MotoGP: Misano si rifa il...look per il gran premio

Andrea Albani: "Volevamo aprire una nuova era del gran premio, darci una nuova immagine. Ci siamo riusciti. E chi poteva realizzarla se non Aldo Drudi, una delle anime di questa terra?"

mwc-7.jpg
Motomondiale 2017 - La perdita di Valentino Rossi (qui tutti gli aggiornamenti delle ultime ore) per il gran premio di Misano Adriatico non può fermare una festa dei motori sulla riviera di Rimini. Un fine settimana che tutti gli appassionati potranno vivere con un circuito - il Marco Simoncelli - che ha deciso di rinfrescarsi il look dal punto di vista estetico, rimanendo precorritore.

Basterà osservare...dall'alto il circuito per capire di cosa parliamo: vie di fuga colorate come opere d'arte. Il risultato è da mozzare il fiato. Autore? Aldo Drudi ovviamente: "Volevamo aprire una nuova era del gran premio, darci una nuova immagine. Ci siamo riusciti. E chi poteva realizzarla se non Aldo Drudi, una delle anime di questa terra?" riferisce alla Gazzetta dello sport Andrea Albani, direttore generale.

L'ispirazione è giunta dalle grafiche e dai colori degli anni Sessanta, fino agli anni Ottanta che, a detta proprio di Aldo Drudi, stanno ritornando. "Guardando il risultato vengono in mente Mirò e i pittori spagnoli di inizio secolo, nei cui dipinti il colore la faceva da padrone. È un progetto in divenire: per ora abbiamo decorato 5 spazi di fuga, la prima curva col rosso Ducati, la Brutapela col giallo di Valentino, alla Quercia abbiamo realizzato il nome del circuito, al Carro posizioneremo un telo rimovibile in caso di pioggia, all’ultima curva ci sono i colori di San Marino. Ma i prossimi anni aggiungeremo nuovi dettagli. Abbiamo lavorato anche di notte , da un braccio meccanico alto 25 metri un’ottica proiettava il disegno, ricalcato con un rullo bianco, poi abbiamo riempito gli spazi di colore".

Un circuito divenuto un quadro, una sorta di opera d'arte, ma non solo. Non di sola estetica vive il circuito ma anche spazi allargati, più servizi ed una maggiore capienza, considerando anche il record del 2016 con 158mila spettatori complessivi.

Tra gli eventi collaterali infine, da sottolineare la mostra fotografica Rimini Racing Shot, curata da Gigi Soldano, con un tributo speciale a Marco Guidetti.

mwc-5.jpg

  • shares
  • Mail