Yamaha rinnova la gamma Off-road: YZ450F e YZ250F le più attese

Motori più compatti e potenti, centralizzazione delle masse e tante piccole novità per puntare al vertice. Il MY2020 è allo stato dell'arte


I modelli Yamaha destinati al fuoristrada senza compromessi, partono dai piccoli, grazie naturalmente ai modelli YZ65 e YZ85 per poi fare il “passo” verso la 125, un modello che rappresenta il vero trampolino di lancio verso il mondo del motocross nel quale Yamaha ha il vanto di proporre una completissima gamma, per tutti i gusti, tutte le cilindrate e per tutte le categorie.

Per il 2020 però il marchio giapponese cala l’asso. Dopo aver dedicato anima e corpo in fase di progettazione e collaudo, presenta i propri due modelli di punta, la nuova YZ450F e la YZ250F. Per entrambe le novità non mancano: ambedue sono state completamente ridisegnate al fine di ottimizzare ogni singolo elemento alla ricerca del minor peso possibile con il dichiarato intento di aumentare maneggevolezza e reattività.

Il motore da 450cc con la caratteristica posizione rovesciata del cilindro è stato reso più compatto ed ora è ancora più potente. In questa configurazione 2020 il cilindro possiede inoltre un’inclinazione più accentuata enfatizzando ancora di più l’accentramento delle messe, a tutto vantaggio della sensazione di controllo durante la guida. Per aumentare la potenza la YZ450F possiede anche un nuovo pistone bridge-box e il rapporto di compressione cresce.


Altra novità molto interessante è l’introduzione (per la prima volta su una moto da Cross) della possibilità di connettere la moto ad un’App del proprio Smartphon. Si chiama Yamaha Power Tuner e permette di gestire la fasatura d’accensione e il mix aria/benzina per poter scegliere ed adattare le caratteristiche d’erogazione con grande semplicità. Inoltre il sistema registra informazioni, diagnosi e le ore di funzionamento del motore. Non manca il Launch Control, l’avviamento elettrico e il comando al manubrio per selezionare la mappa preimpostata, anche in gara.

Telaio, sospensioni e freni possiedono alcune novità, per il primo che continua ad essere in lega di alluminio, le travi laterali sono ora più leggere mentre i tubi inferiori hanno un diametro maggiorato, i punti di attacco del motore sono stati rivisti, sempre con l’obiettivo di accentrare le masse. Le sospensioni Kayaba sono state ottimizzate per offrire il top in termini di assorbimento delle asperità e aumentare la sensazione di maneggevolezza. Nuove le pinze dei freni con l’anteriore più rigida e la posteriore alleggerita rispetto alla precedente versione.

Molte delle caratteristiche descritte per la 450 si trovano anche a bordo della YZ250 che ne replica filosofia costruttiva sia per motore, telaio, sospensioni ed elettronica. Le nuove YZ saranno a breve disponibili presso i concessionari Yamaha con un lieve anticipo per la 250 disponibile già da luglio, mentre per la 450 occorrerà aspettare ancora un mesetto visto il suo arrivo è previsto ad agosto. E per chi non ne ha abbastanza è bene ricordare che esiste una vasta gamma di kit ufficiali Yamaha, la GYTR Hight Performance, ideali per impreziosire il proprio gioiellino made in Japan.

  • shares
  • Mail