Morbidelli "pronto per lottare" a Losail

Il 24enne romano pronto al via del Mondiale MotoGP 2019 con il nuovo team Yamaha Petronas SRT: "Ma per adesso non ci poniamo obiettivi"

C'è grande entusiasmo attorno al team Petronas Yamaha SRT, il nuovo team "satellite" della casa di Iwata che questo weekend farà il suo debutto in MotoGP nel Gran Premio inaugurale del Qatar (clicca qui per orari e copertura TV) dopo aver fatto vedere grandi cose nel corso dei test invernali.

I due piloti del team, l'italiano Franco Morbidelli e il rookie francese Fabio Quartararo, hanno fatto segnare tempi di tutto rispetto sia nel test di Sepang che, soprattutto, in quello successivo di Losail, dove questo fine settimana porteranno in pista le rispettive YZR-M1 per andare subito a caccia di un risultato di prestigio.

Franco Morbidelli sarà alla sua seconda stagione in Premier Class dopo un 2018 tutt'altro che esaltante in sella alla Honda del team Marc VDS Racing, esperienza che comunque gli ha fruttato il titolo platonico di "Rookie of The Year" e che conta di poter sfruttare quest'anno con Yamaha per raggiungere i vertici della categoria.

"Non vedo l'ora di correre il primo GP dell'anno, potremmo essere pronti per lottare anche là davanti."

"Per adesso non vogliamo prefissarci obiettivi, almeno fino a che non inizieremo a lavorare sulla moto a Losail mettendo insieme tutto ciò che abbiamo testato finora, e che ha prodotto dei risultati così buoni."

In vista del primo round stagionale, il 24enne romano non si è quindi lasciato andare a particolari proclami, dichiarandosi però soddisfatto del feeling già trovato con la nuova Yamaha YZR-M1 dopo un inizio difficile:

"Siamo riusciti a trovare un buon ritmo nel secondo giorno di test in Qatar, ma penso che noi piloti siamo ancora tutti molto vicini."

"In questa prima gara dovremo provare a sfruttare il fatto che le Yamaha sembrano rispondere molto bene su questa pista."

Dall'altro lato della box, l'esordiente Fabio Quartararo sarà invece il più giovane pilota in griglia. Il talento francese ha impressionato già tutto il paddock con una pre-season stellare, culminata nel test finale di Losail che ha chiuso con il secondo miglior tempo assoluto, a soli 233 millesimi dal best lap della M1 'ufficiale' di Maverick Vinales. Questo exploit lo ha certamente "ringalluzzito" in vista del gran debutto:

"Sono fiducioso in vista della mia prima sfida da pilota della MotoGP, è sempre un bene correre su un circuito dove hai appena provato. Per me, un buon risultato nel primo round stagionale sarebbe stato quello di arrivare in zona punti, ma adesso, guardando a come mi sono sentito nel test qui in Qatar, voglio di più!"

"Mi rendo anche conto che devo rimanere calmo e concentrato per riuscire a fare una buona gara, poi staremo a vedere che tipo di risultato sarà alla nostra portata."

  • shares
  • +1
  • Mail