Test Jerez, Redding: "Stiamo facendo progressi"

Il 26enne britannico soddisfatto del lavoro svolto in Spagna nonostante olter 1" di distacco da Rea: "Sappiamo in quale direzione lavorare."

Si è conclusa ieri a Jerez de La Frontera l'ultima "due-giorni" di test della Superbike prima della pausa invernale e Scott Redding, neo-acquisto del team ufficiale Aruba.it Racing Ducati per il 2020, ha sfruttato al massimo l'occasione per proseguire nel suo processo di familiarizzazione con la Panigale V4 R, moto con cui quest'anno ha vinto il Campionato BSB ma che deve ancora imparare a conoscere in configurazione WorldSBK.

Il britannico ha approfittato delle condizioni metereologiche favorevoli sul tracciato andaluso per portare avanti il suo programma di collaudi, concentrandosi in particolar modo sul set-up della moto e testando anche alcune nuove soluzioni di gomme portate appositamente dal fornitore Pirelli.

Dal punto di vista cronometrico, il Campione del Mondo Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) è stato il dominatore del test di Jerez, terminando davanti a tutti sia nel Day-1 che, soprattutto, nel Day-2, quando ha rifilato quasi 9 decimi a tutta la concorrenza.

Alla luce della sua condizione di rookie in Superbike, Redding non ha comunque sfigurato: nel primo giorno ha chiuso al 6° posto a 9 decimi abbondanti dal pluri-iridato connazionale, nel secondo si è invece dovuto accontentare della 5a posizione, a oltre 1" del nord-irlandese ma a meno di 2 decimi dalla seconda piazza, e sempre lasciandosi alle spalle il compagno di box e "ducatista" di lungo corso Chaz Davies.

Terminati gli impegni in pista, il 26enne neo-alfiere della Ducati ha confermato di trovarsi sempre più a suo agio in della alla V4 di Borgo Panigale:

"Oggi ci siamo focalizzati principalmente sul miglioramento del grip al posteriore della nostra moto, che su questo tracciato non mi ha particolarmente soddisfatto, ma grazie al lavoro della squadra, alla fine, siamo riusciti a trovare qualcosa di interessante. Non siamo ancora dove vorremmo essere, ma stiamo facendo progressi."

"Oltre a testare i nuovi pneumatici portati da Pirelli, abbiamo migliorato il feeling con l'elettronica, totalmente nuova per me in Superbike. In generale, sono abbastanza contento del test: ho raggiunto un buon feeling con la Panigale V4 R e sappiamo in quale direzione lavorare per la prossima stagione."

  • shares
  • Mail