Mugello, Rossi 18° nel Day-1: "Brutta posizione"

Ennesimo venerdì di libere opaco per il "Dottore" e la sua Yamaha al GP d'Italia: "Giornata difficile, mi aspettavo di essere più competitivo..."

Vedere Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha) lontano dai primi al termine di un venerdì di prove libere non è certo una sorpresa, ma c'è da scommettere che il "Dottore" della Yamaha si sarebbe aspettato qualcosa di molto meglio rispetto al desolante 18° tempo con cui oggi ha chiuso il Day-1 del "suo" GP d'Italia.

L'asso pesarese, come sempre salutato con grande calore dal pubblico del Mugello, ha lavorato sodo sin dalle FP1 del mattino alla ricerca del giusto set-up per la sua YZR-M1, ma la cosa si è rivelata ben più ardua del previsto, come sottolineato dal 12° posto con cui ha chiuso la prima sessione. 1'48.356 il suo best lap prima di pranzo, a 8 decimi dal battistrada Marc Marquez (Honda Repsol).

Nelle FP2 del pomeriggio, il 9-volte-iridato ha continuato a lavorare sull'assetto della moto abbassando di 630 millesimi la sua miglior prestazione del mattino, ma la sua posizione finale nella graduatoria combinata dei tempi della MotoGP era alla fine impietosa: il suo 1'47.726 gli valeva infatti solo un mesto 18° posto, a +0.994 dal miglior crono firmato dal suo "protetto" Francesco Bagnaia (Ducati Pramac Racing).

A fine giornata, un poco sorridente Valentino Rossi ha così analizzato gli esiti della sua prima giornata di lavoro tra le colline toscane:

"E 'stata una giornata difficile, sinceramente mi aspettavo di essere più competitivo, ma invece sono stato piuttosto lento. Già da stamattina avevo visto che non ero molto veloce, non mi sentivo molto bene e non sono stato in grado di guidare al massimo delle mie possibilità."

"La mia posizione di oggi è abbastanza brutta, quindi dobbiamo migliorare il prima possibile. Questo pomeriggio abbiamo provato le gomme dure, ma il nostro passo non è stato granché. Forse con le medie riusciamo ad andare un po' più forte. Comunque ci manca il passo, abbiamo provato diverse cose ma non abbiamo risolto molto."

Con le previsioni meteo per domani che sembrerebbero escludere precipitazioni, il "Dottore" potrà tentare di recuperare un posto nella Top 10 nelle FP3 di domattina, evitando così la sempre insidiosa Q1 che gli fu già fatale anche a Le Mans. La sua priorità, ad ogni modo, resta ritrovare il feeling con la sua M1:

"Nel tentativo di giro veloce ho trovato un po' di traffico e fatto qualche errore, ma ci manca comunque velocità. Dobbiamo migliorare in diversi aspetti e non solo in termini di velocità di punta, anche perché le altre Yamaha sono state tutte piuttosto veloci."

"Oggi non mi sono trovato bene con la moto, anzi, mi sono trovato in difficoltà. Abbiamo dei limiti di carattere generale che non si possono certo risolvere dall'oggi al domani, ma dobbiamo provare a migliorare il feeling con la moto ed essere più veloci nella parte guidata".

  • shares
  • Mail