Rea conquista Imola: "Qui nessuno si è mai arreso!"

Prima vittoria stagionale per il Campione del Mondo della Kawasaki, in testa per tutti i 19 giri: "Questa era proprio la mia strategia"

Indiscutibile vittoria per Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) nella Gara-1 del round di Imola del Mondiale Superbike 2019, quinta prova stagionale per il massimo campionato per "derivate dalla serie".

Dopo aver centrato il secondo tempo nelle qualifiche del mattino, il fuoriclasse nord-irlandese della Kawasaki e la sua fedele Ninja ZX-10RR hanno letteralmente dominato la corsa dall'inizio alla fine, mettendo in mostra un passo semplicemente inavvicinabile per tutti gli altri come testimoniato dai 7" di distacco rimediati sul traguardo del secondo classificato Alvaro Bautista (Aruba.it Ducati), fino ad oggi imbattuto leader del Mondiale. Quasi 20", invece, il gap inflitto al turco Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing), ottimo terzo sotto la bandiera a scacchi.


 
Quella di oggi è stata la prima vittoria stagionale per Rea - 8a per lui a Imola - un risultato che ha così interrotto la "striscia" di 11 vittorie consecutive in questa stagione di Bautista. Lo spagnolo della Ducati vanta ancora un solido vantaggio di 48 punti in classifica su di lui, ma la prestazione di oggi induce il Campione del Mondo in carica all'ottimismo:

"Sono molto orgoglioso di questa squadra! Anche se fino ad oggi, in questa stagione, non avevamo ancora vinto una gara, qui nessuno si è mai arreso. L'atmosfera all'interno del garage è incredibile, e la prima cosa che voglio fare è sottolineare il grande supporto dalla mia squadra!"

"È una vittoria davvero bella, dedicata a tutti coloro che hanno continuato a lavorare duramente per fare passi avanti con il set-up della moto. Mi sono sentito davvero bene in sella perché siamo riusciti a fare uno 'step' nella giusta direzione."

Il 32enne alfiere della Kawasaki ha poi spiegato come il trionfo di oggi a Imola - "condito" anche dal giro record di 1'46.023 - sia maturato esattamente secondo i suoi piani della vigilia:

"Sono riuscito a passare Chaz Davies dopo qualche curva nel primo giro e a quel punto mi sono semplicemente messo a spingere 'a testa bassa'. Questa era proprio la mia strategia per la corsa."

"Il nostro piano ha funzionato perfettamente: sono stato in grado di imporre il mio ritmo e negli ultimi giri ho potuto anche rallentare un po, in modo da godermi al massimo il momento. Voglio ringraziare Kawasaki perché, come ho detto, abbiamo fatto un importante passo avanti rispetto allo scorso anno".

Rea e gli altri protagonisti del Mondiale Superbike torneranno in pista domani mattina per la Gara Superpole di 10 giri e alle 14:00 per la Gara-2, di nuovo sulla distanza dei 19 giri (clicca qui per orari e copertura TV).

  • shares
  • Mail