Live da Motegi: parlano i protagonisti dopo le prove

Stoner insolitamente nervoso a MotegiMotegi. A volte succede quello che non ti aspetti. Succede che alla vigilia della gara in cui potrebbe laurearsi campione del Mondo Casey Stoner - per la prima volta in questa sua fantastica stagione - sia nervoso.
Nervoso come non lo avevamo visto mai, e pure per diversi motivi: come se non bastasse la tensione che in una gara del genere sarebbe naturale, ci si mette anche la sua Ducati, che oggi non era perfetta come lo era stata finora.
A sopresa l'australiano non è andato oltre il nono tempo nelle qualifiche del GP del Giappone e dovrà sfruttare il warm-up di domani per ritrovare la sintonia con la sua GP7. Ed alzare il morale, che come lui stesso racconta ora non è di certo alle stelle: "Non siamo riusciti a trovare un buon feeling con la moto, e, naturalmente, sono abbastanza deluso. Penso che con la seconda gomma da qualifica sarei comunque riuscito a migliorare il mio tempo se l'ultima modifica provata non avesse reso la moto difficile da gestire in frenata, tanto che ho mancato una marcia nell'ultima curva lasciando, solo lì, quasi mezzo secondo".

"Le gomme non erano male, anzi, l'intero pacchetto che avevamo nelle libere della mattina era piuttosto buono, solo che nel pomeriggio non si comportava allo stesso modo. Abbiamo perso molto tempo cercando, inutilmente, di trovare una soluzione.
Adesso sappiamo che dobbiamo migliorare ancora un po' il nostro assetto, e domani nel warm-up proveremo altre cose. Se domattina riusciremo a progredire un po', partire dalla terza fila non sarà un problema troppo grande perché con qualche sorpasso possiamo tornare a lottare davanti
".

Ottimista in ogni caso anche Livio Suppo, direttore del progetto MotoGP: "Stoner non è soddisfatto del set-up, ha fatto fatica. Però ci sta che incontri delle difficoltà dopo che su 14 gare tutto è andato alla perfezione. Ha 21 anni, lotta per il titolo, più si avvicina l'obiettivo e più sale la pressione e diventa nervoso. Se non vinciamo qui non sarà un problema. Il vantaggio è grande, non deve pensare al campionato".

Rossi soddisfatto dopo le qualifiche

Camoionato al quale non ci pensa più da un pezzo l'antagonista numero uno dell'australiano, quel Valentino Rossi che come sempre accade nei momenti bui mostra una forza incredibile, ed insieme al velocissimo Daniel Pedrosa può sorridere: Rossi del resto in Giappone è sempre considerato al pari di una divinità, e dopo i problemi del venerdì le cose sembrano aver iniziato a funzionare come si deve. Complice il buon rendimento delle gomme Michelin.
Come lui stesso racconta "Rischio di rovinare la festa a Stoner? È il mio obiettivo.
Comunque Pedrosa è stato molto veloce, e ha qualcosa in più di noi. Le Michelin sembra vadano bene, speriamo che tengano botta fino alla fine. È molto importante essere in prima fila qui. Abbiamo fatto degli esperimenti di setting nel pomeriggio, ma è andata male. Inoltre col caldo la pista era più lenta. Mi sento bene sulla moto, dobbiamo fare altre due o tre modifiche per migliorare ma spero di giocarmela
".
L'appuntamento è per domattina alle 7, regolate la sveglia, ci sarà da divertirsi!

via | Gazzetta

  • shares
  • Mail
51 commenti Aggiorna
Ordina: