Stefan Dörflinger diventa MotoGP Legend

Il 4-volte iridato svizzero è il 29° pilota ad entrare a far parte della "Hall Of Fame" del Motomondiale. Al Sachsenring la cerimonia ufficiale.

Lo svizzero Stefan Dörflinger, oggi 70enne, è l'ultimo pilota ad essere stato nominato ufficialmente MotoGP Legend nel corso di un'apposita cerimonia a contorno del GP di Germania, ottavo appuntamento del Mondiale MotoGP 2019, in programma questo fine settimana sul circuito del Sachsenring (clicca qui per orari e copertura televisiva).

Dörflinger, svizzero ma nato vicino a Karlsruhe, in Germania, nel 1948, si mise particolarmente in luce a inizio anni '80, quando vinse quattro mondiali consecutivi nelle cosiddette classi minori: 2 titoli nella classe 50cc nel 1982 e nel 1983, con il team ufficiale dell'olandese Van Veen; 2 titoli nella allora neonata classe 80cc, nel 1984 con la Zündapp e nel 1985 con una Krauser-Van Veen.

La carriera di Dörflinger si è articolata su ben 18 stagioni del Motomondiale, con i primi punti iridati raccolti nel GP delle Nazioni del 1973 e la prima vittoria risalente al GP del Belgio del 1980. Con l'abolizione della classe 80cc nel 1989, lo svizzero provò a rilanciarsi nella classe 125cc ma con poca fortuna, ritirandosi al termine della stagione 1990 a 42 anni suonati.

Dörflinger è il 29° pilota ad entrare nella "Hall Of Fame" del Motomondiale, accodandosi così a una lunga lista di nomi illustri: Giacomo Agostini, Mick Doohan, Geoff Duke, Wayne Gardner, Mike Hailwood, Daijiro Kato, Eddie Lawson, Anton Mang, Angel Nieto, Wayne Rainey, Phil Read, Jim Redman, Kenny Roberts, Jarno Saarinen, Kevin Schwantz, Barry Sheene, Marco Simoncelli, Freddie Spencer, Casey Stoner, John Surtees, Carlo Ubbiali, Alex Crivillé, Franco Uncini, Marco Lucchinelli, Randy Mamola, Kork Ballington, Dani Pedrosa e Nicky Hayden.

  • shares
  • Mail