Suzuki Katana alla Milano Design Week 2019

Arte, moda, cibo ed anche la Suzuki Katana, come portabandiera dell'universo motociclistico, in questa nuova edizione del Fuorisalone di Milano.

Alla Milano Design Week 2019 (9-14 aprile), la Suzuki Katana avrà un ruolo di primo piano, dopo aver guadagnato le luci dei riflettori ai Saloni Internazionali di Colonia e Milano. L'affascinante moto della casa giapponese, con sede principale ad Hamamatsu, saprà catturare l'interesse del pubblico del Fuorisalone, con una duplice presenza.

Un primo esemplare della specie sarà esposto fino al 14 aprile nell'ambito della mostra "Smart City: People, Technology and Materials", presso il Superstudio 13 di via Vincenzo Forcella 13: qui, da alcune settimane, il pubblico può ammirare le sue intriganti linee. Fino a domenica 14 aprile, una seconda Suzuki Katana sarà visibile presso il Material Village di via Tortona 27, nel cuore di una prestigiosa ed esclusiva area della città.

La Milano Design Week è un contesto appropriato per mettere in mostra la splendida moto giapponese, perché l'evento, nella sua complessa articolazione, miscela i temi dell'arte, della moda, della tecnologia e della mobilità, che si intrecciano continuamente, con una moltitudine di appuntamenti innovativi e all'avanguardia, come la Katana.

Il Fuorisalone ha allargato nel tempo i suoi orizzonti fino al cibo, alle auto e alle moto, diventando il cuore pulsante dell'evento insieme al nucleo storico di Rho Fiera del Salone Internazionale del Mobile, per definire insieme la Milano Design Week e farne un appuntamento di portata mondiale nel settore del design.

La Suzuki Katana si sposa perfettamente con lo spirito della manifestazione lombarda, come portabandiera del settore motociclistico, grazie al perfetto connubio di stile e tecnologia, che fa da ponte fra una tradizione artigiana millenaria e la mobilità contemporanea. Gli allestimenti espositivi in cui sarà coinvolta nel Fuorisalone saranno uniti da un concept in grado di evidenziarne la pulizia delle forme, la grande attenzione per i dettagli e il design unico e raffinato.

Questa moto è un autentico oggetto del desiderio, che fa apparire il motociclista come un moderno samurai. La sua simbiosi perfetta col biker emerge anche nella guida, affilata e precisa, grazie all'accurata messa a punto della ciclistica e alle sospensioni regolabili di alta qualità. La spinta è affidata a un motore 999cc da 150 cavalli, con controllo elettronico della tradizione regolabile e disattivabile. A rallentarne la foga provvede un ottimo impianto frenante, con pinze anteriori ad attacco radiale Brembo e con un sofisticato e leggero sistema ABS Bosch.

  • shares
  • Mail