Marco Melandri sul ritiro Yamaha: "sono distrutto, ma andrò avanti e cercherò un'altra moto"


Marco Melandri ed Eugene laverty, assieme a tutto il team Yamaha Racing che corre nel mondiale Superbike, sono stati travolti dalla notizia che annuncia il ritiro dal campionato del mondo delle derivate di serie a partire dal 2012. Sebbene il resto della stagione proseguirà senza intoppi, Marco Melandri si ritrova a piedi per il 2011. Il suo contratto era stato appena rinnovato, ma il ritiro dalle competizioni manda all'aria tutto quanto.

Nella giornata di ieri, appena diramato il comunicato di Yamaha Motor Europe, Marco ha diffuso tramite Twitter senza aggiungere commenti, ma non hanno tardato ad arrivare le prime dichiarazioni: "Nel contratto sottoscritto lo scorso inverno c'era l'opzione per il rinnovo: se alla data del 31 luglio fossi stato almeno terzo nel Mondiale l'accordo si sarebbe rinnovato automaticamente" ha commentato Macio a Motosprint.

"Ero felice perché dopo quattro stagioni di continui cambiamenti avrei avuto l'opportunità di correre due anni di seguito con la stessa moto, la stessa squadra e nello stesso campionato. Purtroppo dovrò cercarmi un'alternativa. Sono distrutto. Ma troverò un'altra moto, andrò avanti e rialzerò la testa come ho sempre fatto".

E quale sarà quest'alternativa? Il mercato 2012 per fortuna è ancora completamente aperto, e dubitiamo che il terzo pilota in classifica piloti non trovi una sella per il prossimo anno, ma la delusione in Marco rimane, soprattutto perchè finalmente aveva trovato una squadra competitiva, competente, ufficiale, e una moto dal grande potenziale.

  • shares
  • Mail
96 commenti Aggiorna
Ordina: