Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag Colin Edwards

Colin Edwards annuncia il ritiro a fine stagione

pubblicato da Adriano

Nel corso della conferenza stampa ufficiale prima del GP delle Americhe, sua gara di casa, il 40enne texano ha annunciato il ritiro dalle corse a fine anno.

colin edwards 01

L’americano Colin Edwards ha scelto la conferenza stampa ufficiale prime del GP delle Americhe, sua gara ‘di casa’, per annunciare al mondo del motociclismo la sua decisione di ritirarsi dal mondo delle corse alla fine dell’attuale stagione. L’esperto pilota americano, che ha compiuto 40 anni poche settimane fa, completerà quindi la stagione con la FTR-Yamaha del team NGM Forward Racing e poi appenderà il casco al fatidico chiodo per dedicarsi alle sue già numerose attività.

Edwards, due volte Campione del Mondo della Superbike (nel 2000 e nel 2002 con Honda), era passato alla MotoGP nel 2003, prima con l’Aprilia RS Cube, poi con Honda Gresini (2004) per poi approdare in Yamaha, 3 anni come compagno di colori di Valentino Rossi nel team ufficiale, 4 nel team francese Tech 3 guidato da Herve Poncharal. Nel 2012 approda nel team Forward di Giovanni Cuzari, gareggiando due anni con le CRT e poi, quest’anno, con la promettente FTR-Yamaha, che ha fatto faville nella primissima parte di questa stagione nelle mani del rampanto compagno di squadra Aleix Espargarò.

COLIN EDWARDS - LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA CARRIERA IN MOTOGP E SBK

Colin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGP

Il popolare ‘Texas Tornado‘, da sempre molto apprezzato anche tra gli appassionati italiani, ha così spiegato la decisione ai numerosi giornalisti presenti ad Austin, pochi dei quali erano già al corrente dell’imminente annuncio:

“Non so nemmeno come dirlo, anche se l’ho già provato tante volte: il 2014 sarà la mia ultima stagione nel mondo delle corse. Ho parlato con la mia bellissima moglie, sono in Europa dal 1995, e questi giovani bastardi [riferendosi agli altri piloti mi stanno prendendo a calci nel culo. Ho troppe persone da ringraziare, in particolare Yamaha.”

“Quando quest’anno abbiamo iniziato i test, non abbiamo visto il miglioramento che io avrei voluto vedere e, ovviamente, dovrei cambiare stile di guida. Diamine, ho 40 anni e sto cercando di cambiare il mio stile di guida per funzionare questa moto: le cose non andavano bene sul serio.”

“Non appena ci si trova in un momento ad alta intensità, si tende a tornare al proprio istinto, e il mio istinto è di guidare la moto in modo diverso. Poi c’è la storia dei miei figli, e di mia moglie. Ho avuto delle conversazioni con loro, e ci sono alcune cose di cui avverto la mancanza - il baseball, la ginnastica, la scuola - e quindi ho bisogno di trascorrere un po’ più di tempo a casa.”

COLIN EDWARDS - LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA CARRIERA IN MOTOGP E SBK

Colin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGP

COLIN EDWARDS - LA GALLERIA FOTOGRAFICA DELLA CARRIERA IN MOTOGP E SBK

Colin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGPColin Edwards - La Foto Gallery della Carriera in SBK  e MotoGP

....
condividi 3 Commenti

Colin Edwards: "Fisicamente, Austin è la pista più impegnativa del Mondiale"

pubblicato da Adriano

Alla vigilia del suo GP ‘di casa’, l’esperto pilota texano condivide le sue riflessioni sul Motomondiale e sulla sua FTR-Yamaha: “Aleix Espargarò impressionante, io ho qualche problema con l’anteriore.”

MotoGP 2014 - Top Qatar

Se non altro per motivi geografici, Colin Edwards è sicuramente uno dei piloti più attesi dell’ormai imminente Gran Premio delle Americhe di Austin, nel suo Texas (clicca qui per orari e copertura televisiva). Dopo il debutto di questa pista nel Motomondiale dello scorso anno, l’esperto pilota del team NGM Forward Racing - fresco 40enne - si appresta a tornare sul circuito di casa con una moto finalmente competitiva, la FTR-Yamaha ‘Open’, che però in questa prima parte della stagione ha fatto meraviglie solo nelle mani del suo compagno di squadra, il rampante Aleix Espargarò, che inevitabilmente ha messo un po’ in ombra il vecchio campione.

Nonostante qualche problema di adattamento alla moto ancora irrisolto, Edwards si dice comunque soddisfatto della sua nuova FTR-Yamaha, ed in una recente intervista rilasciata al sito ufficiale del Motomondiale ha spiegato:

“Il motore è Yamaha, e anche il telaio: da quello che ci hanno detto, è quello che aveva Tech3 l’anno scorso. Stesso discorso per il forcellone. Poi ci sono elementi quali le piastre di sterzo e altre piccole parti che abbiamo dovuto fare noi, incluso il serbatoio. E poi, naturalmente c’è l’elettronica imposta dalla Dorna. Quindi si può dire che buona parte della moto sia Yamaha, con una parte FTR e con l’elettronica Dorna. E’ una specie di collage, ma funziona!”

“Quello che abbiamo avuto da Yamaha è quello che avremo: non credo che riceveremo altro, altri pezzi ‘extra’ da loro. Adesso tocca a Forward Racing, FTR e Mark Taylor [Direttore Tecnico di FTR] capire cosa fare.”

GALLERY COLIN EDWARDS MOTOGP 2013

MotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin Edwards

Dopo aver vinto due titoli mondiali in Superbike ed essere passato in MotoGP, Edwards ha trascorso buona parte della sua carriera nel Motomondiale in sella alla Yamaha M1, un elemento che, teoricamente, avrebbe dovuto favorirlo nel processo di adattamento alla Yamaha ‘Open‘, ma lo statunitense ha poi scoperto che questo non era esattamente il caso:

“Questa moto non è come le Yamaha M1 che ho guidato in passato: è un po’ diversa, e va guidata diversamente. Aleix ci si è adattato subito - il che è stato abbastanza impressionante per me - mentre io ho dovuto modificare un po’ il mio stile di guida. A dir la verità non credo di aver ancora compreso perfettamente come la si deve guidare, ma ci sto arrivando piano-piano. Ho guidato moto per 22 anni e ho un certo mio stile personale, ma a questa moto non sembra piacere quello stile: devo solo guidare più ’sul posteriore’, quindi non in modo bilanciato o spingendo troppo sull’anteriore. Serve un po’ di tempo per capire come va guidata, e questo è proprio quello su cui abbiamo lavorato fino ad ora.”

“Secondo me la moto fa tutto benissimo tranne curvare, ed è questo l’elemento che mi ha dato i maggiori grattacapi. Io sono sempre stato un pilota che guida ’sul davanti’, mi piace avere un certo tipo di feeling con l’anteriore: migliore è il mio feeling con l’avantreno, più veloce sono. Il mio problema è che ho ‘zero feeling’ con l’anteriore, e sto facendo fatica a trovarlo con questa moto. Quindi sto cercando ‘lasciarmi trasportare’, del tipo: “Beh, sembra che sono andato bene nell’ultimo giro, proviamo a spingere ancora di più e vediamo che succede”. Ma comunque l’anteriore rimane il nostro problema principale, l’area nella quale cercheremo di migliorare.”

GALLERY COLIN EDWARDS MOTOGP 2013

MotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin Edwards

Per il popolare ‘Texas Tornado’, questa è anche la terza stagione alle dipendenze del team italiano NGM Forward Racing di Giovanni Cuzari, una squadra che in pratica ha visto crescere nella Premier Class:

“Quando ci fu il primo approccio, ovviamente sapevo che non avevamo nessuna possibilità di vincere, ma c’era l’opportunità di poter costruire qualcosa con il team, contribuendo a costruire il team stesso. Allora fu quella la mia motivazione principale: aiutare la crescita del team, che a quei tempi, in pratica, era un team Moto2. Non si trattava di costruire un impero, ma piuttosto un team fondamentalmente sano, e ha funzionato. Abbiamo iniziato con una moto [la Suter BMW nel 2012], poi siamo passati ad un altra [la FTR-Kawasaki dell’anno scorso], e ora ne abbiamo una con cui possiamo essere davvero competitivi. Direi che le cose sono andate proprio nel modo che avrei voluto: è stato un successo! Costruire questa squadra, che ora ha una sua ‘presenza’ in griglia, è stata una cosa che mi ha dato grande soddisfazione.”

GALLERY COLIN EDWARDS MOTOGP 2013

MotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin Edwards

Con 40 primavere alle spalle, Colin Edwards è di gran lunga il decano dei piloti della MotoGP, ma nonostante ciò non si sente esattamente nella posizione di dare consigli ai giovani piloti:

“Probabilmente l’unico consiglio che posso dare ai giovani riguarda l’umiltà: essere ‘normali’ ed essere ’se stessi. Io non credo di essere mai cambiato, mi capita ancora di dire cose che a certa gente non piace - gli sponsor di solito [ride] - ma per me è solo una questione di dire la verità. Non so, non ho mai avuto un motivo per cambiare, e se dovessi dare un consiglio sarebbe quello. Ma questi sono ragazzi che corrono in moto, capiranno tutto da sé senza che io debba insegnare loro nulla.”

GALLERY COLIN EDWARDS MOTOGP 2013

MotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin EdwardsMotoGP 2013 - Colin Edwards

Mancano ormai poche ore ai primi turni di libere per il GP delle Americhe, ed Edwards ha anche detto la sua in riferimento alle caratteristiche al moderno e spettacolare Circuit Of The Americas (COTA), che da domani sarà teatro del secondo round stagionale:

“Austin è probabilmente uno dei circuiti più impegnativi del calendario. Mi pare non ci siano altri circuiti nel Mondiale dove si usa la prima marcia, mentre qui la devi usare tre volte in un solo giro. Ogni volta che si va a tutto spiano in accelerazione su queste moto e bisogna frenare e scalare fino alla prima marcia… si tratta di un qualcosa di piuttosto faticoso, figuriamoci a doverlo fare tre volte per ogni giro. Poi, dopo la curva 1, c’e la sequenza di curve 2, 3 e 4 in sequenza, con tutti quei cambi di direzione che alla moto non piacciono troppo. Quindi c’è molto lavoro da fare: secondo me, Austin è una delle piste più impegnative dal punto di vista fisico.

GALLERY COLIN EDWARDS MOTOGP 2013

....
condividi 0 Commenti

MotoGP, Aleix Espargarò cerca il colpo ad Austin: "Dobbiamo crederci"

pubblicato da Adriano

Lo spagnolo del team NGM Forward Racing proverà a sfruttare lo slancio della sua FTR-Yamaha nel prossimo round in Texas. Edwards pronto per la gara di casa, Pasini e Corsi ottimisti per la Moto2.

MotoGP 2014 - Top Qatar

Dopo il debutto di Losail, tutti i piloti del team NGM Forward Racing si preparano a tornare in pista questo fine-settimana allo spettacolare Circuit of the Americas (COTA), che ospiterà per la seconda volta nella sua storia una tappa del Motomondiale. Il più atteso sarà naturalmente Aleix Espargaro, che dopo gli ottimi risultati raccolti durante la pre-season della MotoGP ha chiuso con un buon quarto posto il GP del Qatar, primo round del Motomondiale 2014. Questo risultato, per quanto sicuramente encomiabile, ha però lasciato qualche rammarico per il doppio errore dello spagnolo nelle qualifiche, che gli ha precluso la possibilità di lottare per il podio dopo aver dominato tutte le precedenti sessioni di libere.

Ad Austin, Aleix Espargarò non potrà contare sul piccolo vantaggio che aveva a Losail per il fatto aver partecipato ad una tre-giorni‘ di test sullo stesso tracciato solo un paio di settimane prima del GP (alla quale non avevano partecipato i team ufficiali), ma lo spagnolo è comunque fiducioso di potersi ripetere sugli stessi livelli di Losail, preferibilmente senza errori:

“Ho grandi aspettative per la seconda gara della stagione. In Qatar avevamo il passo per lottare per il podio, ma ho pagato i due errori fatti in qualifica. Dobbiamo provarci ancora e crederci anche ad Austin. La gara sarà dura, soffriremo sul lungo rettilineo (1.2 km), ma sono convinto che possiamo continuare a migliorarci e raccogliere un buon risultato.”

MotoGP 2014 - GALLERIA QUALIFICHE LOSAIL

MotoGP 2014 - GP del Qatar - Galleria QualificheMotoGP 2014 - GP del Qatar - Galleria QualificheMotoGP 2014 - GP del Qatar - Galleria QualificheMotoGP 2014 - GP del Qatar - Galleria Qualifiche

L’appuntamento con il Circuit of the Americas riveste ovviamente un sapore particolare per l’esperto Colin Edwards, che correrà su quello che per lui è il vero e proprio circuito di casa. Il texano sarà quindi sostenuto dal tifo della famiglia, degli amici e dai tantissimi tifosi americani, ed è chiaro che il popolare Texas Tornado, due volte iridato in Superbike, non è intenzionato a deluderli:

“Non vedo l’ora di scendere in pista per il gran premio di casa: tanti amici e la mia famiglia saranno in circuito ed è sempre entusiasmante correre davanti ai tifosi americani. Non sarà una gara facile perché il tracciato è molto impegnativo, uno dei più vari, ma allo stesso tempo più tecnici del Mondiale con un mix di rettilinei veloci, curve lente da fare in prima e staccate violente.”

MotoGP 2014 - GALLERIA QUALIFICHE LOSAIL

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2

Gli alfieri del team NGM Forward Racing in Moto2, Simone Corsi e Mattia Pasini, sono sicuramente motivati a fare bene ad Austin per gettarsi definitivamente alle spalle alle sfortune e agli errori del Qatar. Simone Corsi, 5° a Losail con la debuttante Forward KLX, punta a migliorare ancora:

“Lo scorso anno abbiamo corso per la prima volta sul tracciato di Austin e devo dire che la pista mi piace molto. Dopo la gara di Doha le sensazioni sono davvero positive e sono fiducioso. Con il team il lavoro continua, vogliamo arrivare sempre più avanti. Sono convinto che in America possiamo raccogliere un buon risultato.”

MotoGP 2014 - GALLERIA QUALIFICHE LOSAIL

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2

Il compagno di colori Mattia Pasini, zero punti in Qatar, promette battaglia in vista del round texano:

“Sono davvero carico per la trasferta in Texas. In Qatar è stato un buon weekend, siamo riusciti a stare davanti nei turni di prove, anche se in gara siamo stati sfortunati. Per colpa di un problema alla gomma e qualche errore siamo rimasti un po’ indietro, ma il potenziale c’è. Sono fiducioso di poter stare davanti con i primi non solo in prova, ma anche in gara.”

Prima della gara il team oggi farà tappa al Boot Camp di Colin Edwards a Montgomery. In occasione della trasferta in Texas, Colin aprirà le porte della sua casa e del suo camp ai compagni di squadra.

MotoGP 2014 - GALLERIA QUALIFICHE LOSAIL

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2

....
condividi 2 Commenti

Aleix Espargarò fissa gli obiettivi per il Qatar: "Prima fila e podio"

pubblicato da Adriano

Lo spagnolo e la sua FTR-Yamaha dominano le libere per il GP del Qatar rifilando oltre 4 decimi alla concorrenza. In crescita anche Colin Edwards: “Contento del passo gara con le gomme dure.”

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2

Aleix Espargarò e la sua FTR-Yamaha del team italiano NGM Forward Racing hanno dominato in lungo e in largo tutti i turni di prove libere per il GP del Qatar, ma per chi ha seguito con attenzione i test invernali della MotoGP si tratta tutto sommato di una sorpresa relativa. Lo spagnolo e la sua Yamaha ‘Open‘ infatti sono stati altamente competitivi per tutta la pre-season, girando sugli stessi tempi dei prototipi ‘Factory‘ giapponesi sin dalla prima uscita stagionale di Sepang e confermandosi sugli stessi livelli anche nelle uscite successive.

Sfruttando il vantaggio di aver fatto una ‘tre-giorni‘ di test completa su questa pista solo 15 giorni fa - a cui i team ufficiali di Honda, Yamaha e Ducati non hanno partecipato - Espargarò ha comandato con autorità i turni di libere di Losail proponendosi per forza di cose come uno dei favoriti per il successo finale, anche se la corsa in sé potrebbe proporre uno scenario assai diverso da quanto visto finora. L’1.54.773 con cui ha chiuso le FP3 è comunque di gran lunga il tempo migliore fatto segnare fino ad ora a Losail, oltre 4 decimi più veloce rispetto ad Andrea Iannone, secondo a sorpresa con la Desmosedici GP14 del team Pramac Racing.

MotoGP 2014 Qatar - GALLERIA Prove libere Day 2

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2

Ad ogni buon conto, nelle libere di ieri, Aleix Espargarò ha lavorato anche sul passo-gara con gomme dure, con esiti decisamente positivi, e considerando che anche le simulazioni di gara fatte dallo spagnolo 15 giorni fa avevano fornito riscontri incoraggianti, l’atteggiamento battagliero sfoggiato dal pilota al termine delle libere è sicuramente comprensibile:

“Sono molto felice di aver chiuso anche oggi davanti a tutti. Abbiamo un buon set up con le gomme morbide, ma sono contento soprattutto del passo gara. Certo, la gara non sarà facile perché perdiamo molto in termini di velocità di punta sul lungo rettilineo, ma la motivazione è tantissima e possiamo contare su un pacchetto competitivo. Domani puntiamo alla prima fila per poter lottare per il podio”.

MotoGP 2014 Qatar - GALLERIA Prove libere Day 2

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 2

Al termine delle libere, il compagno di squadra di Espargarò, l’americano Colin Edwards, si è dichiarato soddisfatto per aver trovato un buon passo con la gomma dura, anche se per le qualifiche sarà necessario trovare un set up più bilanciato per la gomma morbida. Il texano dovrà guadagnarsi l’accesso alle prime file partendo dall’insidiosa Q1, nella quale dovrà misurarsi con la Yamaha M1 ‘Factory’ di Pol Espargarò (Yamaha Tech3) e la GP14 ‘Open’ ufficiale di Cal Crutchlow. Il suo commento a fine giornata è stato comunque positivo:

“E’ stata una giornata positiva. Sono contento del passo gara con le gomme dure, mentre non sono riuscito a sfruttare al meglio le morbide. Domani lavoreremo su questo aspetto in vista delle qualifiche. Ancora i miei complimenti ad Aleix, sta facendo un lavoro fantastico e sono molto contento per lui.”

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

....
condividi 0 Commenti

Aleix Espargarò già lepre a Losail: "Davvero un grande inizio!"

pubblicato da Adriano

Lo spagnolo continua a stupire con la FTR-Yamaha del team NGM Factory Racing: quasi mezzo secondo il distacco rifilato agli avversari.

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 1

Sin dal primo test invernale della MotoGP a Sepang, Aleix Espargarò e la sua FTR-Yamaha ‘Open‘ avevano stupito tutti per il grande livello di competitività messo in pista, che a livello di tempi sul giro lo metteva in diretta competizione con gli osannati prototipi ‘Factory’ giapponesi. La stessa situazione si è poi ripetita nel secondo test si Sepang, mentre nel test di Losail di due settimane fa, approfittando dell’assenza dei team ufficiali impegnati nel test Bridgestone di Phillip Island, lo spagnolo ha messo tutti in fila con il crono più veloce della ‘tre-giorni’.

Oggi, a circa quindici giorni da quel test, Aleix Espargarò ed il team NGM Forward Racing ha raccolto i frutti del lavoro svolto andando ad aggiudicarsi in modo perentorio la prima sessione di prove libere cronometrate della stagione, mettendo quasi mezzo secondo tra sè e il suo più immediato inseguitore (Alvaro Bautista con la Honda RC213V ‘Factory’ del team Gresini) grazie ad un eccellente 1:55.201. Lo spagnolo comunque è stato costantemente tra i più veloci in tutti e 45 i minuti della sessione, e a fine giornata ha espresso la sua grande soddisfazione per l’ottimo esordio:

“È davvero un grande inizio: trovarsi in testa alla classifica è una bellissima sensazione. Avevamo un vantaggio rispetto ai piloti ufficiali, avendo provato su questa pista due settimane fa, ma sono soddisfatto perché sono riuscito ad essere veloce sia con la gomma dura che con la morbida. Sono certo che domani tutti miglioreranno, ma anche noi abbiamo margine. Continueremo a lavorare sodo con l’obiettivo di lottare per il podio.”

MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 1MotoGP 2014 Qatar - Prove libere Day 1

La prima giornata di libere di Losail è stata indubbiamente positiva anche per il compagno di squadra Colin Edwards, che ha chiuso in ottava posizione con 1’56.626 tra le due M1 ‘Factory’ di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. L’americano ha girato prevalentemente in configurazione gara, continuando il lavoro iniziato durante l’ultima sessione di test pre-campionato su questa stessa pista. Nel suo commento di fine turno, il 40enne texano non ha mancato di complimentarsi con il suo velocissimo compagno di box:

“All’inizio del turno sono sceso in pista con la gomma morbida, per poi passare alla dura con la quale ho realizzato il mio miglior tempo. Il feeling è buono e soprattutto sto cercando di cambiare il mio stile di guida, invece di stravolgere la moto. Non è scontato dopo tanti anni, ma è fondamentale perché questa moto richiede una guida molto diversa da quella a cui ero abituato. È una nuova sfida per me. Complimenti ad Aleix per il suo risultato, sta facendo davvero bene e sono contento per lui.”

....
condividi 1 Commenti

NGM Forward Racing cerca il 'colpo' in Qatar

pubblicato da Adriano

Aleix Espargarò e Colin Edwards preparano il debutto iridato in MotoGP dell’impressionante FTR-Yamaha; Simone Corsi e Mattia Pasini sono pronti al battesimo della Forward KLX in Moto2: leggi le loro dichiarazioni.

MotoGP 2014 Test Sepang 2 - Day 1

Il 2014 si presenta come un anno molto promettente per il rinnovato team NGM Forward Racing guidato da Giovanni Cuzari. La compagine italiana, impegnata sia in MotoGP che in Moto2, si prepara infatti ad affrontare il Motomondiale con due moto completamente nuove: nella Premier Class, il confermato Colin Edwards e il neo-acquisto Aleix Espargarò saranno infatti in pista con la FTR Yamaha, la cosiddetta Yamaha ‘Open’, che nei test invernali ha stupito tutti (specialmente con il pilota spagnolo) girando in pratica sugli stessi tempi dei prototipi ‘Factory’ giapponesi, mentre in Moto2 i confermati alfieri italiani Simone Corsi e Mattia Pasini scenderanno in pista con la Forward KLX, nuovo prototipo sviluppato internamente con la collaborazione di Kalex.

Come già sottolineato più volte, il connubio tra Aleix Espargarò e la FTR-Yamaha ha rappresentato la vera sorpresa dei test invernali della MotoGP per la stagione 2014, mettendo in mostra un livello di competitività che non sembra affatto distante da quello delle Yamaha M1 e Honda RC213V ‘ufficiali’. La sua velocità ha infatti subito gettato lo scompiglio nel paddock già dopo la prima tornata di test di Sepang, polemiche che poi sono aumentate dopo l’annuncio da parte della stessa Ducati in merito all’adesione alla classe ‘Open’.

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

Lo stesso pilota spagnolo, in una recente intervista, non ha risparmiato critiche alla mossa decisa dalla casa di Borgo Panigale, ma a poche ore dal debutto in pista per le prime libere del GP del Qatar, il suo focus è ormai concentrato sul primo weekend di gara della stagione:

“Dopo gli ottimi risultati ottenuti nei test invernali non vedo l’ora di cominciare a fare sul serio. Da quando corro in MotoGP non sono mai arrivato così competitivo all’inizio del campionato. Il GP del Qatar sarà una gara importante perché debutterò in sella alla Forward Yamaha. Desidero ringraziare ancora una volta il team NGM Forward Racing per aver creduto in me e spero di ripagare la loro fiducia con dei buoni risultati.”

Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1

L’americano Colin Edwards, che ha compiuto 40 anni qualche settimana fa, dovrà sicuramente dare il massimo per tenere il passo del suo rampante compagno di box, ma nel corso della pre-season i suoi progressi sono stati evidenti, così come è diminuito il distacco accumulato di volta in volta dallo scatenato spagnolo. L’esperto ‘texas Tornado’ inoltre vanta un buon feeling con questo tracciato (dove raccolse un terzo posto nel 2004) e il suo approccio al GP è sicuramente improntato all’ottimismo:

“Sono molto motivato per questa nuova stagione, sono contento di tornare in sella ad una Yamaha e di poter correre ancora quest’anno insieme al team NGM Forward Racing. Credo molto nella validità di questo progetto e gara dopo gara continueremo a lavorare allo sviluppo di questa moto. Non vedo l’ora di scendere in pista in Qatar.”

MotoGP 2014 Test Sepang 2 - Day 1MotoGP 2014 Test Sepang 2 - Day 1MotoGP 2014 Test Sepang 2 - Day 1MotoGP 2014 Test Sepang 2 - Day 1

Simone Corsi nutre grandi speranze per il debutto della Forward KLX in Qatar. Nell’ultimo test pre-stagionale di Jerez, il 26enne pilota romano ha chiuso la ‘tre-giorni’ con il 10° tempo assoluto, a oltre 6 decimi dal miglior crono del giapponese Nakagami (Kalex Idemitsu Honda Team Asia), ma essendo la moto completamente nuova, i margini di crescita sono comunque incoraggianti:

“Sono molto motivato e fiducioso in vista dell’esordio in sella alla Forward KLX. Andiamo in Qatar per recuperare decimi e ridurre il distacco dai primi. Nessun team in Moto2 durante l’inverno ha provato sulla pista di Doha, quindi i parametri per tutti si azzereranno e possiamo davvero fare bene.”

Moto2 2014 - Test Jerez Day 3Moto2 2014 - Test Jerez Day 3

Anche Mattia Pasini tenterà di trovare subito un buon risultato con la nuova moto a Losail. Il 28enne romagnolo vanta una buona tradizione sul tracciato qatariota (nella quale spicca la vittoria del 2008 nella oggi defunta classe 250 cc) ed il suo obiettivo è quello di fare subito punti importanti:

“La prima gara della stagione in sella a questa nuova moto sarà davvero molto importante. Sono carico e voglio fare bene per me e il mio team. Durante l’inverno abbiamo preferito concentrarci su un lavoro di qualità per costruire una buona base per tutta la stagione a discapito della prestazione sul giro singolo. Voglio partire forte.. chi parte bene è a metà dell’opera.”

....
condividi 0 Commenti

Aleix Espargarò missile anche a Losail: "Molto fiducioso per la gara"

pubblicato da Adriano

Lo spagnolo del team NGM Forward Racing è il più veloce nell’ultimo test MotoGP in Qatar prima della gara di apertura su questa stessa pista.

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

Sul fatto che il binomio formato da Aleix Espargarò e dalla sua FTR-Yamaha sia la vera grande sorpresa dei test pre-stagionali della MotoGP 2014 ci sono pochi dubbi. L’immediata alchimia tra il talentuoso 24enne spagnolo e la sorprendente Yamaha ‘Open’ del team NGM Forward Racing aveva lasciato tutti a bocca aperta già nel primo test ufficiale di Sepang di inizio Febbraio, andando subito a girare con gli stessi tempi dei riveriti prototipi ‘Factory’ ufficiali giapponesi, per poi ripetersi con la stessa costanza anche poche settimane dopo nel secondo test ufficiale in Malesia.

In quest’ultima ‘tre-giorni’ di test di Losail, in Qatar, Espargarò ha approfittato dell’assenza dei team ufficiali - che avevano già fatto il loro ‘terzo test’ all’inizio della scorsa settimana a Phillip Island - per ribadire la sua forza nei confronti del resto del gruppo, aggiudicandosi il Day-1, chiudendo terzo dietro le Honda Bautista e Bradl nel Day-2 e facendo segnare ieri la miglior prestazione del test nel Day-3.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

Con il suo crono finale di 1:54.874 - tanto per mettere le cose nella giusta prospettiva - Espargarò ha chiuso a meno di due decimi dalla pole 2013 di Jorge Lorenzo (1.54.714), confermando così una volta di più la sua grande forma in vista del round di apertura del Motomondiale, che avrà luogo su questo stesso tracciato il prossimo 23 Marzo.

Nel corso della giornata conclusiva del test di Losail, lo spagnolo ha proseguito il lavoro di assetto e sviluppo iniziato già nei precedenti test di Sepang, concentrandosi non solo sulla ricerca del tempo sul giro ma effettuando anche una simulazione di gara di 22 giri, mostrando un passo piuttosto interessante. L’unica nota stonata della giornata è stato l’infortunio alla clavicola del fratello Pol (Yamaha Tech3), che ha chiuso la sessione dietro di lui per soli 33 millesimi e che dovrebbe comunque essere regolarmente al via del primo GP dell’anno.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

Commentando gli esiti del test, Aleix Espargarò si è detto ovviamente entusiasta del risultato:

“Sono contento: oggi è stata davvero una giornata molto positiva. Sono riuscito a fare un ottimo crono nel tempo secco sul giro, ma anche nella simulazione di gara abbiamo raccolto buoni risultati. Sono stato sugli stessi tempi registrati in gara da Lorenzo lo scorso anno e questo mi fa ben sperare in vista dell’avvio della stagione. Sono molto fiducioso per la gara in Qatar.”

Aggiungendo poi via Twitter:

“Buonanotte amici, lascio il Qatar con una sensazione molto buona, sarà un anno molto divertente!”

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

Discreti segnali di ripresa anche per l’altro pilota del team NGM Forward racing, l’americano Colin Edwards, che ha migliorato anche oggi le sue prestazioni e chiude questa trasferta in Qatar con 1.55.978, settimo tempo nella classifica combinata dei tre giorni. Edwards ha chiuso oggi a 1″1 dal velocissimo compagno di colori, il che è un buon segno visto che in precedenza i suoi ‘distacchi erano stati ben più pesanti. Queste le sue parole a fine giornata:

“Sono abbastanza soddisfatto di questa tre giorni di lavoro, abbiamo fatto molti passi in avanti, ma c’è ancora molto da fare. Ho costantemente migliorato il mio tempo sul giro e il mio feeling con la moto. Oggi ho provato ancora alcune regolazioni a livello di elettronica e sono contento. Ho una buona confidenza alla guida e sono pronto per la prima gara, non vedo l’ora di scendere in pista.”

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

....
condividi 0 Commenti

Test MotoGP Qatar Day-3: Pol Espargarò KO, Aleix il più veloce [Foto]

pubblicato da Adriano

I piloti MotoGP tornano in pista a Losail per l’ultima delle tre giornate di test prima dello start del Mondiale 2014. Segui la nostra diretta LIVE del Day 3.

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

La terza giornata del test MotoGP di Losail si è chiusa nel segno dei fratelli Espargarò, anche se all’insegna di emozioni fortemente contrastanti tra loro. Il maggiore dei due, Aleix (NGM Forward Racing), si è infatti aggiudicato il Day-3 con il crono di 1:54.874, il miglior tempo fatto registrare in questa ‘tre-giorni’ di test in Qatar, mettendosi alle spalle il fratellino Pol (Yamaha Tech3) per soli 33 millesimi, ma quest’ultimo è stato purtroppo vittima di una caduta nell’ultima ora della sessione con la quale si è procurato la rottura della clavicola.

Per Pol, Campione del Mondo in carica della Moto2, si è trattato sicuramente di un brutto colpo dopo una giornata fino a quel punto sicuramente positiva, forse la migliore del suo pre-campionato in sella alla M1 ‘Factory del team francese. Lo spagnolo andrà sotto i ferri lunedì a Barcellona, ma dovrebbe riuscire a recuperare in tempo per il GP di apertura in Qatar del 23 Febbraio. Il suo compagno di colori Bradley Smith, a sua volta vittima di una caduta ma senza conseguenze, ha chiuso la giornata con il terzo tempo (1:55.027) precedendo le Honda RC213V ‘Factory’ di Stefan Bradl (LCR Honda, +0.313) e Alvaro Bautista (GP&FUN honda Gresini, +0.358), anche loro scivolati nel corso della giornata.

Buon sesto tempo per la Ducati GP14 di Andrea Iannone (Pramac Racing), staccato di 644 millesimi dal miglior tempo di oggi. L’americano Nicky Hayden (Drive M7 Aspar) è stato ancora una volta il migliore tra i piloti in sella alla nuova Honda RCV1000R ‘Open’, chiudendo al nono posto assoluto a 1″4 dalla FTR Yamaha di Aleix Espargarò. 15° Danilo Petrucci con la ART del team IodaRacing Project e un distacco dal leader di poco superiore ai 3″2.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP 2014 - Test Qatar - Classifica Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

1 ESPARGARO, Aleix | NGM Mobile Forward Racing | 1:54.874
2 ESPARGARO, Pol | Monster Yamaha Tech 3 | 1:54.907 +0.033
3 SMITH, Bradley | Monster Yamaha Tech 3 | 1:55.027 +0.153
4 BRADL, Stefan | LCR Honda MotoGP | 1:55.187 +0.313
5 BAUTISTA, Alvaro | GO&FUN Honda Gresini | 1:55.232 +0.358
6 IANNONE, Andrea | Pramac Racing | 1:55.518 +0.644
7 EDWARDS, Colin | NGM Mobile Forward Racing | 1:55.978 +1.104
8 HERNANDEZ, Yonny | Energy T.I. Pramac Racing | 1:56.056 +1.182
9 HAYDEN, Nicky | Drive M7 Aspar | 1:56.273 +1.399
10 AOYAMA, Hiroshi | Drive M7 Aspar | 1:57.006 +2.132
11 REDDING, Scott | GO&FUN Honda Gresini | 1:57.009 +2.135
12 BARBERA, Hector | Avintia Racing | 1:57.142 +2.268
13 ABRAHAM, Karel | Cardion AB Motoracing | 1:57.342 +2.468
14 DI MEGLIO, Mike | Avintia Racing | 1:57.669 +2.795
15 PETRUCCI, Danilo | IodaRacing Project | 1:58.086 +3.212
16 LAVERTY, Michael | Paul Bird Motorsport | 1:58.555 +3.681
17 PARKES, Broc | Paul Bird Motorsport | 1:58.971 +4.097

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP 2014 - Test Qatar - La diretta del Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

21:02: Nessun exploit dell’ultimo minuto, Aleix Espargarò si aggiudica la terza giornata di test a Losail davanti al fratello Pol, rimasto vittima di un incidente nel quale si è rotto la clavicola. Dai primi reports, sembra comunque che l’infortunio non gli impedirà di debuttare in MotoGP nella prima gara della stagione:

20:52: Secondo le prime indiscrezioni, Pol Espargarò avrebbe erroneamente messo in folle scalando dalla seconda alla prima marcia alla curva 6, andando lungo e poi cadendo nella ghiaia. Il giovane talento del team Tech 3 - al momento ancora secondo nella classifica di giornata, 33 millesimi dietro al fratello Aleix - avrebbe comunque buone possibilità di partecipare al round di aperteura della stagione tra 15 giorni.

20:50: Tutto tranquillo invece per quanto riguarda la classifica tempi, immutata a 10 minuti dalla fine della sessione.

20:48: Confermata la rottura della clavicola sinistra per Pol Espargarò. Secondo quanto comunicato da un tweet ufficiale dell’organizzazione, il giovane pilota spagnolo sarà operato già domani sera a Barcellona.

20:36: Pol Espargarò è già al centro medico del circuito di Losail, si attendono ulteriori aggiornamenti.

20:33: Arriva la notizia della rottura della clavicola per Pol Espargarò, vittima di una caduta circa un quarto d’ora fa alla curva 6.

20:27: pochissimi piloti in pista al momento in vista dell’ultima mezzora.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

20:21: Situazione ancora stabile per quanto riguarda i tempi, con pochi cambiamenti limitati alla parte bassa della classifica. Questa la situazione poco meno di 40 minuti dall’esposizione della bandiera a scacchi:

1 ESPARGARO, Aleix | NGM Mobile Forward Racing | 1:54.874
2 ESPARGARO, Pol | Monster Yamaha Tech 3 | 1:54.907 +0.033
3 SMITH, Bradley | Monster Yamaha Tech 3 | 1:55.027 +0.153
4 BRADL, Stefan | LCR Honda MotoGP | 1:55.187 +0.313
5 BAUTISTA, Alvaro | GO&FUN Honda Gresini | 1:55.232 +0.358
6 IANNONE, Andrea | Pramac Racing | 1:55.518 +0.644
7 EDWARDS, Colin | NGM Mobile Forward Racing | 1:55.978 +1.104
8 HERNANDEZ, Yonny | Energy T.I. Pramac Racing | 1:56.056 +1.182
9 HAYDEN, Nicky | Drive M7 Aspar | 1:56.273 +1.399
10 REDDING, Scott | GO&FUN Honda Gresini | 1:57.009 +2.135
11 BARBERA, Hector | Avintia Racing | 1:57.142 +2.268
12 AOYAMA, Hiroshi | Drive M7 Aspar | 1:57.251 +2.377
13 ABRAHAM, Karel | Cardion AB Motoracing | 1:57.342 +2.468
14 DI MEGLIO, Mike | Avintia Racing | 1:57.669 +2.795
15 PETRUCCI, Danilo | IodaRacing Project | 1:58.086 +3.212
16 LAVERTY, Michael | Paul Bird Motorsport | 1:58.555 +3.681
17 PARKES, Broc | Paul Bird Motorsport | 1:58.971 +4.097

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

20:05: A meno di un’ora dalla chiusura della sessione, rimane invariata la situazione nella classifica tempi. Dopo la caduta, ritorna in pista anche lo spagnolo Hector Barberà.

19:59: 1:56.803 per Smith, 1:57.031 per Bradl: nessuno dei due migliora.

19:55: Nessun tempo di rilevo al momento per Bradley Smith, mentre torna in pista anche Stefan Bradl. Aleix Espargarò ha invece terminato il suo long-run ed è tornato ai box.

19:48: Rientra in pista Bradley Smith.

19:35: Situazione stabile per quanto riguarda la classifica dei tempi.

19:20: Cade anche Bradley Smith, nessuna conseguenza per il pilota.

19:16: Nuova scivolata per Bradl, senza conseguenze. Caduta anche per Hector Barberà.

19:12: Rientrano in pista insieme anche i due alfieri del team Avintia Racing, lo spagnolo Hector Barbera e il francese Mike Di Meglio.

19:08: Nessun miglioramento al momento, con Aleix Espargarò che in questa uscita, per ora, non è anfato oltre l’1:56.606 (ma forse sta effettuando la sua simulazione di gara), Bradl che ha fatto segnare un 1:56.012 e Bradley Smith che è tornato subito ai box senza completare neppure una tornata.

19:00: A due ore dal termine della sessione tornano in pista anche Aleix Espargarò, Colin Edwards, Bradley Smith e Nicky Hayden.

18:57: 1:56.242 il primo rilievo cronometrico fatto segnare da Bradl dopo la caduta.

18:54: Ritornano in pista Stephan Bradl e Yonny Hernandez.

18:43: Nicky Hayden scende a 1:56.574 e si riprende il primato tra le Honda ‘Open’, sopravanzando Scott Redding al nono posto.

18:35: Migliora Colin Edwards, che con il suo 1:55.978 ’scavalca’ Yonny Hernandez posizionandosi al settimo posto. 1.1″ il suo distacco dal miglior tempo del compagno di colori Aleix Espargarò.

18:33: Scivolata anche il tedesco Stefan Bradl alla curva 6, ma anche in questo caso nessun problema per il pilota.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

18:30: Approfittiamo di questo momento di calma in pista per fare il punto della situazione nella classifica tempi quando mancano due ore e mezza alla fine del turno:

1 ESPARGARO, Aleix | NGM Mobile Forward Racing | 1:54.874
2 ESPARGARO, Pol | Monster Yamaha Tech 3 | 1:54.907 +0.033
3 SMITH, Bradley | Monster Yamaha Tech 3 | 1:55.027 +0.153
4 BRADL, Stefan | LCR Honda MotoGP | 1:55.187 +0.313
5 BAUTISTA, Alvaro | GO&FUN Honda Gresini | 1:55.232 +0.358
6 IANNONE, Andrea | Pramac Racing | 1:55.518 +0.644
7 HERNANDEZ, Yonny | Energy T.I. Pramac Racing | 1:56.196 +1.322
8 EDWARDS, Colin | NGM Mobile Forward Racing | 1:56.872 +1.998
9 REDDING, Scott | GO&FUN Honda Gresini | 1:57.113 +2.239
10 BARBERA, Hector | Avintia Racing | 1:57.142 +2.268
11 HAYDEN, Nicky | Drive M7 Aspar | 1:57.248 +2.374
12 AOYAMA, Hiroshi | Drive M7 Aspar | 1:57.251 +2.377
13 ABRAHAM, Karel | Cardion AB Motoracing | 1:57.562 +2.688
14 DI MEGLIO, Mike | Avintia Racing | 1:57.669 +2.795
15 PETRUCCI, Danilo | IodaRacing Project | 1:58.552 +3.678
16 LAVERTY, Michael | Paul Bird Motorsport | 1:58.555 +3.681
17 PARKES, Broc | Paul Bird Motorsport | 1:58.971 +4.097

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

18:22: Caduta per Alvaro Bautista alla curva 4, apparentemente senza grosse conseguenze per moto e pilota.

18:20: Situazione al momento stabile nella graduatoria dei tempi.

18:03: Significativo miglioramento di Andrea Iannone, che con 1:55.518 rimane 6° ma a 644 millesimi dal best lap (e a 286 millesimi dalla Honda ‘Factory’ Di Bautista), al momento ancora 5°.

17:56: Sempre sesto Andrea Iannone con il suo 1:56.163, davanti al compagno di squadra Yonny Hernandez per 33 millesimi.

17:44: Gran crono di Pol Espargarò, che con 1:54.907 si porta a soli 33 millesimi dal fratello.

17:37: 1:55.051 il successivo passaggio di Aleix Espargarò.

17:34: Torna davanti Aleix Espargarò, primo a scendere sotto la soglia dell’1′55″ con 1:54.874.

17:24: Passa in testa Bradley Smith con 1:55.027.

17:18: Tempi stabili dall’ultimo aggiornamento.

17:08: Migliorano sia Pol Espargarò (1:55.430) che Bradley Smith con (1:55.718).

16:57: Migliora Bradley Smith con 1:56.156: il britannico rimane al quinto posto, ma il suo gap dal miglior crono è ora inferiore al secondo (+0.966).

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

16:52: Momento di calma nelle prime posizioni, questa la classifica provvisoria dei tempi di giornata:

1 ESPARGARO, Aleix | NGM Mobile Forward Racing | 1:55.160
2 BRADL, Stefan | LCR Honda MotoGP | 1:55.187 +0.027
3 BAUTISTA, Alvaro | GO&FUN Honda Gresini | 1:55.232 +0.072
4 ESPARGARO, Pol | Monster Yamaha Tech 3 | 1:55.486 +0.326
5 SMITH, Bradley | Monster Yamaha Tech 3 | 1:56.213 +1.053
6 IANNONE, Andrea | Pramac Racing | 1:56.339 +1.179
7 HERNANDEZ, Yonny | Energy T.I. Pramac Racing | 1:56.667 +1.507
8 EDWARDS, Colin | NGM Mobile Forward Racing | 1:56.872 +1.712
9 REDDING, Scott | GO&FUN Honda Gresini | 1:57.116 +1.956
10 BARBERA, Hector | Avintia Racing | 1:57.142 +1.982
11 HAYDEN, Nicky | Drive M7 Aspar | 1:57.248 +2.088
12 AOYAMA, Hiroshi | Drive M7 Aspar | 1:57.904 +2.744
13 DI MEGLIO, Mike | Avintia Racing | 1:58.514 +3.354
14 PETRUCCI, Danilo | IodaRacing Project | 1:58.648 +3.488
15 PARKES, Broc | Paul Bird Motorsport | 2:00.187 +5.027
16 LAVERTY, Michael | Paul Bird Motorsport | 2:00.920 +5.760
NC ABRAHAM, Karel | Cardion AB Motoracing

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

16:45: Pol Espargarò firma un 1:55.213 e si piazza al quarto posto a 326 millesimi dal miglior tempo del fratello maggiore.

16:39: 1:55.213 per Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) al suo terzo giro di oggi, quarto posto provvisorio per lui a circa un secondo dai primi tre, che sono raccolti in un solo decimo. Migliora Iannone, ora 6° con 1:56.339.

16:36: Subito 1:55.187 per Stefan Bradl al suo terzo giro: l’ex iridato della Moto2 si installa al 2° posto a 27 millesimi dal miglior crono.

16:34: Subito 1:55.951 per Stefan Bradl (LCR Honda) al suo secondo giro di oggi. Il tedesco è terzo a meno di 8 decimi dal crono di Aleix Espargarò.

16:32: Risposta immediata di Aleix Espargarò, che scende a 1:55.160 e ritorna al primo posto con il miglior tempo del weekend di Losail.

16:31: Aleix Espargarò scende a 1:55.540, ma gli risponde subito Bautista con 1:55.232.

16:28: 1:57.017 per Colin Edwards, che è sesto a +1.311 dal miglior tempo del compagno di squadra.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

16:26: 1:56.252 per Pol Espargarò, che riesce a scavalcare Iannone e si piazza al terzo posto provvisorio. di nuovo in pista Aleix Espragarò e Alvaro Bautista.

16:23: Bei tempo anche per Yonny Hernandez (1:56.681) e Scott Redding (1:57.116), che si piazzano rispettivamente al 5° e 6° posto della classifica.

16:21:: Subito 1:56.744 per Pol Espargarò, che sale al quarto posto alle spalle di Iannone.

16:18: Rientrati Aleix Espragarò e Alvaro Bautista, scendono in pista Scott Redding (Go&Fun Honda Gresini), Pol Espargarò (Monster Yamaha Tech3) e Yonny Hernandez (Ducati Pramac).

16:14: Ancora botta e risposta tra Aleix Espragarò e Alvarò Bautista: il secondo firma un 1:55.851 e si piazza davanti a tutti, il secondo firma subito un 1:55.706 e si riporta in cima alla classifica dei tempi. Ricapitaliamo la situazione in classifica:

1 ESPARGARO, Aleix | NGM Mobile Forward Racing | 1:55.706
2 BAUTISTA, Alvaro | GO&FUN Honda Gresini | 1:55.851 +0.145
3 IANNONE, Andrea | Pramac Racing | 1:56.406 +0.700
4 BARBERA, Hector | Avintia Racing | 1:57.142 +1.436
5 DI MEGLIO, Mike | Avintia Racing | 1:58.549 +2.843
6 PETRUCCI, Danilo | IodaRacing Project | 1:58.648 +2.942
7 HAYDEN, Nicky | Drive M7 Aspar | 2:00.102 +4.396
8 LAVERTY, Michael | Paul Bird Motorsport | 2:09.565 +13.859

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

16:12: Aleix Espragarò fa segnare un 1:55.969 al suo terzo giro e prende la testa della classifica.

16:11: 1:56.735 per Aleix Espragarò, che sale al terzo posto, ma si migliora anche Bautista con un 1:56.095 al suo terzo giro.

16:09: Alvaro Bautista subito davanti con 1:56.119 al suo secondo giro. Barbera terzo dietro a Iannone con 1:57.311.

16:06:: 2:02.011 il primo riscontro cronometrico di Hayden, evidentemente poco indicativo. Lasciano i box anche Di Meglio (Avintia Racing), e i due piloti che si sono divisi gli onori nelle prime due giornate di questo test: gli spagnoli Alvaro Bautista (GO&FUN Honda Gresini) ed Aleix Espargarò (NGM Forward Racing).

qatar motogp

16:00: Anche Nicky Hayden (Drive M7 Aspar) in pista, rientra Andrea Iannone.

15:57: 1:56.406 per Andrea Iannone, entra in pista Hector Barberà (Avintia Racing).

15:53: Iannone fa segnare un 1:56.742 al suo terzo giro, Petrucci fa segnare la sua miglior prestazione del weekend con 1:58.648.

15:47: Torna in pista Petrucci (che sta provando il nuovo telaio Aprilia, un nuovo serbatoio e una nuova sella) seguito da Andrea Iannone (Pramac Racing).

15:28: Michael Laverty rientrato ai box, senza aver fatto segnare tempi di rilievo.

15:22: Entra in pista Michael Laverty con la PBM (su base Aprilia RSV4) del team Paul Bird Motorsport.

15:15: Nessun pilota in pista al momento.

Galleria MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3MotoGP Test Qatar 2014 - Day 3

15:05: Petrucci ai box dopo 9 giri.

14:57: Petrucci scende a 2:00.136 con l’ultimo dei 7 giri completati fino ad ora.

14:46: 2:00.519 per Petrucci, che rimane al momento l’unico pilota ad essere sceso in pista. 1:59.305 il miglior tempo fatto segnare dal pilota umbro nella giornata di ieri.

14:40: 2:00.634 il primo crono ’significativo’ di Petrucci.

14:35: Danilo Petrucci è il primo ad assaggiare il circuito con la ART del team IodaRacing.

14:30: Partenza lenta, come ieri: ancora nessun pilota è sceso in pista.

14:15: Ancora nessun pilota in pista.

14:00: Aperta la pit-lane.

13:50: 10 minuti all’apertura della pit-lane.

Sta per cominciare sul tracciato di Doha/Losail l’ultima giornata di test MotoGP prima del primo round della stagione, il GP del Qatar, che si disputerà su questo stesso circuito il prossimo 23 Marzo. Come noto, i team ufficiali dei tre costruttori impegnati nella Premier Class (Honda, Yamaha e Ducati) non sono della partita - in quanto hanno già fatto lo speciale test Bridgestone di Phillip Island a inizio settimana - e questo ha permesso a tutti gli altri piloti di conquistarsi le luci della ribalta che di solito sono riservate ai ‘big’ della categoria.

Nel Day-1 erano state le Yamaha a svettare con Aleix Espargarò (NGM forward Racing), autore di un 1:55.386, che con la sua FTR-Yamaha ‘Open’ aveva preceduto le M1 ‘Factory’ del team Tech3 di Bradley Smith e del ‘fratellino’ Pol Espargarò. Nel Day-2 di ieri sono state invece le Honda RC213V ‘Factory a dettar legge, con lo spagnolo Alvaro Bautista (Go&Fun Honda Gresini) che ha preceduto il tedesco Stefan bradl (LCR Honda) grazie al suo 1:55.194.

Oggi ci sarà quindi la ‘resa dei conti’ per capire chi saranno i maggiori antagonisti dei piloti ufficiali in vista dell’ormai imminente primo round della stagione.

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2

MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2MotoGP Test Qatar 2014 - Day 2

....
condividi 0 Commenti

Aleix Espargarò davanti a tutti a Losail: "Il feeling è buono"

pubblicato da Adriano

Dopo gli ottimi risultati di Sepang, lo spagnolo del team NGM Forward Racing si aggiudica la prima giornata di test sul circuito di Doha, in Qatar.

Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1

Con il crono di 1:55.386, Aleix Espargarò e la sua FTR-Yamaha si sono aggiudicati la prima giornata di test MotoGP sul circuito di Doha/Losail, in Qatar, che il prossimo 23 Marzo ospiterà il primo round del Motomondiale 2014. Lo spagnolo del team NGM Forward Racing e la sua Yamaha ‘Open’ hanno così fornito un’ulteriore dimostrazione di forza dopo i già impressionanti risultati ottenuti nei due precedenti test di Sepang, in Malesia, dove avevano costantemente battagliato con i prototipi ‘Factory’ giapponesi.

Avendo preso parte al test Bridgestone di Phillip Island ad inizio settimana, i team ufficiali di Honda, Yamaha e Ducati non partecipano a questo test di Losail (che è stato organizzato proprio per permettere alle altre squadre di ‘pareggiare’ il conto con i team invitati a collaudare le nuove coperture 2014 in Australia), e questo ha consentito ad Aleix Espargarò di conquistare subito il centro della scena nella prima delle tre giornate in programma, anche se la concorrenza comunque non gli è certo mancata.

L’avversario più agguerrito visto in pista oggi è stato Bradley Smith, che con la M1 ‘Factory’ del team Yamaha Tech3 si è scambiato più volte la leadership provvisoria nella classifica dei tempi con Esprgarò, cedendo solo nel finale per 253 millesimi. Terzo tempo invece per l’altra M1 Tech3 di Pol Espargarò, staccato di 686 millesimi dal fratello maggiore e di 433 dal compagno di box.

Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1Test MotoGP Qatar 2014 - Day 1

Al termine della prima giornata di test, il maggiore dei fratelli Espargarò non può che ribadire la sua soddisfazione per un pre-campionato che continua a vederlo tra i protagonisti:

“E’ stata una giornata di lavoro molto positiva. Non sono partito fortissimo, ma quando, a un’ora e mezza dal termine del turno, ho montato la gomma dura davanti sono riuscito a ritrovare le stesse sensazioni di Sepang e ad andare veloce. Il feeling è buono sia con la gomma dura sia con la morbida e questo mi da molta fiducia in vista dell’avvio della stagione e delle prime gare.”

Dall’altra parte del box Forward Racing, il fresco 40enne Colin Edwards invece non può che interrogarsi sul distacco ancora una volta consistente dal suo giovane compagno di colori. Il texano ha chiuso la giornata con un miglior crono ‘personale’ di 1:56.961, a oltre 1″5 di ritardo dalla migliore prestazione odierna, mostrando comunque qualche segno di crescita:

“Oggi non è andata male. Siamo partiti da quanto fatto a Sepang continuando a lavorare per migliorare il feeling in curva e sono abbastanza soddisfatto. Sono riuscito ad abbassare il mio limite sul giro e a migliorare la mia posizione in classifica. Anche il mio feeling con l’anteriore è migliorato, abbiamo ancora molto da fare, dobbiamo continuare così.”

....
condividi 0 Commenti

FTR puntualizza: "Partner con Forward Racing in MotoGP e in Moto2"

pubblicato da Adriano

Con un comunicato ufficiale, il telaista inglese chiarifica il rapporto di collaborazione con il team guidato da Giovanni Cuzari.

Test MotoGP Sepang 2014 - Day 2

L’annuncio di ieri da parte del team NGM Forward Racing in relazione al proprio impegno in Moto2 con una nuova moto, la Forward KLX con telaio su base Kalex, ha innescato una serie di speculazioni di vario genere - soprattutto sui media esteri - riguardo al rapporto tra la squadra italiana ed il telaista inglese FTR, con il quale è già partner nell’ambizioso progetto FTR-Yamaha ‘Open’ in MotoGP.

A tali speculazioni, FTR ha sentito il bisogno di rispondere direttamente con un comunicato ufficiale - a firma del Managing Director Jon Jones - nel quale puntualizza alcuni aspetti del suo rapporto con il team guidato da Giovanni Cuzari. Innanzitutto, FTR sottolinea il forte rapporto di collaborazione con il team Forward Racing e Yamaha per il progetto MotoGP 2014, i cui risultati nel recente test ufficiale di Sepang sono andati seriamente ogni oltre più rosea previsione, specificando che “si concentrerà su questo progetto”.

In seconda battuta, recita il comunicato, “FTR e Forward Racing si concentreranno sul miglioramento delle prestazioni della squadra Moto2 in qualità di “partner tecnici”, con entrambe le parti che sarebbero convinte che questa sia giusta decisione da prendere per la propria partnership nel 2014. In pratica, FTR focalizzerà tutti i suoi sforzi sulle Yamaha Open di Aleix Espargarò e Colin Edwards limitando il suo coinvolgimento in Moto2 a quello di ‘consulente’.

Con particolare riferimento ad alcune voci apparse sui media in merito al programma Moto2 di Forward Racing, FTR ha voluto chiarificare che “non ci sono problemi di carattere tecnico o finanziario tra FTR e Forward Racing”.

La FTR-Yamaha è stata probabilmente la più grande sorpresa della prima tornata di test ufficiali IRTA della MotoGP a Sepang, con Aleix Espargarò che ha chiuso la tre giorni malese con il quarto tempo assoluto, a meno di mezzo secondo dal nuovo record della pista firmato da Marc Marquez e davanti a diversi prototipi ‘Factory’. Il compagno di squadra Colin Edwards invece ha chiuso il test di Sepang al 14° posto, a oltre 1″5 dal nuovo compagno di colori, ed in una recente dichiarazione raccolta da MCN si è detto sorpreso del livello del giovane team-mate spagnolo:

“Sta guidando in modo incredibile e io sono felicissimo per il team: hanno fatto un grande lavoro per portarci nella posizione in cui siamo adesso. Quindi è una festa per tutti. Io posso vedere quanto può essere veloce la moto, quindi è solo una questione di prenderci confidenza. E’ stato un test fantastico per vedere quello di cui disponiamo. Ho sempre pensato bene di lui [Espargarò], ma forse è anche un po’ meglio. Ma lui è davvero bravo. Ha 24 anni, e quella è una bella età per andare veloce….”

....
condividi 0 Commenti