Moto Morini Scrambler 1200 - dati e foto ufficiali

Moto Morini Scrambler 12oo

Dopo avervi presentato la 1200 Sport eccovi l'altra novità esposta al recente Bike Expo di Padova, la Scrambler 1200, essenziale, eclettica, agile e facile da guidare. Così la definisce Moto Morini, una moto adatta a qualunque strada ed ottima per fuggire dalla routine quotidiana. Nata negli anni Sessanta per interpretare la voglia di libertà e di indipendenza di una generazione e, a distanza di tanti anni, mantiene ancora oggi inalterato tutto il suo fascino.

Come la 1200 Sport anche la Scrambler è nata sulla base tecnica del progetto 9 ½. Scrambler trasmette una spiccata vocazione all’uso trasversale sottolineato dalla ruota anteriore da 19” e dalle gomme tassellate: il suo terreno può essere l’asfalto o il pavè del centro come il fuoristrada della campagna di periferia.

L'estetica, curata da Marabese Design, evoca naturalmente gli anni splendidi che generarono il mito della Scrambler, ma propone una moto assolutamente moderna, essenziale e curata nei dettagli. Sotto il profilo estetico l'elemento principale è il capiente serbatoio da 21 litri, disegnato con svasature spaziose per le gambe che lo alleggeriscono nella parte bassa.

Moto Morini Scrambler 12oo
Moto Morini Scrambler 12oo
Moto Morini Scrambler 12oo
Moto Morini Scrambler 12oo

Il frontale è caratterizzato dal fanale tondo sovrastato dal piccolo cupolino che protegge la strumentazione e ne sottolinea la personalità. L'ampia sella fa quasi un corpo unico con il codino corto e filante, sensazione rafforzata dalle scelte cromatiche. L’assetto garantisce una guida facile, intuitiva per un immediato divertimento nel confort più totale.

Il telaio a traliccio comunica solidità e leggerezza, rinforzato nella parte posteriore per ospitare la sospensione laterale a sbalzo con serbatoio piggy back integrato. Il forcellone in alluminio con gambe idroformate a sezione generosa di disegno originale garantisce leggerezza e prestazione.

Completano la dotazione di serie, due silenziatori a doppia marmitta conica, mentre all'avantreno troviamo la forcella Marzocchi con steli da 50mm. Grande attenzione è stata dedicata all’ergonomia, per garantire il massimo confort a pilota e passeggero; manubrio alto, sella comoda e spaziosa, serbatoio accogliente per le gambe e posizione delle pedane garantiscono una posizione di guida efficace.

Di livello qualitativo invidiabile la componentistica che riunisce alcuni dei migliori nomi tra i produttori italiani: Verlicchi, Marzocchi, Paioli, Brembo, per citare i più noti, contribuendo naturalmente a caratterizzare la Scrambler come moto italiana,
coerentemente con la tradizione, ma anche con le scelte più recenti del marchio Morini. Nel seguito il dettaglio della cartella stampa.

Motore
La Scrambler è equipaggiata con il motore bicilindrico Bialbero CorsaCorta da 1187 cc. disegnato da Franco Lambertini; un
propulsore potente, che sviluppa 117 cv a 8500 giri. Il lay out del motore è molto compatto, fortemente caratterizzato dalla disposizione a V da 87° dei cilindri e dall’innovativa soluzione del carter integrale che offre diversi vantaggi rispetto alle soluzioni tradizionali, primo tra tutti la rigidezza dell’insieme che rende il motore portante.

Il propulsore è stato ottimizzato sulla base del progetto motoristico della 9 ½, che presenta specifiche caratteristiche
termodinamiche. Gli interventi più significativi riguardano la riduzione dei condotti di aspirazione, il diametro delle valvole, la fase di distribuzione del motore e l’aumento del rapporto di compressione per migliorare la progressione ai bassi regimi e ridurre i consumi.

Il risultato è un motore potente da 86 kW con 117 cv@ 8500 giri/min, con una coppia elevata 102 Nm con 10,4 Kgm@6700 giri/min e ben distribuita su tutto l’arco di erogazione, che pur mantenendo un’anima inconfondibilmente sportiva, si adatta perfettamente alle caratteristiche del veicolo, esaltandone la guidabilità più che la ricerca delle prestazioni estreme. L’impianto di
scarico è caratterizzato da doppio silenziatore laterale con marmitta conica. Il veicolo rispetta le normative antinquinamento Euro 3.

Ciclistica
Fulcro della ciclistica è il telaio a traliccio realizzato in tubi di acciaio altoresistenziale da Verlicchi su progetto esclusivo di Moto Morini. Si tratta di una struttura estremamente solida, che è stata ulteriormente irrigidita nella parte posteriore del telaietto,
rigididà necessaria per accogliere la soluzione della sospensione a sbalzo laterale.

Il lavoro del telaio è coadiuvato da sospensioni di alto livello. All’anteriore una possente Marzocchi Magnum con steli da 50mm di diametro, stretta da piastre esclusive e leggerissime realizzate in fusione di lega leggera. Il posteriore è caratterizzato da un poderoso forcellone con gambe realizzate in idroformatura, una innovativa tecnologia costruttiva basata sulla capacità deformante della forza idrica che consente la produzione di manufatti senza saldature: il forcellone realizzato con questa tecnologia presenta vantaggi sia in termini di peso, che di rigidezza strutturale.

La sospensione è coadiuvata dall’ammortizzatore laterale Paioli con serbatoio piggy back completamente regolabile in precarico
estensione e compressione. I cerchi Excel a raggi con canale in lega di alluminio consentono il montaggio di pneumatici tubeless, rigorosamente tassellati, di ultima generazione. Cerchio da 19” all’anteriore e da 17”al posteriore.

Gli impianti Brembo garantiscono decelerazioni potenti e progressive regalando al pilota tutta la sensibilità necessaria per gestire al meglio questa difficile fase della guida. La coppia di dischi semiflottanti da 320mm all’anteriore è lavorata da pinze assiali a quattro pistoncini a diametro differenziato: una soluzione che risponde ad un preciso input tecnico, quello di dare sicurezza grazie ad una modulabilità da riferimento ed una grande potenza.

Il serbatoio carburante bicolore è realizzato in nylon antiurto, ha una capacità di 21 litri ed è sollevabile per avere accesso alla grande scatola filtro sottostante. L’impianto di scarico con il doppio silenziatore laterale caratterizza in modo inconfondibile la moto e non penalizza il sound possente del bicilindrico Bialbero CorsaCorta, pur rispettando l’ambiente e posizionandosi al di sotto dei limiti di emissioni di scarico imposti dalle norme antinquinamento Euro 3.

Accessori
Il catalogo accessori Moto Morini, dedica alla Scrambler diversi articoli pensati per rendere più confortevole la guida:
• Kit parabrezza per una maggiore protezione a tutte le velocità senza compromettere la stabilità;
• Borse laterali, in tessuto resistente espandibile, di differenti capienze, la più grande può ospitare un casco integrale ed ha una capacità di 25 litri, la seconda di 15 litri.
• Borsa serbatoio, completa di maniglia per uso valigia e bretelle per trasformarla in zaino, capienza 26 litri;
• Bauletto posteriore, in tessuto resistente espandibile, capienza 15 litri;
• Copriserbatoio, con il logo moto Moto Morini ricamato;
• Maniglie passeggero, un appiglio sicuro per chi viaggia in coppia.

Colori
Sono previste due versioni di colori: nero/bianco con telaio nero, la seconda colorazione da definire. Lo start-up della produzione è previsto per l’estate 2008.

via | Moto Morini

  • shares
  • +1
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: