MotoGP, tutto fermo: Lorenzo rimane in Honda, Miller in Pramac Ducati

Nonostante le voci che si sono rincorse in questi giorni i due non cambieranno casacca nel 2020: Lorenzo rimarrà in HRC mentre Miller è confermato in Pramac Ducati

In questi giorni si è detto di tutto: Lorenzo in Pramac Ducati, Lorenzo in Yamaha SRT, Miller alla Honda, Miller in KTM. Alla fine, nonostante il susseguirsi di indiscrezioni e voci di corridoio, le ultime pedine di mercato - ammesso che lo fossero davvero - rimarranno ferme per il 2020: i vertici della casa di Tokyo si sono mostrati decisi a non rescindere anticipatamente il contratto con il maiorchino, tagliando la testa al toro a qualunque ipotesi alternativa sul futuro del Porfuera.

Jorge rimarrà dunque in sella alla RC213V ufficiale anche nella prossima stagione, come confermato ai microfoni di Marca anche dal manager dello spagnolo Albert Valera: i contatti con altre squadre ci sono stati, ma alla fine la volontà di risalire la china con la scuderia dell'Ala Dorata ha avuto la meglio. Il rientro di Lorenzo in pista è previsto per la fine di questo mese, in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone.

Nemmeno Jack Miller cambierà casacca: l'australiano, che nelle congetture di questi giorni sembrava destinato a diventare l'ideale vittima sacrificale in vista di un eventuale passaggio di Lorenzo in Ducati Pramac, continuerà a fare coppia con Pecco Bagnaia nella squadra italiana guidata da Paolo Campinoti.

Niente passaggio in KTM al posto di Zarco, dunque, ma un'altra stagione in sella ai comandi della Desmosidici satellite con trattamento da pilota factory: "Abbiamo sempre voluto puntare su Jack, anche se ovviamente Lorenzo è un grande campione" ha dichiarato al riguardo il manager del team Pramac ai microfoni di Sky "Ci lusinga che uno come lui abbia anche solo potuto pensare di venire da noi, ma ribadisco: per noi erano solo voci".

  • shares
  • Mail