SBK 2019: Ten Kate torna con Yamaha e Baz

La storica struttura olandese si appresta a entrare nel Mondiale Superbike 2019 con il quotato pilota francese e la 4-cilindri nipponica.

Il Mondiale Superbike si prepara a riaccogliere tra le sue fila uno dei team veramente "storici" della sua storia, la compagine olandese Ten Kate Racing, che dopo il polemico divorzio da Honda arrivato al termine della scorsa stagione (dopo 16 anni di partenrship nei Mondiali Superbike e Supersport) ha annunciato il suo ritorno già a partire dal 2019 con i suoi vecchi rivali di Yamaha.

La presentazione ufficiale di questo nuovo sodalizio avrà luogo in occasione del round di Assen (in programma da calendario nel weekend del 12-14 aprile), ma il team non parteciperà a quello che sarebbe il suo evento "casalingo". Tuttavia è già stato reso noto il nome del pilota che l'accompagnerà in questa nuova avventura,Loris Baz, 26enne francese dai trascorsi anche in MotoGP e rimasto "a piedi" lo scorso inverno dopo l'esperienza con Althea BMW.

L'annuncio è stato diramato ufficialmente nella giornata di ieri con un apposita conferenza stampa, dando così seguito all'annuncio di qualche settimana fa dal quale però ancora mancavano i nomi di pilota e costruttore coinvolti. L'arcano è stato quindi svelato permettendo a Loris Baz di rilasciare anche le sue prime dichiarazioni al sito ufficiale nella WSBK:

"Alla fine della scorsa stagione, non c’era nessuna piazza disponibile per me. Ho parlato a lungo col mio manager, Éric Mahé, ed eravamo entrambi d’accordo per non firmare con nessuno a meno che non mi avessero garantito la possibilità di lottare per le prime posizioni."

"Non c’era questa possibilità nel WorldSBK, allora abbiamo iniziato a cercarla in Gran Bretagna e negli Stati Uniti ma senza trovare niente di davvero stimolante. Abbiamo corso il rischio di passare una stagione ai margini, anche se Éric mi aveva detto che qualcosa sarebbe nato da Ten Kate pur senza fare alcuna promessa..."

Riguardo al supporto che il nuovo team riceverà da Yamaha, Baz ha spiegato che la sua YZF-R1 sarà praticamente identica a quella in dotazione al team GRT di Marco Melandri e Sandro Cortese:

"Yamaha ha in atto un programma "clienti", quindi la moto sarà la stessa che hanno sia Crescent che GRT. Ovviamente, se ci sarà qualche miglioramento durante l’anno, il team ufficiale sarà il primo a beneficiarne. L’unica differenza tra la mia moto e le altre saranno i freni: noi lavoreremo con la Nissin."

"La buona notizia è che riceveremo una moto già completa, non dovremo lavorare sullo sviluppo, e per questo spero di fare da subito delle buone performance. Possiamo batterci da subito per le posizioni di testa: l'obiettivo è quello di spingere la moto il più possibile e lottare per il podio".

  • shares
  • Mail