Moto3: Fernandez controlla l'asfalto con la mano in piena piega! [Video]

Pioggia in pista? Meglio verificare prima di fare sciocchezze: nel corso delle FP2 della Moto3 il pilota spagnolo ha staccato la mano in piena piega e controllato le condizioni dell'asfalto...

Niki Lauda sosteneva che, specialmente sul bagnato, un'automobile si guida "soprattutto con il culo": il recentemente scomparso Campione di Formula 1 non era il solo a ritenere che quando ci si trova al volante il fondoschiena sia una specie di secondo cervello, un sensore sensibilissimo che avverte i trasferimenti di carico e le perdite di aderenza, che aiuta il pilota a sentire la macchina e a gestirne le reazioni quando la si porta al limite.

Una teoria ancora validissima, che però nell'era dell'elettronica, dei microchip e delle telemetrie near-real time si scontra ovviamente una tecnologia che tende sempre di più a soppiantare l'essere umano e la sua sensibilità.

Alle volte, però, anche nel sofisticatissimo Motorsport dei giorni nostri i metodi di un tempo possono tornare utili: ce lo ha dimostrato quest'oggi, nel corso delle FP2 del GP di Barcellona, il portacolori dell'Angel Nieto Team Moto3 Raul Fernandez. Il pilota spagnolo, temendo che alcune gocce di pioggia avessero iniziato a bagnare l'asfalto del Montmelò, ha staccato la mano dal manubrio in piena piega, controllando l'asfalto... alla vecchia maniera.

La naturalezza con cui Raul ha appoggiato la mano a terra e ha controllato sul palmo la presenza di acqua sul guanto - tutto ciò mentre strusciava il ginocchio a terra - rende bene l'idea del controllo assoluto che questi campioni hanno del proprio mezzo...

  • shares
  • Mail