Melandri: "Buriram non è la pista migliore per Yamaha"

Cauto ottimismo per il ravennate in vista del prossimo round del Mondiale SBK 2019: "Il feeling con la moto migliora giorno dopo giorno"

Forte del 3° posto nella classifica del Mondiale Superbike dopo il round inaugurale di Phillip Island, Marco Melandri (GRT Yamaha) si presenta al round della Thailandia di questo fine settimana in qualità di miglior pilota Yamaha nella graduatoria iridata, un risultato che probabilmente neppure lui stesso si aspettava dopo i balbettanti test della pre-season.

Il 36enne pilota ravennate ha iniziato il suo 2019 in Australia cogliendo un eccellente 3° posto in Gara-1 - regalando così subito il podio alla sua nuova squadra, GRT Yamaha, al debutto nel Mondiale Superbike - e il suo obiettivo per questo weekend al Chang International Circuit non può che essere quello di ripetere quel risultato, su una pista che è comunque di suo gradimento.

Il tracciato di Buriram, in realtà, non è particolarmente impegnativo tecnicamente, ma il caldo tropicale e l'umidità tipiche di questo periodo dell'anno aggiungeranno certamente nuove "variabili" al lavoro di piloti e team. Melandri, ad ogni modo, si dichiara pronto per il weekend di gare (clicca qui per orari e copertura TV):

"Sono davvero contento di ritornare in Tailandia. È una pista che mi piace molto, anche se non è certamente il circuito più tecnico del calendario di quest'anno."

"Sulla carta, forse, non è la pista migliore per noi, perché ci sono due lunghi rettilinei e noi abbiamo ancora da lavorare tanto su quest'area della moto, ma penso che le alte temperature che ci aspettiamo questo fine settimana potrebbero giocare a nostro favore."

Nel weekend, infatti, si prevede che la temperatura a Buriram potrà arrivare a toccare i 40°C, con umidità attorno all'80%, il che renderà il tutto più difficile per i piloti. Melandri spera di sfruttare questa situazione per sorprendere ancora tutti con la sua YZF-R1:

"Mi sento bene e fiducioso dopo il primo round in Australia, il mio feeling sta migliorando "giorno dopo giorno" sia con la moto che con la squadra, quindi staremo a vedere cosa succederà nel weekend."

"Sarà anche interessante osservare se le cose cambieranno visto che non ci sono stati test precedenti al Chang International Circuit, per scoprire se tutti saranno veloci come lo sono stati a Phillip Island. Io comunque non vedo l'ora di iniziare il fine settimana."

  • shares
  • +1
  • Mail