pikes Peak International Hillclimb, una delle più vecchie gara USA, ha vissuto la sua novantaquattresima edizione. Non è stato battuto il record delle moto, ma le emozioni non sono mancate.

bruno-langlois-pikes-peak-2016-2.jpg

Va in archivio anche l'edizione 2016 della Pikes Peak International Hillclimb, quella che è divenuta una delle più famose cronoscalate del mondo e che ogni anno mette alla prova mezzi e piloti lungo i 20 km di un percorso che, daa partire dal 2012, è completamente asfaltato.

Nella corsa di quest'anno non è crollato, almeno per le moto, il muro dei 10 minuti, cosa invece avvenuta nel 2012 ad opera di Carlin Dunne (Ducati Multistrada) che, con 9'52.819 è il detentore del record e nel 2014, quando Jeremy Toye e la sua Kawasaki ZX-10R arrivarono ai 4301 metri del traguardo in 9'58.687.

2012-pikes-peak-international-hill-climb-of1zpanvbxtl.jpg

A vincere la novantaquattresima edizione della seconda più vecchia corsa motoristica degli Stati Uniti è stato il corso Bruno Langlois, habitué delle 156 curve del percorso di gara, che ha coperto la distanza in 10'13.106, in sella ad una Kawasaki Z1000 appositamente allestita per il tracciato del Colorado.

Alle sue spalle, altri due volti ultranoti della "Corsa verso le nuvole", quelli di Don Canet e di Toye, entrambi sull'elettrica Victory, terminati rispettivamente a circa 5 e 7 secondi dal vincitore, ad ulteriore riprova che questo tipo di alimentazione, almeno sulle brevi distanze, è ormai in grado di rivaleggiare ad armi pari con i motori a scoppio.

bruno-langlois-pikes-peak-2016-1024x512.jpg

La prima delle moto italiane è la MV-Agusta di Kris Lillegard, sesto e vincitore della categoria Middleweight, seguito da Davey Durelle e la sua Aprilia SXV 550, primi nella classe Lightweight. L'appuntamento è per la fine di Giugno del prossimo anno quando, nel mirino, oltre alla vittoria, per i piloti ci sarà ancora una volta il record di Dunne.

Pikes Peak International Hillclimb 2016 - risultati moto


1 Bruno Langlois Pikes Peak Heavyweight 10:13.106 Kawasaki
2 Don Canet PPC-Electric Bike 10:17.813 Victory
3 Jeremy Toye PPC-Exhibition Powersport 10:19.777 Victory
4 Rennie Scaysbrook (R) Pikes Peak Heavyweight 10:28.407 KTM
5 Shane Scott Pikes Peak Heavyweight 10:35.953 KTM
6 Kris Lillegard Pikes Peak Middleweight 10:46.406 MV Agusta
7 Davey Durelle Pikes Peak Lightweight 10:55.288 Aprilia
8 Tomasz Gombos Pikes Peak Middleweight 10:58.630 Yamaha
9 Joseph Toner Pikes Peak Middleweight 11:01.324 Triumph
10 Cyril Combes (R) Pikes Peak Quad 11:05.664 Suzuki
11 Codie Vahsholtz Pikes Peak Middleweight 11:07.154 Husqvarna
12 Yoshihiro Kishimoto PPC-Electric Bike 11:10.480 KOMMIT EVT ZERO
13 Greg Chicoine Pikes Peak Lightweight 11:13.547 Kawasaki
14 Robert Barber (R) PPC-Electric Bike – Buckeye
15 Mark Miller (R) PPC-Electric Bike 11:20.448 Zero
16 Paul Baleta (R) Pikes Peak Heavyweight 11:21.191 Ducati
17 Chris Wagner Pikes Peak Quad 11:22.309 KTM
18 Kevin Heil Pikes Peak Heavyweight 11:23.949 Aprilia
19 Takahiro Itami Pikes Peak Middleweight 11:25.566 Husqvarna
20 John Wood PPC-Sidecar 11:26.644 Shelbourne
21 Theo Bernhard Pikes Peak Quad 11:28.148 Yamaha
22 Rafael Paschoalin (R) Pikes Peak Middleweight 11:30.493 Yamaha
23 Marcel Irnie (R) PPC-Electric Bike 11:31.326 Zero
24 Masahito Watanabe PPC-Sidecar 11:38.472 KUMANO Motorsport
25 Darryl Lujan Pikes Peak Lightweight 11:47.978 Honda
26 Blake Fuller Electric-Electric Production 11:48.264 Tesla
27 Mike Tollett Pikes Peak Quad 12:22.084 Suzuki
28 Michelle Disalvo Pikes Peak Lightweight 12:25.717 Honda
29 Mark Bartle Pikes Peak Lightweight 12:34.971 Yamaha
30 Bruno Marlin PPC-Sidecar 12:45.854 CHODA-BENELLI
31 Doug Chestnutt Pikes Peak Lightweight 12:49.396 Yamaha
32 Elisabeth Deeter Pikes Peak Lightweight 12:54.417 Yamaha
33 Rick Knoop Electric-Electric Modified 15:02.413 Entropy Racing

  • shares
  • Mail